Giochiamo intelligente il mondo dei giochi da tavolo

Preston

Dopo avervi illustrato qualche gioco per tutti e i giochi collaborativi questo mese vi introduco nei mondo dei German Game (da wikipedia: german game, è un gioco da tavolo o di carte appartenente a un’ampia categoria di giochi sviluppatasi a partire dagli ottanta in Germania che si caratterizzano per le regole semplici, partite brei (ma però non è sempre cosi per), meccaniche di gioco astratte o comunque poco legate all’ambientazione e l’uso di materiali curati).  che non vuol dire necessariamente costruiti e pensati in Germania ma semplicemente un modo per strutturare un gioco da tavolo.
Sono nati negli appunto, anni 80’ e  negli anni si sono evoluti, trasformati e modernizzati tant’è che oggi molti giochi cosiddetti geman game hanno perso un po la caratterista migliore che è quella di giochi poveri di materiali ma estremamente strategici e complessi ma non complicati.
Il primo di cui vi voglio parlare è Carcassonne  german game classico, presentato all’inizio degli anni 2000 e vincitore di tutti i premi migliori dei giochi da tavolo, gioco cosiddetto di piazzamento tessere ed ispirato alla famosa cittadina medievale Francese di cui richiama anche la grafica della città. Lo scopo del gioco dei giocatori (da 2 a 5) tramite le tessere che si pescheranno al proprio turno si dovranno costruire villaggi, strade, monasteri e campi con cui si faranno punti per vincere la partita. Di questo gioco vengono organizzati regolarmente tornei molto partecipati anche a livello mondiale.
Poi come non presentarvi I coloni di Catan forse il gioco più venduto al mondo di questo genere.
Qui siamo nei panni di colonizzatori di un modo inesplorato dove ognuno deve costruire strade villaggi e per farlo si dovranno raccogliere, tramite il lancio di due dadi da 6, le risorse che il nuovo mondo offre, attenzione però perché in agguato ci sono dei briganti pronti a rubarvi le risorse appena raccolte, il gioco è per tre/quattro giocatori ma esistono espansioni per poter giocare fino a sei.
L’ultimo gioco del genere che voglio farvi conoscere è Clan di Caledonia un gioco che amo di più di questo genere e creato e pubblicano un paio di anni fa.
L’ambiente è la Scozia alla fine del 800’ e nei panni di uno dei clan presenti a quel tempo e che si contendevano il mercato e la produzione di vari generi alimentari e di bevande. Nella partita dovremo contenderci il territorio per produrre, appunto, carne, latte, pane, grano, formaggio, e luppolo per la produzione di whisky e una volta prodotti dovremmo essere i migliori nel soddisfare i contratti che ci vengono proposti. Il gioco non è sicuramente per neofili ma, una volta imparato i meccanismi del gioco, vi terra incollato alla sedia e al tavolo per un paio d’ore senza accorgervene.
Concludo ricordandovi gli appuntamenti con i Giochi da tavolo proposti da me e da Sara, del Sabato pomeriggio in biblioteca a Novellara, per le date vi consiglio di contattare la Biblioteca stessa o di guardare la relativa pagina Facebook della biblioteca stessa.

Uboldi Ubo Pierangelo

Kitty settembre

 

