Prima edizione delle “Olimpiadi dell’intercultura” all’Istituto professionale statale Mario Carrara di Guastalla

greci-olimpiadi-21-770x439_c

Durante le mattinate di venerdì 17 e sabato 18 aprile gli studenti dell’Istituto professionale Statale “Mario Carrara” di Guastalla si sfideranno nella prima edizione delle “Olimpiadi dell’intercultura”.
Il progetto, inserito nel piano dell’offerta formativa dell’anno scolastico in corso ha come obiettivo quello di stimolare i giovani studenti ad avvicinarsi con curiosità alle tradizioni, culture e usi e costumi delle diverse nazionalità presenti all’interno dell’Istituto.
Al Mario Carrara, infatti, oltre il 30% degli studenti iscritti provengono da un paese extra comunitario e il tema della conoscenza, confronto, collaborazione e superamento dei pregiudizi verso le culture altre rispetto alla propria sono affrontati quotidianamente sui banchi di scuola.
A Guastalla e nella sezione associata di Novellara, i consigli di classe hanno selezionato 86 studenti in base ai meriti scolastici e puntando sulla massima eterogeneità dei gruppi (età, sesso e nazionalità). Gli studenti saranno quindi suddivisi in squadre: la maggior parte di loro si sfideranno in diverse prove (teoriche e pratiche) mentre altri saranno impegnati in attività di assistenza, faranno parte della giuria e svolgeranno funzioni di reporter e fotografi per questa iniziativa.
Senza competizione, ma con tanta voglia di conoscersi, a questi ragazzi verrà data un’opportunità in più per abbattere stereotipi, cliché e mettersi a confronto. Alle ore 12.30 di sabato mattina ci sarà la premiazione degli studenti alla presenza della dirigente scolastica dott.ssa Maria Sala e delle amministrazioni comunali di Guastalla e Novellara.

Maggior videosorveglianza sul territorio

videosorveglianzaLa giunta del Comune di Novellara ha approvato all’unanimità l’ampliamento del sistema di videosorveglianza cittadina dando il via libera all’installazione di 10 nuove telecamere, che si andranno ad aggiungere alle 40 già presenti sul territorio comunale o in corso di attivazione.
Due di queste saranno posizionate nella centralissima piazza Unità d’Italia, mentre altrettante saranno installate presso il magazzino comunale di via Costituzione; nella stessa strada, inoltre, troverà posto un’altra telecamera, questa volta nel piazzale d’ingresso dell’istituto professionale statale “Mario Carrara”.
Le altre telecamere, invece, saranno collocate in via Campanini, nel piazzale d’ingresso delle scuole medie di via Novy Jicin e nel piazzale d’ingresso della palestra scolastica adiacente, nel piazzale d’ingresso delle scuole elementari di San Giovanni (in via Totò de Curtis) e nel piazzale d’ingresso della palestra scolastica situata nella stessa via.
L’estensione del nuovo piano di videosorveglianza comunale, ha sottolineato il Sindaco di Novellara Elena Carletti, “è stato ritenuto necessario per rispondere alle esigenze di tutela e sicurezza di tutti i cittadini”. Le nuove telecamere, infatti, “saranno collocate in modo da presidiare luoghi particolarmente sensibili, come ad esempio le scuole del territorio, e serviranno inoltre per facilitare il lavoro delle forze dell’ordine, che utilizzano sempre di più questi strumenti per combattere gli episodi di microcriminalità e vandalismo e per individuare più rapidamente i responsabili”.

spazio-pubbl-copia

Novellara, festa a scuola per la nuova intitolazione del Carrara

Mario Carrara

L’istituto professionale, dopo essere diventato una scuola autonoma, ha festeggiato questa mattina l’intitolazione a “Mario Carrara” della sede novellarese, alla presenza dell’assessore provinciale all’Istruzione Ilenia Malavasi e del sindaco Raul Daoli

