KARMAMOI – ROOM 101

In questo caldo afoso della bassa reggiana, nel momento in cui scrivo questo breve articolo, sono all’ascolto, ormai da un mesetto, al nuovo lavoro di questo gruppo che proviene da Roma e si fa chiamare Karmamoi, nella fattispecie sto ascoltando il loro disco intitolato “Room 101”. Il disco si ispira (si legge nelle note a margine del rilascio del disco) dal libro “1984” di George Orwell. E la “Stanza 101” è descritta come la stanza di tortura allo scopo di eliminare i pensieri ribelli e ripulire la mente da tutto e renderla vergine e pronta alla propaganda del “Grande Fratello”. È questo tema che ha ispirato la produzione del disco, per altro autoprodotto dai tre componenti attuali della line-up della band, che sono Daniele Giovannoni (batteria, tastiere e cori), Alex Massari (chitarre) e Alessandro Cefalì (basso), alla voce abbiamo Sara Rinaldi e alcune partecipazioni di altri artisti tra i quali anche un tenore, Valerio Sgarbi. Leggendo le biografie dei tre componenti principali della band, emergono partecipazioni come musicisti al seguito di nomi altisonanti della musica pop italiana. La band nasce nel 2008 e all’attivo ha 5 altri lavori, il primo del 2011, che segna appunto l’esordio della band. Mi sono imbattuto per caso nella lettura del loro nome seguendo un sito legato alla musica prog-rock e devo dire che alla fine ho contattato il gruppo su Facebook per comprare la copia del CD, tanto sono rimasto sorpreso da questo “Room 101”. Come è questo disco? È stupendo. Atmosfere evocative, cupe e magnetiche, una miscela di sensazioni ed emozioni contrastanti che si fanno strada seguendo rotte imprevedibili, articolate, inquiete, ipnotiche, con quell’elemento claustrofobico tutto orwelliano che permea l’intero lavoro. E non è solo l’elemento sonoro quello che rende prezioso l’ascolto dell’album: c’è anche una componente lirica davvero azzeccata, resa in modo superbo dalla voce di Sara Rinaldi, che si inerpica e si intreccia perfettamente con tutto il resto della band e del contesto del sound. Altra nota importante: il disco è inciso a livelli maniacali, strumenti nitidissimi e perfettamente “a fuoco” un lavoro di postproduzione pazzesco. Le voci che si rincorrono in effetti eco lontani sono percettibilissime, come i vari ambiti di riverberi che richiamano appunto visivamente all’ascolto la percezione di essere proprio in una stanza chiusa. Incredibile. Le qualità artistiche dei tre componenti principali sono altissime, il ritmo segnato dalla batteria è perentorio e presente in modo perfetto dove serve, equilibratissimo, come per altro le linee di basso e di chitarra effettata in modo particolarmente riuscito. Se a livello tecnico siamo al top e sentiamo il cd sin dalla prima traccia, lasciandoci andare nelle “sole” 7 tracce che compongono il tutto, il viaggio si rivela meraviglioso. Si sentono echi di Rush, Depeche mode, Pink Floyd, Porcupine Tree, psichedelia e progressive miscelatissimi, come nel piu riuscito dei cocktail musicali. Le tracce hanno tutte una lunghezza tra i 7 e 11 minuti, in tipico stile progressivo. Quindi, tecnicamente e artisticamente un lavoro riuscitissimo. Credo di non ascoltare musica di questo livello da parecchio tempo. Gente che suona, sa suonare e lo fa benissimo e suona strumenti veri e non campioni presi qua e là, qui non ci sono tracce di digitale scopiazzato, è tutto hand made. Al momento, per il 2021, il migliore ascolto in assoluto. Ovviamente rimane un mio parere, ma leggendo in rete è così, vari recensori (molto piu bravi di me) eleggono questo disco tra i migliori del 2021 in ambito rock-prog. E come dargli torto….

