Millefiori, non è in corso alcuna privatizzazione

image

Rispetto allo stato di agitazione indetto dalle organizzazioni sindacali e alle informazioni diffuse in questi giorni dagli stessi, l’Amministrazione comunale di Novellara respinge le accuse e intende chiarire alcuni aspetti fondamentali.

Alcuni mesi fa, a fronte della necessità di superare la forma gestionale della Istituzione, il Comune ha deciso di fondare una propria Azienda speciale, proprio per evitare esternalizzazioni di servizi.

La nuova Azienda Speciale Millefiori di proprietà del Comune di Novellara intende assumere e stabilizzare parte del personale finora precario.

Per farlo, dopo avere sentito autorevoli pareri tecnici, ha deciso di applicare, per le nuove assunzioni, il contratto della “sanità privata”, con l’obiettivo di equiparare tutti gli istituti a quelli del contratto degli enti pubblici, in modo da garantire a tutti pari diritti economici e giuridici.

Non si tratta quindi di scelta politica ma di mere disposizioni tecniche che la politica invece intende migliorare e migliorerà.

Sia chiaro che i dipendenti pubblici comandati all’azienda manterranno il proprio contratto inalterato con il Comune e manterranno la facoltà di richiedere la mobilità.

Oggi si tratta di entrare nel merito dei nuovi contratti e valutare ogni adeguamento affinché si armonizzi il più possibile la situazione dei dipendenti, senza l’intenzione di operare risparmi sul costo del lavoro o di creare disparità.

Su questo, si è chiesto la collaborazione delle organizzazioni sindacali che hanno preferito trincerarsi dietro il contratto dell’ente pubblico senza aprirsi minimamente al confronto nel merito. L’Amministrazione insieme alla propria azienda intende procedere per iniziare le assunzioni e il progressivo processo di stabilizzazione del personale oggi precario.

I risparmi che si potranno realizzare con questa forma gestionale rispetto alle altre possibili, non hanno certo a che fare con le retribuzioni del personale, ma  andranno a beneficio della sostenibilità dei servizi nel tempo, della loro qualità e anche della qualità del lavoro , consentendo di stabilizzare e migliorare l’organizzazione.

Francesca Amadei

Annunci

Un nuovo antico splendore a quattro stelle: VILLA PETRA

Villa Petra RGB

L’8 settembre ha inaugurato Villa Petra, un albergo a 4 stelle, un ristorante, un bar e tanti altri progetti di benessere che riportano ad un nuovo splendore un edificio storico del nostro centro.
Era la fine degli anni ’80 quando, ricordo, aprì il Desireé, un locale che a noi, allora ragazzini, sembrava irraggiungibile per target di età e leggende riportate con dovizia di esagerazioni. Da allora le mura di quell’edificio, situato in via Costituzione numero XXX, hanno accolto diverse gestioni fino all’abbandono che risale a circa sei anni fa. Ora quelle mura sono finalmente ritinteggiate e visibili dall’esterno grazie anche all’abbattimento di parte di quella parete ‘anti curiosi’ che era stata eretta allora, così, già da adesso, si può godere di un nuovo scorcio, la distesa estiva di Villa Petra.  “Abbiamo lavorato sodo in questi mesi per ridare vita a questo edifico di cui ci siamo innamorati a prima vista” dice la famiglia di imprenditrori che, insieme al resto dello staff, sta prestando le sue energie per  l’allestimento di Villa Petra, nuova realtà ricettiva in pieno centro a Novellara. “Villa Petra sarà un albergo con 17 camere e un ristorante.  Abbiamo puntato su una ristorazione medio/alta che sarà a disposizione dei clienti dell’albergo e degli esterni che vorranno concedersi una serata di buona tavola. Il bar, La Griffe Lounge Café, oltre a ricchi aperitivi e colazioni, preparerà pranzi veloci, più adatti ad una clientela quotidiana di lavoratori e offrirà la possibilità di un servizio cathering  per aziende che vogliano ricevere i pasti direttamente in sede.”  Già questo sarebbe bastato a ridare nuova vita ad un edificio così imponente nella sua maestosità, ma non è tutto. All’interno della distesa estiva è stata messa a dimora una piscina che sarà fruibile sempre dai clienti dell’albergo e dai membri che faranno parte del circolo. “Abbiamo fatto questa scelta per permettere a tutti di poter godere di una piscina a pochi passi dal centro storico. Non si vuole sostituire alla piscina comunale, ovvio, la nostra piscina offre la possibilità di godere di uno spazio più circoscritto di relax”. A proposito di relax, anche se non è ancora attiva, possiamo anticipare che è in progetto l’allestimento di un’area benessere attrezzata. “E’ vero. Al primo piano realizzeremo una SPA con vasche idromassaggio, docce cromatiche, box cabina per massaggi, zona relax e sauna. In più sarà realizzato un auditorium di circa 80 metri per meeting aziendali e incontri più generici”.  Il cambiamento era nell’aria e i mesi di cantiere non sono certo sfuggiti ai novellaresi, anche quelli più distratti, che ora potranno vedersi restituito un locale con tanti servizi in più. “Si, in questi mesi abbiamo avuto la possibilità di conoscere già molte persone. Dicendoci: “Passavo di qua…” si sono fermate a chiedere informazioni e a raccontarci dei tempi passati. Anche questa vicinanza e simpatica curiosità di paese ci sta dando l’energia per credere di più in questo nostro ambizioso progetto!”

