In giro per le valli alla luce della luna

205898

Martedì 27 giugno si terrà l’ultimo appuntamento del ciclo di iniziative della sottosezione CAI di Novellara. Il ritrovo è previsto per le 21 al Santuario della Fossetta per chi arriva in bicicletta. Da qui (in bici) si raggiungerà il secondo punto di ritrovo, la Chiesa della Bernolda, per le 21.20. La camminata inizierà alle 21.30 e condurrà i partecipanti lungo un percorso ad anello di circa 4 km nelle Valli di Novellara e Reggiolo. Alle 22.30 sarà effettuata una breve pausa rinfrescante con assaggio di prodotti locali. Al termine, rientro per la Chiesa della Bernolda.Si raccomanda un abbigliamento adeguato (pantaloni lunghi leggeri, scarpe da ginnastica o da trekking, niente ciabatte né espadrillas) e di portare una lampada frontale.

Ilaria Codeluppi

Annunci

Rassegna dialettale “I fiaschi”

IFIASCHI-gruppo

Venerdì 30 giugno inaugurerà la rassegna dialettale estiva “I fiaschi” che con quattro spettacoli settimanali animerà le serate di  San Giovanni della Fossa fino al 21 luglio. Il primo spettacolo, “Al dòni? Bisògna sòl svéri tor so”, sarà portato in scena proprio dalla compagnia “I fiaschi”,di San Giovanni.
La compagnia teatrale  “I fiaschi” nacque dall’attività parrocchiale del gruppo giovani nei paesi di San Giovanni e Santa Maria a metà degli anni ’60. Il nome fu scelto per scaramanzia alla vigilia del debutto, nel 1964: c’era il timore di fare “fiasco”. Quella che era la semplice rappresentazione di Carnevale diventò ben presto una produzione più stabile fino agli anni ’80, quando la compagnia iniziò ad essere protagonista delle più importanti rassegne teatrali dialettali della provincia reggiana e non solo. Nell’inverno fra il 2014 ed il 2015, trascorsi cinquant’anni dalla fondazione, inizia l’organizzazione di una rassegna teatrale estiva per celebrare l’importante ricorrenza del 50°. Da allora la rassegna estiva è una presenza fissa nelle estati novellaresi.
Lo spettacolo si terrà venerdì 30 giugno alle scuole di San Giovanni, alle 21.15. Ingresso 6 euro (gratuito fino ai 16 anni), il ricavato verrà devoluto in beneficenza. Info 370.3186390
Prossimo appuntamento: venerdì 7 luglio, con lo spettacolo Tot a pol succedar!, portato in scena dalla compagnia “I nuovi giovani alla ribalta” di Pegognaga.

Ilaria Codeluppi

Armonie dal mondo

CappellaMusicaleSFDP_2013

Domenica 25 giugno alle 21 si terrà il quarto appuntamento della rassegna Armonie dal Mondo 2017, nella Chiesa di San Giovanni della Fossa. Protagonista ancora una volta Il Coro della Cappella Musicale san Francesco da Paola, diretto da Silvia Perucchetti, che si esibirà con “Resonare fibris”, inni per san Giovanni, e il “Magnificat” di Antonio Vivaldi. Ingresso gratuito. Info 0522.655457

Ilaria Codeluppi

In fuga dalla Siria, mostra interattiva

In-fuga-dalla-siria

Dopo il successo di Reggio Emilia, la mostra interattiva  “In fuga dalla Siria: se fossi costretto a lasciare il tuo Paese, cosa faresti?” arriva a Novellara grazie all’Associazione i Colori del Vento. La mostra sarà allestita nel Loggiato del Museo, e seguirà i seguenti orari di apertura: Sabato 24, dalle 15 alle 21 (ultimo turno alle 20).  Domenica 25: dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 21 (ultimo turno alle 20). L’ingresso è libero e sarà regolato su turni, un turno ad ogni ora. Per gruppi superiori alle 15 persone è necessaria la prenotazione.