Luca Lombardini

TARI, RIDUZIONI DEL 100% AGLI ESERCIZI COMMERCIALI COLPITI DALLE CHIUSURE

Nel corso del Consiglio comunale di Novellara che si è tenuto martedì 29 giugno è stata approvata la delibera che prevede la riduzione della TARI per le utenze non domestiche interessate dalle chiusure o che hanno subito restrizioni dell’attività nel corso dell’emergenza sanitaria. Le riduzioni riguardano la quasi totalità degli esercizi commerciali, includendo anche palestre, associazioni, ristoranti, bar, gelaterie, pasticcerie, parrucchiere ed estetiste: queste categorie godranno di una esenzione della tassa rifiuti fino al 100%.

Il costo delle riduzioni per le utenze non domestiche interessate ammonta ad euro 245.993,85 ed è finanziato dal D.L 73/2021 oltre che dalla quota 2020 vincolata in avanzo di amministrazione.

L’Assessore all’economia locale Stefania Sessi e l’Assessore al bilancio Simone Zarantonello esprimono soddisfazione per l’obiettivo raggiunto. Da mesi era aperto un canale di confronto con pubblici esercizi, ristoratori e commercianti, ed in particolare con l’Associazione Novellara Viva, che si occupa di valorizzazione e vivacità del centro commerciale naturale e raccoglie le voci di vari esercenti. Nei vari incontri con l’Amministrazione comunale i referenti di tali attività, esercizi più colpiti dalle chiusure avevano richiesto che il Comune prendesse misure di riduzione della tariffa 2021.

La tariffa relativa all’anno 2020 era stato ridotta in misura forfettaria del 25%, anche se tale intervento per l’anno passato non ha potuto colmare i disagi dati dalle chiusure, e dalle continue incertezze dei protocolli Covid. A tal proposito quindi l’Amministrazione ha voluto ancor più agire massicciamente sulle agevolazioni tariffe 2021, in modo da dare un segnale di rilancio con le riduzioni fino al 100% e con un incidenza del 33,5% sull’intero gettito Tari delle utenze non domestiche.

Nel corso dello stesso Consiglio comunale è stato inoltre approvato il nuovo Regolamento comunale per l’applicazione della TARI, che ha recepito il DL 116/2020, che riformula la classificazione dei rifiuti, andando ad estromettere i rifiuti assimilati dalla gestione e dalla raccolta pubblica. Il beneficio riguarda anche i capannoni industriali, perché verranno estromessi dal computo le parti produttive.

In generale dunque quasi tutte le categorie produttive saranno coinvolte dall’esenzione o dalle riduzioni della TARI, sia per effetto dell’applicazione delle esenzioni al 100%, sia per la diversa applicazione dei calcoli derivante dal nuovo Regolamento.

DA OGGI L’INFORMAZIONE IN ITALIA È LIBERA! Leggi Subito.

 
Ve l’avevamo promesso a fine anno. Poi siamo stati oscurati da Youtube e abbiamo accelerato. Noi vi abbiamo chiesto, e voi ci avete dato. Mai fiducia fu meglio riposta! Non credete?

Da oggi, alle 15, inauguriamo il nostro/vostro nuovo canale nazionale sul digitale terrestre. Oggi, il 25 aprile, l’informazione è libera!

Ecco quello che dovete fare per vederlo:

1) rifate subito la sintonizzazione automatica del vostro TV
2) cercate il canale “byoblu”, al numero 262
3) aspettate le 15 e intanto… Spargete la voce!

DIRETTA WEB  

FAI UNA DONAZIONE  

…é ORA DI GUARDARLO gratis ONLINE

THRIVE: What On Earth Will It Take?
www.thrivemovement.com
Visit www.thrivemovement.com for more information on THRIVE. THRIVE uses the Yekra player technology. See www.yekra.com for more information.
http://player.thrivemovement.com/javascripts/embed-yekra-world.js

