Una pianta per ogni nuovo nato

albero_della_vita_3

Buone notizie per gli amanti del verde: a Novellara sono stati piantati nuovi alberi in un parco del capoluogo e in uno della frazione di San Giovanni. Continua infatti il piano di potenziamento delle aree verdi con piante autoctone che ci ricordano l’origine del nostro territorio Ogni anno la Regione Emilia Romagna fornisce gratuitamente un numero di piante pari al numero dei nuovi nati nell’anno precedente. Gli alberi relativi ai nati nel 2015 sono stati piantati al parco di via De Curtis a San Giovanni. Sono stati piantati 15 aceri campestri, 20 bagolari, 15 ciliegi selvatici, 15 frassini, 15 tigli. Gli alberi restanti, 20 carpini, 22 farnie e 10 noccioli, sono stati piantati al canile intercomunale di Novellara.
Al Parco di via Sancti Spiritus, fino allo scorso maggio privo di nome e poi ribattezzato Parco castello dai bambini della scuola dell’infanzia “Il Girasole”, sono stati invece piantate sei sofore e due frassini.

Francesca Amadei

Annunci

Festa al parco Augusto Daolio

Questo slideshow richiede JavaScript.

Diario del pomeriggio di festa al parco – domenica 14 maggio 2017.
Torno dal lavoro verso le 2 e mezza del pomeriggio.
Passo sulla provinciale all’altezza della piscina.
Vedo il gonfiabile che segna l’arrivo della gara di Triathlon organizzata dalla Cooperatori di Reggio Emilia e, tra gli altri, dal nostro presidente del Comitato parco Augusto Daolio, Roberto Blundetto.
Tanta gente, tanti atleti creano un’atmosfera sportiva coinvolgente.
Cerco di arrivare a casa attraversando Novellara aiutata dai ragazzi della Protezione Civile.
Abbandono l’auto in via Petrarca e arrivo al parco.
Gli atleti scorrono o meglio corrono percorrendo il parco sotto il sole stranamente cocente del primo pomeriggio.
I bambini aiutano i genitori con il rifornimento d’acqua.
Chi spruzza chi batte le mani chi porge la bottiglietta al papà perché la possa passare correttamente al triatleta.
Col microfono è tutto più facile incitare, ridere e commentare la gara.
Sulla lunga tavolata bicchieri, dolcetti x chi vuole riprendere fiato….ma, per questi atleti, non è possibile  fermarsi anche solo x qualche secondo.
I triatleti corrono: è il loro ultimo sforzo dopo le innumerevoli vasche in piscina e la faticosa gara ciclistica per le campagne di Novellara.
Sono campioni e come tali anche gli ultimi vanno trattati e rispettati.
Ma noi del parco Augusto Daolio non vedremo il tratto finale dei triatleti ..dobbiamo sistemare x il pomeriggio di festa che abbiamo organizzato.
Tra pochissimo arriverà alla casetta degli alpini e del CAI Eugenio Cepelli con Claudia, Nevilla, Laica, Albertina, Emanuela, Anna e Daria per sistemare l’interno per la preparazione dello gnocco fritto.
Alessandro, Marco, Uliano, Aram, Omero, Andrea, Marcello hanno il loro bel da fare: bisogna aiutare Agide Cervi, il prof,  ad allestire “il circo più piccolo del mondo” e contemporaneamente  Federica Cocconi vuole sistemare i tappeti x lo spettacolo di danza del  ventre.
Federica e Barbara saranno ammiratissime non solo per i meravigliosi abiti ma soprattutto x l’eleganza, la sinuosità e la bravura.
Direttamente dalla festa del pesce arriva Sony che deve montare l’impianto di amplificazione per gli spettacoli delle danze.
Sony e Paramvir hanno invitato, per la coinvolgente e potente “danza delle spade”, i ragazzi Sikh di Piacenza.
Giovani, eleganti e acrobatici conquisteranno il pubblico con i loro volteggi, salti, rincorse e simulazioni di lotta.
Fabio e Valerio sono alle prese con i piccoli calciatori per il torneo di calcetto e nemmeno li vedo ma so che hanno tutto sotto controllo e che i ragazzi si divertiranno con il loro sport preferito.
Sergio Subazzoli si posiziona all’ombra dei grandi cespugli all’ingresso del parco proprio di fianco all’insegna appena restaurata che alla notte s’illumina dei colori dell’arcobaleno.