Finale Palio del Nocino delle Terre Basse

walnut liqueur in the bottle

Dopo due mesi di intenso lavoro da parte degli assaggiatori, il PALIO DEL NOCINO DELLE TERRE BASSE è giunto alla finale. Frutto degli sforzi congiunti della Compagnia del Nocino di Fabbrico, del Gruppo Volontari di S. Maria e della Proloco di Novellara, in collaborazione con AIS Reggio Emilia, il concorso ha come scopo principale la promozione e valorizzazione della ricetta e del prodotto della tradizione, un impegno culturale che parte dal “mondo piccolo” della nostra bassa padana ma che si propone di ampliare i propri confini e guardare anche ad altre geografie culturali, vicine e lontane. Al Palio del nocino delle terre basse sono stati presentati 290 campioni, espressione della passione, delle ricette e di qualche ingrediente segreto. Ampia la zona di provenienza: molti dalle province di Reggio Emilia, Modena, Mantova, Parma, Bologna, qualcuno da più lontano. Ogni campione è stato esaminato da cinque giudici, alla ricerca di quelli che maggiormente rispecchiano la ricetta della tradizione e per ognuno è stata redatta la scheda di valutazione, che verrà consegnata a tutti i concorrenti. A breve saranno annunciati i nomi dei primi dieci nocini classificati, che si contenderanno il titolo di miglior nocino del Palio delle Terre Basse. La selezione finale, a cura dei Sommelier A.I.S. Reggio Emilia,avrà luogo sabato 24 giugno, giorno di San Giovanni, nella prestigiosa cornice della sala del Consiglio Comunale della Rocca dei Gonzaga di Novellara. Nell’occasione Laura Zini, Sommelier A.I.S., guiderà il laboratorio di degustazione. Il Palio è realizzato con il patrocinio dei Comuni di Fabbrico e Novellara e si qualifica con il marchio delle Cittaslow, la rete delle città del buon vivere di cui Novellara fa parte.

Ilaria Codeluppi

37

3333460860

SPORT&BEN-ESSERE – “LAVORO: UN’IMPRESA PER TUTTI”

Giovedì 22 giugno, nel cortile della Rocca dei Gonzaga, si terrà la conferenza organizzata da Sport&Ben-essere: “Lavoro: un’impresa per tutti. Valore o fatica per la comunità?”.
La serata inizierà alle 21 con un’introduzione narrativa di Daniele Castellari, per proseguire alle 21.30 con l’intervento di Ivan Vitali, socio fondatore e membro del CDA presso la Scuola di Economia Civile (SEC) di Loppiano, e di vari imprenditori locali, che rifletteranno sull’attuabilità di un’economia basata sui principi di SEC: attenzione alla reciprocità e al bene comune. La serata sarà moderata da Mattia Mariani. In caso di maltempo l’evento si terrà nella Sala Giovanni Paolo II, in via Borselino 7.
Per informazioni:
info@sporteben-essere.it – 342.1407509

Ilaria Codeluppi

S&B_A3_Vitali-stampa

PAROLE VUOTE SUL WEB

bakunin_fondo-magazineGentile direttore, la sempre crescente diffusione e l’uso smodato sei social network ci hanno ormai abituato alla frenesia di comunicare la propria opinione su qualsiasi argomento, da cui pochi sembrano immuni. Pur di dire qualcosa e pur di dirlo con la massima urgenza, gli internauti popolano la rete con dichiarazioni spesso sgrammaticate, mancanti ovvero ridondanti di punteggiatura e di maiuscole, che a loro volta possono generare sequele di commenti altrettanto frettolosi e scomposti, accompagnati da faccine che sintetizzano ancor più velocemente gli stati d’ animo. Se c’è un naufragio di migranti spesso non manca quello che dice: <<Lasciateli andare a fondo>>.
E così via. Gli interventi pacati, meditati, articolati, non sono molti. E’ come un muro il social network, su cui incidere i propri graffiti. D’ istinto: ciò che sale, anche dalle viscere. Forse la ragione sta nell’ avere ormai sempre in mano uno smartphone e dei momenti vuoti? Senza firmare con nome e cognome, senza essere, almeno in molti casi, identificabili. Perché di persona, certe cose non si oserebbe dirle, sentendosi responsabili di ciò che si dice. E soprattutto si guarda l’altro negli occhi, e i suoi occhi ci guardano. E forse, al di là degli insulti, è proprio questa vaghezza, questa collettiva irresponsabilità che fa, a volte, dei commenti sui social un vento di parole vuote.
Cordialità
Paolo Pagliani
37

Info 3333460860