Pandemia e informazione

Dopo un anno l’argomento principale delle nostre conversazioni e paure, è ancora la pandemia da Covid. E non siamo gli unici a farlo nel nostro mensile; nei giornali e in televisione è giornalmente la prima notizia che leggiamo o ascoltiamo. Se siamo frastornati di fronte alla persistenza delle limitazioni personali, ai familiari che ci hanno lasciato senza la nostra vicinanza, ai problemi economici e alle nuove povertà, non c’è dubbio che l’informazione ha contribuito non poco alla nostra insicurezza e all’aumento di ansie e paure. Probabilmente anche noi, involontariamente, abbiamo contribuito, e ce ne scusiamo. Perché chiunque abbia trattato questo problema ha fatto errori di valutazione, previsione, si è a sua volta lasciato convincere da altre fake news. Perché l’informazione segue diverse strade. C’è una parte di persone che, in buona fede, si appoggia a referenti non scientifici, al mondo scettico dei no vax, dei negazionisti, di chi vede un complotto ovunque, di chi enfatizza i problemi e misconosce i vantaggi, di chi valuta solo i bassi rischi individuali e non considera i grandi vantaggi collettivi. Sono convinzioni spesso irrazionali, lecite, che hanno un fondo di verità, che però non prendono nemmeno in considerazione altri aspetti o dimostrazioni scientifiche e si diffondono in ambienti particolari, antiscientifici in ogni occasione, per poi dilagare con dubbi, paure, anche violenza verbale, che diventano difficili da controllare. Ben più pericolosa è l’informazione che proviene dal campo politico, che si muove alla ricerca del consenso. Si è visto che la paura è la principale creatrice di consenso, riesce a unire gli animi sempre contro qualcuno, propone soluzioni irrealizzabili: aperture anche con la pandemia che peggiora, soldi a tutti, condoni. Alcune nazioni e alcuni partiti sono stati e sono negazionisti e sono contro ogni manovra contenitiva. Bisogna aprire tutto, si sono visti i risultati in Inghilterra, negli Stati Uniti di Trump, nel Brasile di Bolsonaro. Penso che in questi individui ci sia molta malafede. La componente dell’informazione che ci preme considerare più a fondo è però quella che deriva da paresi scientifici. All’inizio si pensava che questa infezione fosse solo una forma di influenza un po’ più grave, giungevano voci di epidemia in nazioni non coperte da un sistema sanitario come abbiamo in Italia, eravamo fiduciosi che, una volta entrato da noi, avremmo saputo controllare il virus nei nostri ospedali. Avevamo messo in atto controlli capillari negli aeroporti, ma il virus era già entrato da mesi, mieteva vittime in Lombardia senza capire che l’aumento dei morti per polmonite tra novembre 2019 e gennaio 2020 era già il segno della pandemia. Primo errore della scienza: non aver riconosciuto in tempo le prime infezioni in modo da poterle limitare. Altro problema scientifico che non conoscevamo: la forza di questo virus sta proprio nel fatto di essere un virus debole, che nella maggior parte degli infettati provoca disturbi lievi o nulla, ma li rende “untori”, possibili agenti di trasmissione nell’ambiente. Abbiamo debellato subito e mantenuti circoscritti i focolai di Sarcs, Ebola e le altre gravi infezioni virali che da venti anni infestano Africa e Asia perché tutti gli infetti avevano sintomi ed erano facilmente identificabili. Questo Covid è un evento nuovo, anche la scienza procede per tentativi. Quello di circoscriverlo non è ancora riuscito, ma non perché la scienza non abbia capito cosa si deve fare, è perchè noi, la gente comune, non abbiamo capito i rischi della trasgressione alle regole. Non dovrebbe essere possibile, ma ogni volta che assistiamo a un allentamento delle limitazioni perché il quadro sta migliorando, ci precipitiamo in massa a feste, raduni, incontri, a trovare parenti in altre regioni, funzioni religiose, proteste e scontri di piazza senza mascherine, iniziative politiche e sportive, apericena. Un mese fa la Sardegna era bianca, tutto aperto, tutti in giro senza mascherine. In un attimo è tornata rossa. Non si dovrebbe arrivare allo stato poliziesco della Cina per obbligare la gente, con la violenza e la prigione, a stare in casa. Ma noi ci comportiamo in modo irresponsabile. Questa è una colpa che non possiamo attribuire alla scienza. Terzo punto per valutare l’operato della scienza: sono stati prodotti dei vaccini in alcuni mesi, per l’ultimo vaccino erano stati necessari alcuni anni. Alcune fasi nella sperimentazione sono state necessariamente accelerate. Di solito si procede con la