Mentre Sergio intreccia e impaglia con l’inseparabile Carla, arrivano i ragazzi della Banca del Tempo con i giochi da tavolo coordinati da Ubo e da Sara.
Anna dolce ma efficiente aspetta i bambini per le letture ad alta voce sotto l’ombra degli alberi.
Rosa ed Eugenia si posizionano alla cassa del gnocco fritto perché c’è già gente in fila…ma come è possibile sono solo le 4 del pomeriggio!!
Per fortuna c’è capitan Cepelli e tutto fila liscio.
Carlotta, Luisa e Celine, sono state scelte da Agide come vallette allo spettacolo …ma ragazze ricordatevi che alle 5 vi spetta “tirare” lo gnocco fritto!!!!….
Toni ovvero Tonyc è dal mattino già impegnato coi riders di Scandiano sulla pista di BMX.
Nel suo gazebo una piccola officina di pronto intervento e tanto entusiasmo.
I riders  si confrontano su tecniche, trucchi e ricordi di gare …questi atleti spericolati sanno calcolare ogni loro azione acrobatica nei minimi dettagli e lo dimostrano a un pubblico affascinato.
Afro Morini con le sue bici d’epoca uniche e nostalgiche, ci mette a disposizione una bella e comoda bici da fornaio con tanto di cassetta x il trasporto eventuale dello gnocco fritto.
Come si dice al cinema questo è il backstage e il casting dello spettacolo inaspettato che è “andato in onda” al parco Augusto.
Il risultato?
Ragazzi e ragazze che urlano, battono le mani entusiasti delle performance del prof Cervi.
Ragazzi e ragazze ai tavoli impegnati nei giochi intelligenti e di ruolo.
Ragazzi e ragazze che scorazzano con le bici da una parte all’altra per seguire le varie iniziative.
Ragazzi e ragazze di tutte le età allo skate park.
Ragazzi e ragazze che abbandonano le bici a terra per condividere acrobazie, calcetto e balli.
E  gli adulti, genitori o avventori che siano, galvanizzati da questa fiera delle opportunità che impazza nel parco, condividono e socializzano.
Solo tre ore, forse quattro, ma talmente intense che sono rimaste negli occhi e nei cuori di tutti coloro che domenica 14 maggio hanno scommesso sul divertimento a km.0.
Il Comitato del Parco Augusto Daolio ringrazia per la collaborazione:
Comune di Novellara, Proloco, Circolo Ricreativo, Novellara Sportiva, CT9, Banca del Tempo, Agide Cervi, Tonyc, Afro Morini, Sergio Subazzoli, Federica e Barbara, Sony e Paramvir, Adriana, Armando, Bengi, Cecilia e Roberto, Enrico M., Maura, andino, Mirco, Lauro, Eugenio Cepelli e Marcello Morando, Forno Paroli, Cantine Bombardini, Conad, Diana, i volontari e le volontarie sopra citati.

Rossella Eunini

Servizio civile, ecco il nuovo bando: due posti a Novellara

Cop_FB_Serv-CivCaratteristiche salienti: un’età compresa fra i 18 e i 28 anni e tanta voglia di mettersi in gioco come protagonisti. È questo il profilo dei ragazzi che possono candidarsi al nuovo bando ordinario del Servizio civile Nazionale. Nella zona di Novellara sarà infatti attivato il Progetto Giò Polis 2017, realizzato dall’Associazione Pro.di.gio.
Il progetto approvato assegna all’Associazione 20 volontari che saranno impegnati in diversi Comuni. A Novellara presteranno servizio due giovani, che verranno impiegati presso la Biblioteca Comunale, il Centro Giovani e l’Ufficio cultura, in particolare in ambito giovanile e culturale. L’obiettivo non sarà solo di aumentarne la fruizione da parte dei giovani, ma anche di favorire il loro protagonismo nella promozione/tutela/valorizzazione dei beni culturali. I volontari dovrebbero entrare in servizio entro il mese di ottobre. Il Servizio civile ha durata di un anno e prevede un rimborso spese mensile.
Le domande dovranno essere presentate entro le ore 14.00 del 26 giugno 2017. Ciascun candidato avrà la possibilità di presentare una sola domanda su tutto il territorio nazionale. Le domande potranno essere consegnate presso gli uffici comunali (ufficio Segreteria del Sindaco, 1° piano, Piazzale Marconi 1, Novellara) o presso gli uffici dell’Associazione Pro.di.gio (piazza Roma 18, Campagnola Emilia).