Simone Oliva

GARDEN-2

Azienda speciale, la priorità sono i dipendenti

lavoratori-sospesi

La priorità dell’Amministrazione comunale è quella di tutelare tutti i lavoratori, quelli che già si trovano all’interno dell’Azienda e quelli che arriveranno in futuro. “Veniamo da oltre un anno di confronti e approfondimenti su una scelta certamente non semplice, quella della gestione dei nostri servizi sociali. Abbiamo voluto fare questo passaggio sempre all’insegna della partecipazione e dell’informazione: numerose sono stati gli incontri con le organizzazioni sindacali, così come partecipatissima è stata l’assemblea pubblica sull’argomento. Non abbiamo dunque mai voluto nascondere le nostre convinzioni”. Ripercorre così gli scorsi mesi il Sindaco Elena Carletti, ricordando un autunno caratterizzato dalle tematiche dell’Azienda Speciale.
“Prima delle estate abbiamo varato l’azienda speciale Millefiori consapevoli che il nodo contratti rimaneva un aspetto da approfondire; e durante l’estate abbiamo richiesto i pareri tecnici di cui avevamo necessità. Purtroppo ci muoviamo in una cornice normativa che non fornisce le garanzie necessarie: per questo abbiamo proposto di confrontarci partendo dalla forma contrattuale della sanità privata, forma sulla quale abbiamo chiesto un approfondimento con i sindacati, proprio per arrivare a quello che poteva essere definito un “contratto aziendale”. Un contratto, fra l’altro, che a noi sembra fortemente tutelante e con forti analogie rispetto a quello proposto dai sindacati.
Speravamo di poter entrare nel merito con le organizzazioni sindacali per capire se la nostra ipotesi poteva essere considerata per l’interesse dei lavoratori. Il nostro intento non è quello di fare economie sulla pelle dei lavoratori o ottenere chissà quale vantaggio. Non vorremmo però che si rimanesse soltanto sui titoli dei contratti, ma che di approfondissero tutti gli aspetti, dall’economico al normativo. Intendiamo cercare una soluzione adeguata per tutelare i dipendenti”.

