Pubblicità

yoganatoLa pubblicità è un messaggio pubblico il cui scopo è quello di far conoscere qualcosa, come un concerto o un nuovo prodotto. Nel mondo degli affari, è comune sentire i termini “campagna pubblicitaria” e “trovata pubblicitaria”. Originariamente, e fino al 1826, il termine pubblicità veniva utilizzato per indicare la “condizione dell’essere pubblico”; in seguito iniziò a tendere verso il significato attuale.Podere Francesco

…C’E’ ANCHE LA CONCUSSIONE

concussioneGentile direttore, nel quadro dei sistemi di corruzione si declina anche un fenomeno parzialmente diverso ma che sempre esprime un profondo tradimento delle funzioni pubbliche: la concussione. Questa si verifica quando il pubblico amministratore approfitta della sua posizione per costringere il privato a promettergli o dargli qualcosa in cambio; pratica in vergognosa ascesa. Accade oggi purtroppo spesso, che il concussore ricorra a una minaccia o a un comportamento violento, ma normalmente la sua estorsione sarà silenziosa e implicita, ma non certo meno insidiosa o efficace. In certi contesti può bastare un cenno o mezze parole con cui si fa capire che se non arriva qualche “regalino”, la pratica rimarrà impigliata nei fili della burocrazia e il lavoro non potrà sbloccarsi. L’imprenditore e l’uomo delle istituzioni si scambiano reciprocamente favori senza che per forza vi sia una transazione in denaro legata a particolari vicende. Accade così che il pagamento per un appalto ricevuto avvenga mesi dopo tramite consulenze concesse a parenti, vacanze pagate, (il caso del Celeste in Lombardia insegna), corsi di studio esclusivi per i figli, mutui scontati e così via. E’ innegabile che sia difficile indagare ma l’unico modo per scoprire un accordo illecito è l’intercettazione, cioè osservare in in tempo reale gli spostamenti, gli incontri e le carte prima che vengano sistemate; e qualche politico le vuole limitare o addirittura sopprimere. Indecente! Perché è una grave responsabilità della politica (o di una sua parte) aver messo in disparte il rispetto delle regole e la correttezza dei comportamenti, come se non fossero precondizioni irrinunciabili per qualsiasi progetto politico.

Cordialità
Paolo Pagliani