Francesca Amadei

NON ALIMENTIAMO LA MACCHINA DELL’ ODIO

odio_by_proyectocabra-d68nmfuGentile direttore, sono tempi davvero bui, quelli in cui un libero cittadino viene “arrestato” o preso a sassate da un gruppo di sconosciuti mentre cammina per la strada.
Se poi la persona in questione è un ex deputato ora consigliere a To (O. Napoli) e una onorevole della Repubblica (D. Santanchè), i brividi lungo la schiena di qualsiasi italiano di buon senso dovrebbero aumentare. Perché vuol dire che la macchina dell’odio alimentata con palate di populismo, demagogia, ignoranza e paura sta macinando strada e incontra sempre meno ostacoli. E non si parli di goliardia o di provocazione, per favore. E’ stato necessario l’intervento della Forza pubblica in soccorso dei malcapitati.
Ma dove si vuole arrivare con i forconi, “vaffa” e “li scoveremo casa per casa”? Questa è una china terribile potenzialmente senza ritorno. Lo insegna la storia: subito dopo ci sono i manganelli e l’olio di ricino. Poi il mitra. Ci pensi bene chi non lascia mai senza carburante la macchina dell’odio, perché un giorno potrebbe finire anche lui sotto le ruote.
Paolo Pagliani
Portico_alien

Amministratore di sostegno, un incontro illustrativo l’8 giugno

amministratore-sostegno-7Il progetto Non più soli dell’Associazione Dar Voce promuove l’istituto dell’Amministratore di Sostegno (ADS) sul territorio provinciale e diffonde la conoscenza di questa forma di tutela dei soggetti fragili e dei loro familiari.
L’amministratore di sostegno è infatti una figura istituita per quelle persone che, per effetto di un’infermità o di una menomazione fisica o psichica, si trovano nell’impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi.
Giovedì 8 giugno presso il Circolo ricreativo di Novellara (via V. Veneto, 30) dalle ore 19 alle 21 si terrà un seminario gratuito promosso da Dar Voce e Unione Bassa Reggiana nel quale verranno trattate queste tematiche.

L’Istituto dell’Amministratore di Sostegno ha come obiettivo:

  1. Sostenere i volontari ADS e i volontari degli sportelli a supporto dell’istituto attraverso incontri periodici con le figure professionali che possono dare risposta alle problematiche incontrate: giudici tutelari, psicologi, avvocati, notai, responsabili dei servizi, assistenti sociali al fine di integrare la loro azione con i servizi presenti sul territorio oltre ai servizi di giustizia;
  2. Ricercare nuovi volontari per attività di ADS da inserire nell’Albo Provinciale per alimentare il numero delle persone disponibili ad impegnarsi in questa forma di volontariato;
  3. Sostenere e implementare l’attività degli sportelli informativi;
  4. Promuovere sinergie tra gli sportelli, gli enti locali e le associazioni non profit del territorio, per facilitare gli scambi e le interconnessioni tra i servizi alla persona, i servizi di tutela giuridica, e il territorio in cui è inserita la persona fragile;
  5. Collaborare con le strutture del Tribunale e della Procura della Repubblica.

Tutti questi obiettivi si raggiungono tramite attività di informazione e formazione agli operatori e ai famigliari in modo che possano intercettare gli ADS sia come persone fisiche che nel sostegno alle loro funzioni. I momenti di formazione aumentano la conoscenza per la definizione/costruzione di prassi organizzative in linea con le deleghe di cui l’amministratore gode.