sperimentazione su animali degli eventuali danni da vaccino, poi si passa alla sperimentazione umana su volontari. Quindi si iniziano a valutare i risultati e la congruenza tra dosaggio ed efficacia. Per ultimo si valuta la durata di questa efficacia. Le prime fasi sono state eseguite e i vaccini sono stati giudicati sicuri, tutti quelli che sono stati approvati hanno superato questa fase della sperimentazione. Le ultime fasi, dosaggio e durata, se utilizzare una sola dose o due, se farle a distanza di 21 giorni o di tre mesi, non abbiamo avuto il tempo di portarle a termine e necessitano di correzioni in itinere. Questo non mina la sicurezza del vaccino, ci dice che il suo utilizzo può essere modificato in base ai risultati che vediamo sul campo. Le regole Europee erano ferree, occorreva una documentazione completa che inevitabilmente necessitava di più tempo. L’Inghilterra ha fatto un azzardo, una volta avuta la documentazione che i vaccini erano sicuri, ha subito iniziato la vaccinazione scavalcando le regole Europee. Se all’inizio della pandemia l’azzardo di negare che il virus fosse qualcosa da trattare, con la convinzione che si sarebbe arrivati naturalmente all’immunità di gregge, ha portato l’Inghilterra sull’orlo del disastro, il nuovo azzardo è andato bene e sembra che con la vaccinazione di massa e la chiusura ferrea, completa, abbiano ridotto in modo drastico morti e infezioni. Hanno eseguito milioni di vaccinazioni sia con Pfizer che con Astra Zeneca, hanno avuto anche loro alcune complicanze che stanno valutando, ma hanno considerato che la mortalità da complicanza da vaccino è di uno su alcuni milioni, quella da Covid è 2 su cento. Non c’è paragone. D’altro canto tutti i farmaci hanno effetti collaterali gravi. I morti da complicanze da antibiotici e tachipirina (shock anafilattici), antinfiammatori (perforazioni gastriche), antitumorali, la stessa pillola anticoncezionale responsabile di ictus, hanno complicazioni in numero superiore a quelli dei vaccini, ma non vi è dubbio sulla loro utilità e sul fatto che senza di loro i morti sarebbero decisamente in numero molto maggiore. L’Inghilterra ha dimostrato che dobbiamo vaccinarci, è l’unico modo per poter prima o poi ripartire. Con tutti i vaccini che abbiamo e nel minor tempo possibile. I rischi dei vaccini sono decisamente minori rispetto al rischio di non farlo. E’ stata fatta un campagna denigratoria contro l’Astra Zeneca, guarda caso quello meno caro, mentre dove l’hanno usato i risultati ci sono stati, e notevoli. La gestione non chiara ha sicuramente aiutato la diffidenza. Prima andava bene fino a una certa età, poi solo negli anziani, in altre nazioni a tutti. Non sono stati pubblicizzate con la stessa enfasi le complicanze degli altri vaccini che ugualmente ci sono, soprattutto con la seconda dose. Contemporaneamente, altri vaccini cercano di entrare sul mercato, ad esempio lo Sputnik, e visti i miliardi che si muovono e la capacità di creare fake news, sorge anche il dubbio se non sia in atto una guerra di concorrenza per accaparrarsi fette di mercato. Dovremmo guardare maggiormente al passato. Nel 2014 la campagna vaccinale antinfluenzale era arrivata al suo massimo storico. Vi furono alcuni casi di morti in Sicilia che vennero attribuiti subito al vaccino. Ci fu il panico in Italia, la vaccinazione antinfluenzale si ridusse del 40% con un aumento importante del numero dei morti. Non siamo più tornati al numero di vaccinazioni antinfluenzali pre 2014, nemmeno quando emerse che quelle morti non erano dovute al vaccino. Quando le paure s’insinuano nel nostro animo, non c’è ragione che riesca a scardinarle. La scienza può sbagliare, ma cerca continuamente di correggersi e offre comunque i rimedi al momento più sicuri o con la minor probabilità di essere fallaci. Ha sicuramente maggiori difficoltà di comunicazione, capacità che non manca al mercato e alla politica che con i loro slogan e le indecisioni, le contrapposizioni ideologiche, non fanno altro che scompaginare le acque e aumentare le paure: le ditte produttrici che non inviano le quantità richieste e promesse per venderle altrove a prezzi maggiorati, i politici che un giorno dicono e il seguente disdicono, che a volte si appellano ai referenti infettivologhi e alla scienza, altre agli opinionisti e alla pancia. La rete è così, se uno vale uno, in barba a specialità, competenze, esperienze, allora chiunque alzi la voce trova chi lo ascolta e ne amplifica il messaggio. Questa pandemia comunque alcune certezze sul piano sanitario sembra offrircele:

  1. È necessario sostenere il sistema pubblico perché, unico, riesce a dare una risposta in termini di prevenzione e controllo;
  2. È necessario organizzare un sistema italiano di produzione vaccini per far fronte a nuove pandemie;
  3. Il Covid non ci lascerà certamente in breve tempo, sarà necessario pensare a vaccinazioni programmate con copertura di più virus, ad esempio la vaccinazione antinfluenzale e antiCovid associate;
  4. L’unica arma vera che oggi abbiamo è la vaccinazione, non si può prescindere da questa perché queste pandemie sono globali, non è possibile pensare di isolarsi e non avere più contatti con il mondo esterno, con le altre nazioni;
  5. Il mondo non può viaggiare a velocità diverse, abbandonare alla miseria, alla fame, alla mancanza di assistenza la parte povera del mondo vuol dire portare i guai anche in casa nostra;
  6. La globalizzazione intesa come individualismo sfrenato, senza solidarietà, senza autocontrollo è la causa di dissidi e scontri non solo tra nazioni povere e ricche, ma anche tra regioni della stessa nazione, tra categorie lavorative che credono di avere più diritti di altre, tra fasce della popolazione che hanno risposte diverse e individui che cercano di saltare davanti agli altri pensando di avere più diritti e meno responsabilità;
  7. Gli azzardi, come quelli Inglesi, a volte vanno bene, altre peggiorano le cose. Auspichiamo politici più competenti e con sani dubbi in modo da compiere scelte ragionate e razionali e non azzardi. Quando critichiamo chi sta cercando di barcamenarsi per risolvere questa pandemia in modo onesto, impegnandosi, anche sbagliando, ma cercando le soluzioni, pensiamo che non sono tutti disonesti, non tutti lucrano su mascherine e su forniture agli ospedali che avvantaggiano parenti e amici o prendono decisioni solo per aumentare il consenso elettorale e senza una visione per il futuro. Proviamo a fare la differenza, perché se usciremo da questo disastro, sarà perché ci sono anche persone oneste. Soprattutto, cerchiamo di diffondere una cultura della responsabilità e della solidarietà partendo da noi stessi.

