TESTIMONIANZA DI UNA GIOVANE ALCOLISTA

Svegliarsi al mattino. angosciata, tutta tremante, con dei crampi orribili allo stomaco…ma che cosa ho, cosa significa tutto questo, perché? Quante volte me lo sono chiesta e quante volte ho sempre negato la verità? Era il nervoso, la delusione avuta ieri, tutto fuorché riconoscere il vero motivo! Poi, una discussione un po’ più forte in famiglia, con il ragazzo, la perdita di tutti i valori, delusioni su delusioni, pianti su pianti e a un certo punto dici: devo fare qualcosa. Basta, ho deciso che da domani smetto di bere! E’ vero, lo penso veramente ma dopo il primo bicchiere non mi fermo più, non mi frega più niente di tutti i miei buoni propositi e ricomincio tutto da capo! Quante volte ho fatto e detto tutte queste cose? Tante, che non le ricordo neppure più; ricominci a prendere le pastiglie per non bere ma non sei tranquilla… quella fissa ti ossessiona: è un incubo! Non dormi di notte, sogni di bere, ti nascondi le bottiglie, le lattine, bevi anche se sai che rischi di lasciarci la pelle ma non te ne frega niente: continui! Poi, ti parlano di un gruppo di Alcolisti Anonimi, provi, tanto pensi che troverai solo gente ubriaca, pensi che ci andrai una volta e poi non vi metterai più piede. La vergogna è tanta nel varcare quella soglia, perché hai paura di essere considerata diversa, una <<timbrata>> dalla società…ed invece ti viene incontro una donna che si presenta:<<Io sono Anna e sono un’ alcolista>>. Parli con lei e ti chiedi perché sia così serena, parli così tranquillamente dell’ argomento che per te è sempre stato un tabù. Entri in una sala e trovi un sacco di gente serena e felice che ti accoglie come ti conoscesse da sempre. Senti le esperienze di tutti e ti accorgi che non sei più sola, che hai qualcuno che ha provato e che sta provando le tue stesse sensazioni… è tutto così strano e bello! Poco per volta scopri che il tuo non è un vizio ma una malattia che puoi controllarla e vincerla con tanta volontà e tanta amicizia da parte del gruppo. 24 ore senza bere: è una follia ( pensi! ). Ed invece arrivi a casa e provi anche tu; è difficile, anche se subito non sembra. Riscopri la vita, l’ amore, la gioia di vivere, ti ritorna la voglia di parlare con gli altri, perché non più paura di essere giudicata, di sentirti dire che sei ubriaca, che non capisci niente…! Non vorresti più tornare indietro nemmeno per tutto l’ oro del mondo, hai incominciato una nuova vita, una nuova strada che ti appare serena e tranquilla. Tutto questo è perché devi dire una sola cosa: Grazie Alcolisti Anonimi.

Lara  –  Piacenza

L’alcol è un problema?
Alcolisti Anonimi
forse può aiutarti!

Gruppi di Reggio Emilia e provincia
tel. 346.303.70.00

ALCOLISMO, CHE FAI?

Mi chiamo Sonia e il mio alcolismo colpisce gli aspetti fisici ma non solo, anche quelli psichici; è una dipendenza che coinvolge non solo la persona malata, ma pure l’intero nucleo familiare. Non accettavo di essere un alcolista quando ho iniziato a frequentare il gruppo A.A., andavo solo per far contento mio marito.
Poi un giorno con buona volontà sono stata attenta alle riunioni del gruppo e ho capito che l’alcolismo è una malattia grave che porta alla morte e non un vizio come pensavo. Capii i miei stati d’ansia, le bugie, i tremori, le sudate di notte in pieno inverno. Ho cominciato a frequentare le riunioni, le feste, gli anniversari e il Raduno Nazionale A.A. di Rimini e usando spesso il telefono per sentire gli amici è stato un grande aiuto; tutto questo mi ha portato a due anni di sobrietà. La mia lotta è già una vittoria: rinascere, trovare serenità e sincerità per scoprire il valore della vita. Sapevo che da sola non riuscivo a venirne fuori ma uno spiraglio di luce bianca, mi ha fatto ritrovare gioia, capacità e volontà di vivere sapendo che non sono più sola ma che c’è sempre qualcuno che mi ascolta.
Ma devo fare ancora tanta strada e mi devo ricordare che è il primo bicchiere di alcol quello che riapre il buco dell’inferno.
Quello che son io oggi mi soddisfa, perché ho tutto quello che mi serve per essere felice, ho due gambe, due braccia e una testa che funziona e per di più ora che non bevo ho anche la salute.

Grazie A.A.