Mediazione dei conflitti e rispetto delle regole: perché non tentare?

cavaliere-bianco-cavaliere-nero1L’amministrazione comunale del Novellara accetta la sfida e convoca intorno ad un tavolo gli amministratori di condominio che operano su Novellara e tecnici esperti per trasformare il conflitto ed arrivare alla:

· Rottura dei blocchi conflittuali.
· Rispetto delle regole e rafforzamento della percezione delle sanzioni.
· Costruzione di nuove narrative relazionali.
· Incentivazione alla cittadinanza attiva.
· Riduzione del senso di insicurezza.
· Rafforzamento della sicurezza urbana.

Alessandro BaracchiL’assessore ai Servizi Sociali, Welfare locale, politiche abitative e riordino territoriale Alessandro Baracchi sottolinea infatti, nella sua lettera invito, che “gli agglomerati urbani odierni si caratterizzano sempre più come realtà mutevoli in cui la ricchezza della diversità è spesso accompagnata dalle complessità sociali tipiche del mondo contemporaneo. Nelle città, nei paesi e nelle frazioni sono in atto trasformazioni del vivere sociale che rispecchiano fenomeni comuni e trasversali come la ridefinizione dei rapporti lavorativi, educativi e assistenziali, la frammentazione delle reti sociali tradizionali e l’aumento delle esperienze migratorie.
Questi fenomeni sono spesso associati a episodi di conflittualità manifesta che accomunano città anche molto lontane tra loro. In questo senso il conflitto viene spesso vissuto come un momento d’arresto, come un ostacolo da superare o come un alibi per ovviare alle regole presenti in un dato contesto. Su questi aspetti vogliamo intervenire anche diventando parte attiva nelle varie realtà”.
924Sono previsti incontri e interventi in loco da settembre 2015 ad aprile 2016. L’obiettivo è rispondere alla domanda: quali risposte è in grado di dare un condominio ai propri problemi al fine di consentire una comune armonia nel rispetto delle regole?
Il primo incontro è stato messo in calendario per l’11 settembre dalle 14,30 alle 16,30 in sala civica Rocca di Novellara.

yoganato

DIRITTO AL VOTO

diritti_al_voto_01È importante assicurare a tutti la possibilità di voto.
Chi venisse a conoscenza di persone che pensano di non votare perché impaurite dal maltempo segnalatecelo in posta elettronica o presso la sede PD allo 0522 654447
ricordiamo inoltre che
SEGGIO SAN BERNARDINO
In occasione delle elezioni politiche il seggio della frazione di San Bernardino (n.13) verrà allestito al primo piano del solito edificio adiacente la Birreria “La Pinta”.
Si rammenta che il seggio è difficilmente raggiungibile dagli elettori con problemi di deambulazione, pertanto si informano tali cittadini , che potranno recarsi a votare in un qualsiasi altro seggio del Comune ( scuole Elementari san Giovanni, Scuole Elementari Capoluogo), previa presentazione di apposita certificazione medica rilasciata dai competenti organi dell’Unità Sanitaria Locale.
Si potrà anche richiedere il trasporto con il mezzo messo a disposizione dal Comune. Per qualsiasi ulteriore informazione l’ufficio elettorale è a disposizione ai seguenti numeri telefonici: 0522 655420 – 655437.
PER PROBLEMI GRAVI DI DEAMBULAZIONE, c’è la possibilità di usufruire del pulmino attrezzato che il Comune mette a disposizione; per accordarsi telefonare all’ufficio elettorale ai numeri telefonici sopra indicati.È importante assicurare a tutti la possibilità di voto. Chi venisse a conoscenza di persone che pensano di non votare perché impaurite dal maltempo segnalatecelo in posta elettronica o presso la sede PD allo 0522 654447
ricordiamo inoltre che
SEGGIO SAN BERNARDINO
In occasione delle elezioni politiche il seggio della frazione di San Bernardino (n.13) verrà allestito al primo piano del solito edificio adiacente la Birreria “La Pinta”.
Si rammenta che il seggio è difficilmente raggiungibile dagli elettori con problemi di deambulazione, pertanto si informano tali cittadini , che potranno recarsi a votare in un qualsiasi altro seggio del Comune ( scuole Elementari san Giovanni, Scuole Elementari Capoluogo), previa presentazione di apposita certificazione medica rilasciata dai competenti organi dell’Unità Sanitaria Locale.
Si potrà anche richiedere il trasporto con il mezzo messo a disposizione dal Comune. Per qualsiasi ulteriore informazione l’ufficio elettorale è a disposizione ai seguenti numeri telefonici: 0522 655420 – 655437.
PER PROBLEMI GRAVI DI DEAMBULAZIONE, c’è la possibilità di usufruire del pulmino attrezzato che il Comune mette a disposizione; per accordarsi telefonare all’ufficio elettorale ai numeri telefonici sopra indicati.

BASTA PUBBLICITÀ PER IL GIOCO

Caro direttore, è constatato che in diversi casi il gioco d’azzardo è diventato una vera piaga sociale e vien da chiedersi come sia possibile ammettere la pubblicità di questo tipo di “dipendenza” che ormai quando è compulsiva, viene riconosciuta come patologia.
E’ chiarissimo che lo Stato incassa molto denaro da questo settore ma non può non occuparsi delle categorie più a rischio e dei problemi, non marginali, che il gioco d’azzardo produce. Si cerca addirittura di incrementare alcune campagne mirate a far “giocare” i più giovani instillando l’illusione di uscire rapidamente e miracolosamente da un quadro di vita che appare frustrante; teniamo presente che sono due milioni i giovani senza lavoro e senza studio. Attraverso la pubblicità si trasmettono messaggi seducenti, che promettono qualcosa che in realtà non esiste ma che stimola questo senso della vita come azzardo. E’ indubbio che si debba intervenire, mettere un freno, specie in questo momento di accresciuta miseria, all’apertura di nuove sale da gioco, di “slot machine” che arrivano a 400 mila (e vi sono domande per introdurne altre!) ed alla pubblicità, che attrae particolarmente le categorie più deboli, i disoccupati, anziani soli e famiglie che non riescono ad arrivare alla fine del mese. La ricerca della “magia” di un momento, di una vittoria, di un gioco, contro la prospettiva di una vita difficile e pesante, che è sempre, ed è bene ripeterlo, un’ illusione.

Cordialità e buona domenica
Paolo Pagliani
Novellara