banner website

TORNEO DI CALCIO ALLA BERNOLDA

Gianchi_Bernolda2011
Si è concluso con una tiratissima finale (4 a 3) anche quest’ anno il 17° torneo di calcio della Bernolda che è stato appannaggio ancora dei Cocchi Parrucchieri. Questa squadra ha la caratteristica di avere come giocatori con un’ età media intorno ai quarant’anni che trascinati da pluripresenti Pagliani e Ciroldi, è riuscita ad avere la meglio contro formazioni di giovani poco più di vent’ anni. Prima della finale vi sono stati i saluti della sindaca Elena Carletti e di Don Nino Ghisi, ideatore a suo tempo del torneo nel campetto adiacente alla Chiesa. La novità gradita dai numerosi partecipanti è stata una prepartita di ragazzi della Virtus Bagnolo partecipante al campionato Quarta Categoria CSI 7v7 ed al campionato indoor di calcio a 5. Quarta Categoria è il primo torneo nazionale di calcio a 7 rivolto esclusivamente ad atleti con disabilità cognitivo-relazionale promosso dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio, grazie alla collaborazione di tutte le componenti del mondo del calcio, La squadra è nata 12 anni fa ed affiliata alla Robur Siena ed è composta da 12 ragazzi con disabilità cognitiva-relazionale guidata da allenati e dirigenti (4 in tutto). Il ricavato della riuscita manifestazione viene destinato ad missionario coetaneo ed amico di don Nino e all’ acquisto di materiale informativo utile alle scuole dell’ infanzia novellaresi. Sono state premiate tutte le compagini partecipanti con più o meno prodotti tipici locali (salumi, formaggio, vino), al miglior giocatore, portiere, cannoniere  e foto ricordo. Il tutto offerto da generosi sponsor cittadini. Particolarmente toccante è stato il saluto di Padre Gianchi (don Giancarlo Pacchin) che attraverso una registrazione pomeridiana, ha ringraziato i partecipanti dicendo che l’ asilo o meglio la costruzione della struttura a Jandira in Brasile offre accoglienza a oltre 950 bambini reso possibile con i contributi novellaresi. Il prossimo anno ha intenzione di venire di persona a ringraziare gli organizzatori e tutti i volontari che si sono adoperati per la riuscita della manifestazione. Oltre al Bar Nolda (ormai noto a tutti) che ha sfamato e dissetato soprattutto gli atleti durante le serate e due lotterie con premi interessanti, l’ultima felice intuizione è stato un buffet allestito nel campo di gioco che ha contribuito ad aggiungere divertimento e condivisione tra giocatori, donne e bambini. Arriderci al prossimo.
Paolo Pagliani
Cantina Vezzola(3)

I 60 anni della sezione novellarese dell’AVIS

Schermata 2018-07-03 a 14.57.36

Sono passati 60 anni da quando il primo presidente, Egisto Festanti, fondò la sezione novellarese dell’AVIS, l’associazione per la donazione volontaria del sangue. I più “anziani” ricorderanno forse con un po’ di nostalgia i luoghi in cui nel tempo si è avvicendata la raccolta del sangue: all’aperto sotto il portico dell’allora Cassa di Risparmio, nella lavanderia dell’ospedale, nel piano mezzanino dell’ospedale, fino alla sede attuale, inaugurata nel 2000. Ma i grandi cambiamenti sono stati specialmente nelle modalità, nella mentalità, nell’organizzazione: dal rispetto di linee guide nazionali affidate e gestite da personale esclusivamente volontario, ad attività sempre più proceduralizzata, professionale, efficiente. Forse nel 1958 alcuni pensavano che il dono del sangue, gratuito, anonimo, volontario, si sarebbe rivelato un’esperienza effimera, destinata a durare qualche anno, una circostanza legata ad un entusiasmo passeggero, e invece… quest’anno si contano 60 anni di attività, un traguardo di tutto rispetto, che va festeggiato con entusiasmo, soddisfazione e gratitudine nei confronti di tutti, ma proprio tutti, i donatori e i collaboratori che in questa lunga storia di solidarietà hanno sostenuto l’associazione.
Si partirà dal venerdì 31 agosto, serata dedicata ai giovani (ma non solo), con il concerto degli scatenati Spingi-Gonzales e la possibilità di cenare a base di gnocco fritto e tigelle, anche da asporto.
Il mattino successivo, sabato 1 settembre, alle ore 10:30, presso il parco Augusto Daolio, AVIS parteciperà all’inaugurazione di una nuova zona attrezzata con strumenti per il fitness a disposizione di tutta la comunità. Uno di essi sarà offerto da Avis all’amministrazione comunale, coerentemente ai vari progetti da sempre sostenuti per la promozione del benessere e dei corretti stili di vita.
Si conclude poi con domenica 2 settembre, giornata ricca di appuntamenti e momenti di condivisione: dalle 10 la sfilata dei labari delle AVIS consorelle fino alla Collegata di Santo Stefano dove si terrà la Santa Messa, la deposizione della corona al monumento dei Caduti, lo spettacolo in piazza degli sbandieratori, il pranzo presso la palestra di San Giovanni, l’assegnazione delle benemerenze ai donatori, e infine il caffè in compagnia del cabarettista Antonio Guidetti…per salutarci in allegria. E non mancheranno alcune piacevoli sorprese.
La sezione AVIS di Novellara invita i donatori, i collaboratori e tutta la cittadinanza a partecipare a questi momenti di festa e a condividere con noi questo “compleanno” speciale. Gli anni passano, ma la solidarietà non invecchia mai, anzi cresce, si rafforza, si rinnova.