A Novellara è attivo uno sportello dedicato all’Amministratore di sostegno. È possibile ricevere informazioni ogni terzo sabato del mese presso l’Istituzione i Millefiori.

Francesca Amadei

pubblicita-online

Casting ! Sosia di noto Presidente !

Schermata 2017-05-30 a 19.07.20

Trovato sosia di noto Presidente favorevole alle trivellazioni.
Ecco finalmente spiegate le perplessità di parecchi addetti stampa durante il recente G7 di Taormina, dopo qualche uscita dialettale scaturita dalle labbra del noto Presidente.
Quando alla richiesta di Angela Merkel circa la posizione a proposito degli accordi sul clima di Parigi, il noto Presidente ha risposto. “Mah, me al piin l’ho seimper faat da Manasa, po’ al fom nigher dla me machina l’è mea colpa mee!” qualche dubbio che non si trattasse del vero noto Presidente è balenato nella testa di ciascuno. Tutti si sono detti: “Questo, forse, si esprime in uno slang con idiomi nuovi imparati presso il suo parrucchiere di fiducia.”
Ma quando al termine del G7 il sosia del noto Presidente si è alzato di scatto urlando: “Sbroiomes che me a gò d’andeer a la Motosvalvoleda” tutti hanno avuto conferma che avevano di fronte un sosia, ma in tutto e per tutto simile e identico al noto Presidente. “Muri, petrolio e trivelle ovunque, e se tutto si inquina e se tutto si distrugge, pazienza, ad Hollywood riescono a ricostruire tutto, figuriamoci una antiquata ed anziana Terra !” sono stati il suo mantra durante tutto il G7.
Ma spenti i riflettori mondiali, il sosia mestamente se ne tornò a casa, fiero però di avere dato il suo meglio, in tutto e per tutto, nei panni di Trump. ” Anzi, approfittiamone, e scriviamo pure due righe spiritose, di quelle che fanno veramente divertire e sbellicare ogni novellarese inventandoci un casting pro Fantozza ” ha pensato appena entrato in casa.
Una sistematina al riporto color Crodino, via la cravatta rossa d’ordinanza, e click-clack frenetico sulla tastiera per scrivere l’ultima storiella novellarese.

Paolo Razzini – Novellara

Riprende vita il circolo culturale “Il Contemporaneo”

liberi pensatoriIl giorno 31/05 il circolo culturale “Il Contemporaneo” esordirà nella sua nuova vita.
Il Contemporaneo venne fondato nel 1982 da un gruppo di lungimiranti pensatori novellaresi da cui nacque Il Portico, famoso mensile d’informazione che arriva puntuale nelle case di Novellara.
Ora Il Contemporaneo vuole ampliare la propria offerta culturale, organizzando incontri, dibattiti, concorsi, mostre, visite guidate ed ogni altra manifestazione legata alla cultura.
Il Contemporaneo ha un’organizzazione composta da presidente, 2 vicepresidenti, un tesoriere, un segretario, uno staff di comunicazione e referenti per le varie sezioni culturali. Tutte queste figure e cariche sono e saranno rese a titolo gratuito. Sarà possibile associarsi al Circolo in qualsiasi momento contattandoci via mail, via social o alle nostre iniziative che andiamo a presentarvi.
Mercoledì 31/05 daremo il via a questo nuovo percorso con un incontro tutto Made in Novellara, dal titolo “La mia strada” che vedrà Emanuele Pantaleoni raccontare la propria vicenda assieme al Dott. Veroni (Chirurgo Vertebrale – Specialista in Neurochirurgia) ed al Dott. Corghi della Polizia Municipale (Commissario Capo del sub ambito Novellara – Reggiolo).
Proseguiremo il 18/06 con una splendida camminata nella cornice del parco storico di Monte Sole a Marzabotto (BO) che ha fatto da teatro ad una delle pagine più nere del nostro paese nota come la strage di Marzabotto. Per adesioni contattare il numero 345 – 9029668.
Il 30/07, nel bellissimo contesto di Miss Anguria avremo la possibilità di parlare con alcuni esperti nazionali del tema delle contraffazioni alimentari e delle agromafie.

Vi aspettiamo numerosi, non mancate!”