Cittadinanza onoraria ai minori figli di migranti nati in Italia

Con il solo voto favorevole di “Uniti di Novellara”, “Sinistra per Novellara” è stata approvata nella seduta di ieri sera, in occasione della Giornata Mondiale dell’Infanzia (istituita dall’ONU nel 1989), la proposta presentata dal gruppo di maggioranza di conferire la cittadinanza simbolica ai minori figli di migranti nati in Italia e residenti a Novellara.
Un percorso, come ricordato dal Sindaco Raul Daoli avviato non dal Comune di Novellara ma bensì dalla Regione ed ANCI Emilia Romagna, nonché da associazioni ed organizzazioni sindacali con la campagna “L’Italia sono anch’io”. Il primo cittadino, facendo proprie le parole del Presidente Napolitano e del Presidente dell’UNICEF, ha voluto sottolineare il potenziale simbolico nel conferire la cittadinanza a questi minori e l’importanza che il Consiglio Comunale ha nel lanciare questo messaggio concreto alla comunità novellarese.
Da tempo l’amministrazione comunale organizza iniziative di conoscenza e d’incontro tra le principali comunità presenti sul territorio con il “Progetto Nessuno Escluso”: un modo per far festa, ma anche ribadire i diritti delle donne e dei minori. Per rafforzare l’assunzione di questi valori e doveri il Consiglio Comunale il 29 luglio 2011 ha approvato la “Carta dei Valori della cittadinanza e dell’integrazione”. Il documento da quel momento viene consegnato a tutti i nuovi cittadini migranti residenti a Novellara ed a tutti i nuovi cittadini italiani durante il giuramento per la cittadinanza, insieme alla Costituzione ed alla bandiera italiana.
Nella stessa seduta è stata approvata la “Carta per le pari opportunità e l’uguaglianza sul lavoro” lanciata in Italia nel 2009.

 

Ti teniamo aggiornato come il PDL di Novellara innesca polemiche gratuite

Come volevasi dimostrare, per il PdL di Novellara tutti gli argomenti sono buoni per innescare polemiche gratuite.
In una nostra recente nota avevamo ipotizzato che una delle possibili future battaglie dei Fantinati-Boys avrebbe potuto essere “l’invasione dei gamberi nei canali di bonifica”.
In effetti abbiamo sbagliato, ma solo per le dimensioni dell’animale implicato in quanto, come si può leggere nella loro replica sull’argomento “Valli”, non di gamberi si trattava ma bensì di nutrie.
Nella rassegna stampa di oggi invece troviamo Roberto Minotti, ed è un vero piacere scoprire che nel PdL non è solo la Fantinati che parla, ergersi a paladino dei soliti “tanti cittadini” che hanno segnalato un problema davvero grave e del quale l’amministrazione non “vuole” farsi carico: ovvero la mancanza di ombra in piazza Unità d’Italia.
A questo punto però, lasciata la smania di notorietà del neo-consigliere Minotti al giudizio dei posteri, cogliamo l’occasione e proviamo a discutere seriamente del problema della piazza principale della nostra città.
Noi non pensiamo di certo che la situazione attuale sia la migliore in assoluto, ma siamo certi che se davvero c’è un’emergenza, questa non vada ricercata in tutto ciò che Minotti dice e che il PdL sostiene nell’interrogazione presentata in consiglio (e girata alla stampa).
Per noi l’unico, vero e urgente problema della nostra bellissima piazza (riconsegnata all’antico splendore a seguito degli ultimi interventi eseguiti, tra l’altro, sotto la supervisione dei Beni Culturali) è il traffico motorizzato e le tante auto che in tutte le ore del giorno la percorrono e la ammorbano con i loro gas di scarico.

Partito Democratico
Italia dei Valori
Partito della Rifondazione Comunista
Sinistra per Novellara