Marco Ruini

INTELLIGENZA EMOTIVA E PASTORALE – Per un agire più efficace, empatico e liberante

Fausto Bizzarri propone una lettura nuova su cosa sia l’intelligenza emotiva e offre spunti concreti su come possa essere applicata nell’azione pastorale, affinché quest’ultima diventi efficace, empatica, liberante, autenticamente sinodale.
Che cosa ha a che fare la pastorale con l’intelligenza emotiva? Quanto un’azione pastorale agisce e prende in considerazione anche la sfera emotiva di una persona? E io? Mi sento raggiunto in profondità da un annuncio di fede? Il Vangelo parla alle mie paure? La catechesi entra in empatia con la mia vita? È su queste domande che si fonda Intelligenza emotiva e pastorale, di Fausto Bizzarri, il nuovo titolo della collana Quaderni Emmaus.
La collana è curata dal Centro Studi Missione Emmaus, una realtà

che accompagna diocesi, comunità pastorali, parrocchie, a entrare e attivare logiche e percorsi di cambiamento nella pastorale e nell’evangelizzazione. I testi della collana affrontano alcune sfide chiave per la Chiesa, attraverso l’approccio transdisciplinare, in un dialogo costante tra teologia, scienze umane, teorie della leadership e del management. Si tratta di piccoli volumi, dal carattere divulgativo, alla portata di tutti, pur avendo solide fondamenta scientifiche. Sono testi destinati a sacerdoti, religiosi, operatori pastorali e a tutte quelle figure impegnate, a vario titolo, nella vita ecclesiale. Ad affiancare questa collana, la collana Romanzi Pastorali (testi suddivisi in due parti: una di tipo narrativo, l’altra di tipo pastorale).
Il libro di Fausto Bizzarri propone una lettura nuova su cosa sia l’intelligenza emotiva e offre diversi spunti concreti su come possa essere applicata nell’azione pastorale, affinché quest’ultima diventi efficace, empatica, liberante. E, come papa Francesco ha più volte esortato, anche una pastorale autenticamente sinodale. Scrive l’Autore: “Possiamo definire una Pastorale Intelligentemente Emotiva come l’abilità di saper riconoscere le nostre emozioni e quelle altrui per una gestione interna ed esterna consapevole e positiva delle risorse che le emozioni generano, delle azioni e delle risorse personali e collettive, per attuare un’azione pastorale efficace, empatica, autenticamente liberante e ricca di energia, che possa arrivare al cuore delle persone per uno scambio di risonanza autentico, trascendente e profondo”.
Note sull’Autore
Fausto Bizzarri, laureato in Scienze religiose, HR manager del gruppo Seitel, è coach professionista PCC ICF, assessor per l’intelligenza emotiva Six Seconds, practitioner PNQ, Socio dell’Associazione Italiana Enneagramma, pianista e compositore. È l’ideatore del metodo Sestante Coaching System® e co-fondatore dell’Anghelosophia.

Per info
UFFICIO STAMPA PAOLINE
tel. 06.54956596 – cell. 335.5925006
paoline.it – ufficiostampa@paoline.it

CS – SEICENTO LETTERE DI AUGUSTO DAOLIO SCOPERTE E DONATE AL COMUNE DI NOVELLARA

Ieri 18 febbraio, proprio nel giorno del suo 74o compleanno, Augusto Daolio è tornato protagonista di una vicenda davvero straordinaria e fiabesca.
Negli scorsi mesi, a seguito di eventi fortuiti, è stata rinvenuta una ricca raccolta di lettere e cartoline inviate dal cantante novellarese a metà degli anni sessanta, gli stessi durante i quali il progetto dei Nomadi cominciava a decollare.Ora la “Fondazione Amadei Gianni e Setti Maria Carla per la ricerca scientifica Onlus” di Modena, venuta in possesso della raccolta ha manifestato la disponibilità a donarla all’archivio storico del Comune per garantirne la corretta conservazione e la valorizzazione.
Nel pomeriggio di ieri, presso gli uffici della Rocca di Novellara, il presidente della fondazione, dr. Mario Barone e il sig. Franco Amadei hanno sottoscritto l’atto pubblico di donazione e consegnato l’intero epistolario.
Si tratta di circa 600 documenti, tra lettere e cartoline, oltre a qualche foto, inviate da Augusto tra il 1965 e il 1968. Trattandosi di documenti a carattere privato la legge ne vieta la consultazione per 70 anni. Si tratta quindi di un patrimonio che per il momento non potrà essere reso pubblico, né messo a disposizione degli studiosi e degli ammiratori dell’artista novellarese.
“E’ proprio il caso di dire “ma che film la vita”. A distanza di quasi trent’anni dalla morte di Augusto, il ritrovamento di questo carteggio per noi è davvero una sorpresa e una grande emozione poiché nessuno ne è mai stato a conoscenza. Ed è importantissimo averlo acquisito come Comune per essere certi che documenti così significativi non vadano dispersi, cancellando la memoria di un artista ancora amatissimo e celebrato in tutta Italia” afferma il sindaco Elena Carletti che ringrazia la Fondazione e il sig. Amadei per la generosa disponibilità e le persone che hanno reso possibile il recupero. “Vediamo ogni giorno in vendita on line oggetti e documenti riconducibili a personaggi famosi ridotti a cimeli. Quando invece un carteggio di questo tipo riesce ad essere salvato e tutelato nella sua integrità, acquisisce un senso e un valore duraturo, alla pari di tutto il patrimonio artistico e documentale custodito nella Rocca. Vogliamo, quindi, preservare la memoria e, con il tempo, consentire l’approfondimento e lo studio rigoroso e rispettoso, che svelerà ulteriori pagine degli esordi di Augusto Daolio”.


Ilaria Codeluppi