La Partita del cuore 2013. La squadra del Sindaco vince la partita del decennale.

cuore001

Ormai da vent’anni la Partita del cuore caratterizza la fine della scuola e l’inizio delle vacanze natalizie. In questo lungo periodo, in cui si sono succedute due amministrazioni, quella di Calzari e di Daoli, la squadra degli insegnati e quella degli amministratori si sono sfidate sul campo da pallavolo, davanti agli occhi attenti degli studenti della Scuola Media, che hanno sempre pensato che il risultato fosse scontato.
Quest’anno, però, la squadra dell’Amministrazione (Gelosini, Salmi, Manfredini, Tondelli) che era capitanata da Raul Daoli, supportata da un folto gruppo di giovani della nostra Parrocchia (Bonini, Daolio, Patroncini, Pecorini, Sberveglieri) e da due mamme pallavoliste (Gatti e Zanardi), ha sbalordito tutti riuscendo a strappare una vittoria per 25 a 22 alla squadra formata sia dagli alunni delle classi terze che dai Prof. (Leoni, Copreni, Faraci, Ruscelli, Lucenti, Jimenez).
Al termine del mandato dell’amministrazione di Daoli, la Scuola media si sente in dovere di ringraziare sentitamente tutti quegli amministratori, che in questi anni si sono generosamente esibiti sul campo per questa iniziativa, che ricordiamo sempre, ha come scopo quello di educare alla solidarietà con chi vive in condizioni di disagio e necessità. Infatti quest’anno i fondi raccolti verranno devoluti alla scuola di Tsarafara in Madagascar e in parte alla nostra scuola.
Per concludere, vogliamo anche ricordare che, grazie al gentile invito della Dirigente Agnese Vezzani, un gruppo di studenti di terza si è recato a Reggiolo, per proseguire la sfida che è stata avviata l’anno scorso con gli alunni della scuola del comune confinante. Speriamo che anche questa iniziativa, che ormai è stata denominata il “Derby del cuore”, possa continuare ed avere lunga vita come la Partita del cuore.

Maria Leoni

nomadi-001

La “Partita del cuore” per Reggiolo.

VLUU L100, M100  / Samsung L100, M100Ogni anno la Scuola Media festeggia l’arrivo delle vacanze di Natale con la ormai famosa “Partita del cuore”. Si tratta di una manifestazione che unisce sport e solidarietà e che quest’anno noi ragazzi delle classi terze abbiamo voluto dedicare alla raccolta di fondi da donare alla scuola di Reggiolo colpita dal recente terremoto. Per questo abbiamo invitato la Scuola media di Reggiolo a partecipare alla “Partita del cuore “, per regalare ai nostri colleghi di Reggiolo almeno un giorno di spensieratezza e amicizia e anche per aiutarli concretamente nella ricostruzione del loro istituto.
I ragazzi di Reggiolo, accompagnati dalle prof. Davolio Marani Gilda e Nasi Chiara e dalla Dirigente scolastica Vezzani Agnese, hanno accettato il nostro invito e Sabato 22 Dicembre ci hanno raggiunto nella nostra palestra per giocare con noi la “Partita del cuore”. E’ stato davvero bellissimo ed emozionante, ci sembravano più grandi di noi e avevamo paura di non farcela, poi invece siamo riusciti a vincere e il Reggiolo ha promesso che l’anno prossimo ci rivedremo per una rivincita.
Inoltre non credevamo che la nostra partita fosse così importante, ma abbiamo capito di avere fatto qualcosa di speciale quando abbiamo visto arrivare il Sindaco di Reggiolo Bernardelli, con l’ass. alla scuola Parmiggiani, i quali hanno voluto donare una targa alla nostra scuola per ricordare questa giornata di festa. Noi ragazzi a nome di tutto l’istituto abbiamo regalato ai ragazzi di Reggiolo dei libri e del materiale didattico e loro in cambio ci hanno lasciato dei bellissimi bigliettini con i loro ringraziamenti.
La giornata è proseguita con la “Partita del cuore” contro la squadra dei prof. formata da: Leoni Maria, Faraci Marco, Copreni Simona, Bertolotti Sara, Fichera Vittorio e dagli educatori dell’oratorio Rupi Stefania, Pecorini Simone, Bonini Giovanni, Veroni Francesco, Valentina e Paola Zarantonello. Quest’anno la prof. Leoni quando è salita in campo si è “impegnata” molto, così siamo riusciti a vincere un set. Per gli amministratori invece, non c’è stato niente da fare nemmeno quest’anno e la loro squadra (Daoli Rauol, Cantarelli Barbara, Luppi Francesca, Salmi yossef, Vezzani Agnese, Germani Ivo, Gelosini, Mazzi e Paterlini) ha perso per l’ennesima volta.

I ragazzi di terza

Diciassettesima” Partita del cuore”

Risultato invariato: come sempre vincono i prof.

Gli anni passano, ma la “Partita del cuore”
si conferma l’evento clou  delle feste natalizie.

L’entusiasmo dei ragazzi è sempre alle stelle e il lavoro di preparazione della gara li coinvolge per diverse settimane. Infatti in primo luogo riprendono i contatti con i 4 bambini indiani che vengono adottati a distanza grazie alle offerte raccolte attraverso il progetto. Di questi “colleghi” di studio possono vedere le fotografie, le pagelle e la descrizione della loro famiglia e in questo modo possono rendersi conto delle disuguaglianze che la nostra società crea. Da qui nasce l’impegno personale per lottare contro le disuguaglianze e contribuire tutti insieme a costruire un futuro diverso per questi ragazzi indiani.
Quest’anno il premio per il “Fair Play” se lo sono guadagnati i ragazzi di 3°C, mentre la 3°B ha avuto l’onore di giocare la Partita del cuore contro noi Prof,  mettendo in campo una squadra veramente forte e ben organizzata che ha dato del filo da torcere persino all’inossidabile prof. Faraci.
Anche l’Amministrazione Comunale si presenta in palestra con una formazione  agguerrita, ma il risultato alla fine dell’incontro non è cambiato: noi Prof abbiamo vinto.
La loro formazione comprendeva: Barbara Cantarelli, Cristina Fantinati, Yussef Salmi, Ivo Germani, Gelosini, Stefano Mazzi; mentre i Prof. scesi in campo erano: Marco Faraci, Maria Leoni, Chiara Nasi, Elisa Ruscelli, Pier Paolo Pancaldi, Maria Enza Capuana, Mimmo Curieri, Francesca insieme hai catechisti Beatrice Tirabassi, Martina Ceresoli, Matteo Davolio e Federico Bartoli.
Grazie di cuore a quanti hanno voluto partecipare, in particolare i genitori che venendo in palestra hanno contribuito con la loro offerta alle adozioni e speriamo di poter continuare l’anno prossimo il progetto.

Maria Leoni