Cinema in Rocca: programmazione e sostituzioni della settimana

mia amdreCOMUNICATO STAMPA – Ultime settimane di programmazione per il Cinema sotto le stelle nel cortile della Rocca dei Gonzaga che anche quest’anno, complice il gran caldo ed il mix di pellicole per grandi e bambini hanno fatto riscontrare una buona affluenza.
Questa settimana verrà proiettato – mercoledì 19 agosto – la brillante commedia francese “La famiglia Belier”, mentre giovedì 20 agosto, il film “Selma” verrà sostituito da “Mia madre” di Nanni Moretti.
Tutti le proiezioni, in caso di maltempo si terranno all’interno del Tetro Franco Tagliavini.
Prezzi di ingresso: interi € 5,00 – ridotti € 4,00
(tessera Arci, Agis, militari e anziani oltre i 60 anni)

Ridotto YoungERcard*: € 2,50
Omaggio per i minori di anni 4

Per informazioni: Arci: www.arcire.it Tel: 0522 392137
Comune di Novellara: www.comunedinovellara.gov.it
Tel. Biblioteca: 0522 655419 – URP: 0522 655454

Sara Germani

180 pagine    Costo 11,40€ + spese di spedizione 3,60€ POSTEPAY 4023-6009-0376-5313 C.F. TRRGPP68T10Z133H <> Riempire il form del Blog o scrivere a giuseppeturrisi@yahoo.it indicando Nome Cognome ed Indirizzo completo di CAP e sarà spedito nel più breve tempo possibile

180 pagine
Costo 11,40€ + spese di spedizione 3,60€
POSTEPAY
4023-6009-0376-5313
C.F.
TRRGPP68T10Z133H
<>
Riempire il form del Blog
o scrivere a giuseppeturrisi@yahoo.it
indicando Nome Cognome
ed Indirizzo completo di CAP
e sarà spedito
nel più breve tempo possibile

IL VESTITO DELLA DOMENICA

Medjugorje-Chiesa S.Giacomo

Caro direttore,
ogni anno soprattutto d’estate succede che le chiese si trasformano in passerelle del cattivo gusto dove a sfilare sono jeans sdruciti, pantaloncini cortissimi e t-shirt osé.  Mi è stato insegnato dai miei genitori operai, specie da mia madre, di rispettarla ed onorarla sempre perché è un luogo sacro. E’ diffuso un giovanilismo stucchevole, come un esercito di persone che sembrano tutte uguali, entrare in Chiesa come andare in spiaggia o andare a sostenere un esame. Sembrano lontani anni luce i filmini della famiglia che va a Messa la domenica: i bambini con abitini ricercati, le mamme con gonna al ginocchio e camicia ed il papà in lino con l’auto lucidissima. Per non parlare dei tempi più lontani quando in chiesa ricchi e poveri – nessuna distinzione – entravano in scena con gli abiti migliori, profumati, scarpe lustrate e con i capelli soffici di chi ha appena fatto il bagno. La fotografia non ha più di trenta, quarant’anni, cos’è è successo e perché non fa più differenza recarsi in un luogo piuttosto di un altro? Due aspetti, tra gli altri, emergono dalla società odierna ed il primo è che quel luogo, non è più percepito come sacro, cioè inviolabile ed esigente, conseguentemente non viene “insegnato” alle nuove generazioni. La seconda ragione a mio avviso è data dal perché uno si deve proporre con un abbigliamento diverso dal normale, dato che in Chiesa incontriamo lo stesso Dio che le tecnologie ci permettono di guardare in pigiama la messa in TV o su internet. Il vestito della domenica è rimasto in me marchiato a fuoco cercando di trasmetterlo ai figli, non nel modo fin troppo rigido in cui i miei l’han fatto ma di vivere la festa in modo diverso, incominciando da me stesso. Le chiese sono, specie domenicalmente – e forse lo ricordano in pochi – dei posti bellissimi che richiedono un abito consono al luogo. Se magari fossi invitato dal presidente Napolitano a pranzo, andrei con le medesime scarpe e l’identico vestito; nessuno credo, vi andrebbe in tuta, con un look succinto, o con un abbigliamento colorato alla Peter Pan! 

Cordiali saluti e.. buona domenica
Paolo Pagliani
Novellara