Annunci

«Storie di Sentieri», cinque anni di storia del Cai Novellara

102b

Storie di Sentieri è il titolo della pubblicazione appena realizzata dal Cai di Novellara, e racconta in parole e immagini cinque anni di vita della Sottosezione. Un annuario che non è un annuario, ma un condensato di immagini, resoconti e sensazioni.
Lo spiega bene nell’introduzione Giordano Lusuardi, Reggente della Sottosezione, anche ideatore del libro: «La sua pubblicazione vuole proporsi quale strumento di conoscenza di aspetti importanti della nostra storia. Le informazioni, non solo quelle escursionistiche e alpinistiche contenute nei testi, daranno modo al lettore di approfondire tematiche solo sfiorate, di rimandare il ricordo a fatti conosciuti, di scoprire collegamenti con altre vicende». Lungo in tutto ottanta pagine, il libro è un viaggio attraverso le iniziative più significative messe in campo dalla Sottosezione dal 2014, anno nel quale grazie a un gruppo di tenaci appassionati è rinato il Sodalizio (il precedente era durato dal 1983 al 1997, sotto la guida dell’amato Giuseppe Gelosini, cui peraltro è stata dedicata la nuova sede, inaugurata di recente), al 2018. Trekking culturale, rassegne, alpinismo, gruppo famiglie, e poi ancora attività di manutenzione sentieri, ricordi di montagna, testimonianze di escursioni, e soprattutto tante, tantissime immagini che ritraggono i protagonisti di ogni età che prendendo parte alla vita del Cai locale hanno allietato momenti unici.
«Abbiamo scelto di donare una copia di Storie di Sentieri ai soci e ai simpatizzanti Cai, perché crediamo che suggelli il legame profondo di amicizia che in questi cinque anni di Sodalizio ha animato il cammino di crescita della Sottosezione, proprio in occasione delle festività natalizie». L’occasione giusta per omaggiare del libro è stata la cena sociale 2018, tenutasi sabato 15 dicembre presso il salone Papa Giovanni, cui hanno partecipato quasi 200 persone.
La Sottosezione novellarese sta ottenendo ogni anno più consensi, tanto che ha raggiunto quota 227 soci e ha accompagnato in escursione (nel 2018) più di 900 persone; promuove trekking e viaggi culturali, in zone differenti e anche sul territorio locale, poi mostre e rassegne culturali ed enogastronomiche, per adulti e bambini. L’ultima uscita dell’anno ha visto un divertente soggiorno sulla neve, in Valle Aurina, da sabato 29 dicembre a martedì 1 gennaio, che ha registrato un sold out di adesioni (35 i partecipanti) per dare il benvenuto, in compagnia, al nuovo anno, che si prevede ancor più intenso di emozioni e ricco di iniziative.

Elena Becchi

don divino

Il gruppo volontari delle frazioni in gita sui colli Piacentini.

Visualizza immagine di origine

Lo scorso 16 Dicembre il gruppo dei volontari delle nostre frazioni si è recato in gita nei suggestivi borghi di Castell’Arquato, Vigoleno e Bacedasco nei vicini colli piacentini. Il tutto è partito da un’iniziativa di Vilmo Spaggiari che per gratificare l’attività dei volontari ha offerto a tutti il trasferimento in pulman e le visite con guida nei bellissimi castelli dei borghi visitati; spesso andiamo lontano in cerca di cose da vedere, a volte dimenticando che ne abbiamo di bellissime dietro l’angolo di casa. La giornata è trascorsa in piacevole compagnia ed in assoluta allegria; un gran bel modo per i nostri volontari di scambiarsi gli auguri di Buon Natale e di un sereno anno nuovo.
Dopo un abbondante e gustoso pasto consumato in un’elegante trattoria di Vigoleno, il gruppo nel fare ritorno a casa si è fermato a visitare la Chiesa di Bacedasco, completamente ristrutturata per volontà della moglie di Vilmo Spaggiari mancata nel 2008. L’edificio di culto è impreziosito di affreschi e sculture in vetro fatte da autentici artisti.
Il ritorno della comitiva è avvenuto intorno alle 18 e la compagnia è stata intrattenuta dalle gags di un noto “fiaschista”.
A nome di tutti i partecipanti mi sento di ringraziare il Sig. Spaggiari  per la bella giornata passata insieme e formulare i migliori auguri di un Felice Anno Nuovo a tutti i lettori della nostra rubrica e agli amici de “il Portico”.

don divino

Ultima domenica per visitare la mostra degli allievi di Daniele Vezzani e Silvano Scolari

Ultima chiamata per chi vuole visitare la mostra degli allievi di Daniele Vezzani e Silvano Scolari: domenica 6 gennaio sarà la domenica conclusiva di “Ritratti in mostra”, esposizione allestita nel Museo Gonzaga di Novellara. La mostra comprende i ritratti realizzati da una decina di allievi del corso di pittura curato dai maestri Daniele Vezzani e Silvano Scolari. Daniele Vezzani ha recentemente esposto la sua opera “Kneeling girl” al Columbia Threadneedle Prize 2018. Silvano Scolari ha ricevuto nel 1998 il premio Topolino d’Oro per le migliori colorazioni in ambito Disney.
La mostra sarà visitabile domenica 6 gennaio dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30.