Cinzia Ghisi
Vicepresidente Avis Novellara

Rossi Flavia, Nicolò Preti, Fava Sebastiano si laureano campioni italiani di Atletica leggera UISP.

IMG-20180610-WA0057

Si conclude con tante soddisfazioni la trasferta per i ragazzi di Novellara, che hanno partecipato 9/10 giugno a Celle Ligure, ai Campionati Italiani UISP d’Atletica leggera.  Anche quest’anno ritorniamo a casa con tante soddisfazioni.
Rossi Flavia classe 2002 si qualifica subito per la finale degli 80 mt piani fermando il cronometo a 10.64 nuovo primato personale, e, vince gli 80 mt in 10.68. Tante emozioni nel salto in lungo, il primo a gareggiare Preti Nicolò classe 2001, che inizia subito con una successione di salti oltre i  6.00 mt, 6.31,6.35,6.37, il tifo inizia a farsi sentire  e all’ultimo salto lo vediamo volare a 6.69 nuovo recordo personale. Subito dopo scendono in pedana Fava Sebastiano classe 1999 e Boscani Mattia classe 2000, anche loro aggueriti per superare il loro primato, Fava inizia subito alla grande partendo con 6,67,dopo di che vola a 6.76, Boscani  ha qualche piccolo problema con l’asse di battuta, ma poi riesce a volare a 6.72, cosi il podio si riempi di due portacolori della GYM.
Scacchetti Mattia si cimenta per la prima volta in un  Campionato Italiano portando a casa  il 2 ° posto nel salto in alto  con la misura  di 1.65 e 2° nel  salto in lungo  5.48.  Villa Dayana  ottimo secondo posto nel salto in lungo con 4.33 mt, gareggia anche nel  giavellotto arrivando 3°. Gabbi Eleonora lancio del giavellotto, riesce ad ottenere un ottimo 2° posto a soli 4 cm dalla prima classifica. Le piccole del gruppo si sono difese benissimo  nella gara di  triathlon,  Reverbi Giorgia e Cantarelli Emma classe 2006  hanno rispettiavamente ottenuto il 1° posto e il secondo posto cimentandosi nelle specialità dei 60, vortex e 600. Sayman Elisabetta classe 2006, 1° posto, 60, peso, 600. La mascotte Faraci Jacopo 3 ° posto nel biathlon 50, lungo.
Un particolare ringraziamento ai supporter che hanno incitato i loro compagni con tanto entusiasmo, due giorni meraviglioso che hanno permesso a uno sport individuale di fare gruppo con tanta amicizia e soprattutto rispetto.

COMPLIMENTI A TUTTI!!

BEGLIARDI CATIA

Franco Roberti ospite a Novellara

L’ex procuratore antimafia Franco Roberti ospite a Novellara giovedi 21 alle ore 20.45 presso l’area feste di San Giovanni. Intervistato da Pierluigi Senatore di RadioBruno, l’ex procuratore parlerà del suo ultimo libro “Il contrario della Paura” dove analizza nel dettaglio due fenomeni per molti versi simili come il terrorismo e la criminalità organizzata. Un libro che è anche un viaggio nel passato italiano, tra gli atti terroristici e le stragi mafiose che hanno segnato col sangue gli ultimi decenni. La serata, patrocinata anche dal comune di Novellara, è organizzata dal circolo culturale “Il Contemporaneo”. Vi aspettiamo!

FrancoRoberti_Locandina