ALTRO CHE SPREAD

Caro direttore, certi numeri parlano più forte degli altri e dicono cose troppo serie per dimenticarli non appena la cronaca ci mostra altri numeri e dati. Un tasso di disoccupazione che è quasi raddoppiato in cinque anni non deve lasciarci in pace. Sotto quel 9,8% ci sono infatti nascosti, ma poi non così tanto, 500 mila volti e storie di persone che in un solo anno hanno perso il lavoro senza ritrovarne un’altro. Quando quel posto di lavoro si perde e non lo si voleva perdere, finiscono perse anche persone, storia, rapporti. Non dobbiamo dimenticare che il lavoro, il lavoratore, il posto di lavoro, non sono mai faccende individuali e individualistiche, perché imparare un mestiere significa anche e soprattutto, apprendere l’arte di costruire relazioni significative e serie in quei luoghi, poiché lavorare è innanzi a tutto inserirsi in una rete sociale. Ecco perché la produzione ed il valore aggiunto generati da un’impresa o da un’organizzazione, non sono mai la somma del prodotto di tanti individui in tanti singoli posti di lavoro ma il frutto della coralità collettiva di un team, di un gruppo, di una comunità, che va ben oltre l’azienda includendo clienti, fornitori, concorrenti e territorio. Quando allora in un Paese cinquecentomila persone perdono il lavoro accade qualcosa di molto grave, di molto più grave del calo degli indici di borsa, del calo dei consumi e persino dello spread e del PIL. Una cultura che mette sullo stesso piano i numeri degli spread, quello dei consumi e quelli del lavoro è una cultura disorientata e disorientante, perché è il lavoro che dà la giusta misura al rapporto con i beni e con il denaro. Quel 9,8% di disoccupazione ci grida che oggi la priorità dell’Italia e dell’Europa è il lavoro, obbligandoci a renderci conto che ormai ci sono milioni di giovani che nel mondo del lavoro non ci entreranno proprio. A meno che qualcuno – che non può essere solo lo Stato o la grande impresa – il lavoro, questo benedetto lavoro, non lo crea e in un certo senso lo reinventa.

Cordialità
Paolo Pagliani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...