“Non pensate mai: non ho il tempo per farlo” Le parole di Federico Buffa per tutti i giovani

imageIl 30-31 maggio al teatro Ruggero Ruggeri di Guastalla abbiamo visto qualcosa di più di uno spettacolo. “Le Olimpiadi del 1936” di Federico Buffa scritto e diretto da Emilio Russo e Caterina Spadaro hanno sorpreso il pubblico unendo in una fusione perfetta musica, luci, teatro, storia e sport. La narrazione ipnotica di Buffa insieme alla voce spettacolare di Cecilia Gragnani accompagnata dalle mani di Alessandro Nidi, che sembravano volare sul pianoforte, e dal suono tutto particolare della fisarmonica di Nadio Marenco hanno riportato il pubblico indietro di 80 anni, in un momento buio della nostra storia. Ma in mezzo a questo buio emersero uomini portatori di una luce che li ha fatti brillare in un contesto nel quale tutto sembrava giocare contro di loro. Sul palcoscenico, trasformato in un locale berlinese di quel tempo, Federico Buffa si cala perfettamente nei panni di Wolfang Fürstner, comandante del villaggio olimpico, narrando i retroscena di quell’incredibile edizione dei Giochi che sembrano costituire un mondo a sé in uno scenario tutt’altro che rassicurante nel resto del continente e anche oltreoceano. Grazie alla sua capacità empatica col pubblico che Federico ha scoperto di possedere in questa sua esperienza teatrale, come lui stesso ci confida durante la conferenza stampa coi ragazzi di Sport & Ben-Essere l’indomani dello spettacolo, l’intento di fare memoria soprattutto ai più giovani di questa parte della nostra storia avviene in modo naturale e piacevole. Trapelano dalle storie di grandi atleti come Jesse Owens i valori che lo sport porta con sé, ovvero il mettersi in discussione sempre e imparare ad avere fiducia in se stessi e negli altri. “Corri piccolo uomo, corri e vedrai la tua Corea libera” questa è la frase che il coreano Sohn Kee-Chung si sentiva ripetere dal suo insegnante a scuola e che lo portò a gareggiare e vincere le olimpiadi sotto il nome di Son Kitei per il Giappone, a causa della dominazione nipponica nel suo paese. A stupirci quindi è stata la delicatezza e la professionalità di un attore che si è rivelato un uomo di grande umanità e cultura, la bellezza di una cantante che in 4 lingue diverse ci ha fatto immergere a pieno nella giusta atmosfera e un regista capace di rendere il tutto spettacolare. E’ proprio da loro che domenica alla conferenza abbiamo ascoltato parole di speranza e di incoraggiamento per i giovani, invitandoli a credere sempre in se stessi e nelle proprie idee perché ognuno è portatore di un’intelligenza del tutto personale e unica. Ci siamo quindi lasciati con lo stupore di aver incontrato un uomo di grande disponibilità e piacevolezza, che oltre ad averci deliziato con un meraviglioso spettacolo, ha trovato il tempo di confrontarsi sinceramente con noi giovani trasmettendoci grande fiducia.

Lo staff

Pubblicità Portico

Pubblicita Portico

Sport e benessere: ecco gli ingredienti per una nuova festa novellarese

Ideata da un gruppo di giovani dell’oratorio,
si svolgerà dal 5 all’8 luglio

E’ ormai tutto pronto per la prima edizione di “Sport & Ben-essere” la prima grande festa dedicata allo sport che dal 5 all’8 luglio animerà il centro storico e il cortile della Rocca con incontri, tornei sportivi e musica dal vivo.
Ideata da un gruppo di giovani amici dell’Oratorio Cristo Re di Novellara “Sport & Ben-essere” vuole essere un’occasione per confrontarsi sul valore vero che lo sport può avere per la formazione ed educazione di qualsiasi giovane:  vera opportunità per stare insieme, per affrontare e condividere le difficoltà, disciplina che pretende impegno, necessità di superarsi e mettersi in gioco e leale divertimento.
A testimoniare questi valori è stato invitato Damiano Tommasi, ex calciatore della Roma ed attuale Presidente dell’Associazione Italiana Calciatori che si confronterà con il pubblico su “Sport: sano fondamento per la vita o appendice della superficialità” giovedì 5 luglio alle ore 20.30 in cortile della Rocca. Tommasi, da sempre impegnato in attività di volontariato e riconosciuto come professionista leale porterà diversi palloni autografati da parte dell’associazione per una lotteria di beneficienza a sostegno delle popolazioni colpite del sisma.
La festa proseguirà con sfide e tornei all’insegna del sano e responsabile divertimento: calcetto 3 vs 3 nella gabbia, splash volley, calcetto saponato e beach volley. Sarà inoltre attivo per tutta la durata dell’evento un punto ristoro con ricco menù nostrano e multietnico.
A chiudere le quattro giornate di festa domenica 8 luglio in Piazza Unità d’Italia alle ore 19.00 si esibiranno alcune band emergenti locali e alle 21.00 i Borghi Bros duo modenese che si è fatto conoscere ed apprezzare durante la trasmissione X Factor del 2010. A seguire la Piazza si trasforma in discoteca con dj Cerla accompagnato da la Lira vocalist.
Un motivo in più per partecipare è dato dalla volontà dell’organizzazione di devolvere il ricavato dell’iniziativa al Comune di Rolo, territorio molto colpito dai recenti eventi sismici.

Per maggiori informazioni: www.sporteben-essere.it

info@sporteben-essere.it

Oppure contattare 348-5591048 o 348-5718972