Bilancio 2019: Nessun aumento di imposte nel Comune di Novellara

tasse casa

Nel corso del Consiglio comunale che si è tenuto giovedì 20 dicembre è stato approvato il bilancio di previsione 2019-2021 del Comune di Novellara. Un bilancio solido, in equilibrio, che non prevede anticipi di cassa e che è stato approvato nei termini previsti.
L’ultimo bilancio di questa Amministrazione – afferma il Sindaco Elena Carletti – conferma il trend di questi anni: la cura di un patrimonio molto vasto, che parte dalle persone e termina negli spazi vissuti. Il bilancio apre poi nuove prospettive sulla realizzazione di una nuova sede per la Protezione civile e il magazzino comunale. Il tutto senza prevedere aumenti tariffari e di imposte per i cittadini, fatto di cui andiamo particolarmente fieri; resterà inoltre il tetto di esenzione di 11.000 € per gli sgravi Irpef”.
Il programma degli investimenti 2019 prevede infatti la riqualificazione energetica e antisismica degli impianti della piscina, per un totale di 700.000 euro; è stato affidato inoltre l’incarico per la redazione del progetto preliminare del nuovo palasport, redatto sulla base del recente studio di fattibilità condiviso con le associazioni sportive, la cui costruzione è prevista tra due anni. E ancora, in programma manutenzioni straordinarie della Rocca, sede di Municipio, Museo, Biblioteca e Teatro; manutenzioni e riqualificazioni degli edifici scolastici, in continuità con gli indirizzi che l’Amministrazione si è data in questi anni;; l’intervento di manutenzione straordinaria nel cimitero. Invariati gli investimenti nei servizi sociali ed educativi.
Lo scopo che vogliamo perseguire – spiega l’Assessore al bilancio Simone Zarantonello – è quello di rigenerare e valorizzare l’esistente, portando avanti forti interventi di riqualificazione e improntati al risparmio energetico”.
Per quel che riguarda l’ambiente, saranno riqualificati il Parco della Fossetta, il Parco della Falasca, e proseguono gli interventi sul Parco Augusto, la cui area giochi sarà arricchita di nuove pavimentazioni e giochi inclusivi fruibili anche da diversamente abili; inizierà la bonifica dell’amianto del tetto del magazzino comunale. Grazie ad una cospicua donazione di oltre 40.000 € sarà possibile intervenire anche sul canile e gattile, con diverse opere di manutenzione straordinaria. Inoltre a fine gennaio verrà presentato alla cittadinanza lo studio per la mobilità sostenibile nel territorio.

Francesca Amadei

PastedGraphic-1

Christmas Show Parade, lo spettacolo di Natale in piazza

Chtistmas Show Parade

E’ ormai diventato un appuntamento imperdibile del Natale novellarese: parliamo dello spettacolo teatrale che ogni anno Etoile organizza in collaborazione con il Teatro Franco Tagliavini e Fincardinale in Piazza Unità d’Italia. La data da non perdere è quest’anno domenica 23 dicembre, quando il centro città sarà trasportato nelle scintillanti atmosfere di “Chtistmas Show Parade”. Lo spettacolo ci farà vivere l’incontro fra Sophie, un’orfanella che non ha mai conosciuto la gioia di festeggiare il Natale con una vera famiglia, e il circo Barnum (già protagonista dello spettacolo di apertura della stagione teatrale), che la porterà a scoprire un mondo nuovo, abitato da personaggi bizzarri e divertenti che le faranno vivere per la prima volta la magia delle feste.
Lo spettacolo è a ingresso gratuito e si svolgerà in tre repliche, alle 17.30, alle 18 e alle 18.30.

Francesca Amadei