C’è una scuola nella nostra provincia che sembra non avere nulla da invidiare a realtà scolastiche di Canada, Stati Uniti o di una qualsiasi capitale europea: il nuovo polo professionale “Carrara”, che vede le sue sedi suddivise tra Guastalla e Novellara: “Sapete come si fanno concorrenza tra loro le scuole di Toronto? Più lingue sono parlate in classe e più la scuola diventa appetibile, perché il multiculturalismo e la conoscenza delle lingue estere sono la chiave del successo in un mondo globalizzato”. Così il sindaco di Novellara Raul Daoli questa mattina nel corso della cerimonia di intitolazione a “Mario Carrara” della sede novellarese dell’istituto, dove a tagliare il nastro c’era anche l’assessore all’Istruzione della Provincia Ilenia Malavasi. Ai tanti studenti, provenienti da diversi Paesi del mondo, l’assessore Malavasi ha detto: “Anche se stiamo attraversando un momento difficile, la scuola sarà il lasciapassare nella vostra vita che vi auguriamo essere meravigliosa. Scuole come questa, caratterizzate da un tessuto sociale vario anche se complesso a volte, hanno un cuore grande, grazie anche alla passione di chi ci lavora”. L’assessore Malavasi a questo proposito ha ricordato “l’impegno della Provincia affinché non ci siano scuole di serie A o B, scuole migliori o peggiori, perché tutti i ragazzi devono avere pari opportunità e diritto allo studio”. La dirigente dell’istituto Maria Sala ha infine ricordato “l’impegno dell’intera comunità al fianco della scuola, dove ogni anno sono moltissimi i progetti che vengono portati avanti grazie proprio all’attenzione di tutto un territorio che senta la scuola come una sua ricchezza”. Alla cerimonia erano inoltre presenti il vicesindaco di Novellara Barbara Cantarelli, l’assessore ai Giovani Youssef Salmi, l’assessore alla Cultura Paolo Santachiara.
Il polo professionale “Carrara” è una scuola di recente istituzione, frutto del percorso di riorganizzazione degli istituti superiori avviato dalla Provincia due anni fa, che vede in questo nuovo polo professionale aggregati diversi indirizzi, suddivisi tra le sedi di Guastalla e Novellara (manutenzione e assistenza tecnica, servizi commerciali e servizi socio-sanitari). La scuola da quest’anno è intitolata a Mario Carrara (1866-1937), guastallese di nascita, medico, scienziato e docente universitario. Il professor Carrara, negando nel 1931 il giuramento di fedeltà al regime fascista, difese la dignità e la libertà del sapere, del maestro e degli studenti. A far rivivere l’impegno e il sacrificio di Mario Carrara per la libertà sono stati gli studenti dell’istituto che hanno svolto alcune letture in occasione di questa intitolazione ufficiale.

Festa del Tricolore

italia - novellara

L’assessore ai giovani del Comune di Novellara Salmi Youssef organizza lunedì 7 gennaio alle ore 9.00 una cerimonia ufficiale per rendere omaggio al Tricolore durante il 216° anniversario della nascita. La cerimonia avrà luogo nel cortile condiviso dalla scuola primaria di secondo grado Lelio Orsi e dall’Istituto Superiore Professionale Mario Carrara in collaborazione con il Gruppo Alpini “Valgranda” appartenente all’Associazione Nazionale Alpini – Sezione di Reggio Emilia.
Saranno oltre 200 gli studenti che parteciperanno all’iniziativa; alcuni di loro leggeranno dei testi e ricerche effettuate sulla storia del Tricolore per poi cantare insieme l’Inno di Mameli. La manifestazione seppur breve vuole essere un momento fortemente simbolico, per ricordare i valori e simboli che la bandiera italiana trasmette. Saranno presenti l’assessore ai giovani Salmi Youssef, l’assessore provinciale all’istruzione Ilenia Malavasi e altre autorità che offriranno il loro personale contributo in questo giorno molto speciale.
“Sono felice che le scuole medie e superiori abbiano accolto con tanto entusiasmo la volontà di partecipare alla giornata della celebrazione della Bandiera Italiana” dice l’assessore Salmi “un’occasione per rendere questa ricorrenza ancora più radicata nelle nostre scuole e nei nostri giovani, perché solo facendo loro apprezzare la storia del nostro Paese saremo in buone mani.
L’iniziativa si inserisce all’interno di un percorso ben più complesso di Educazione Civica avviato insieme alle scuole, per rafforzare il senso di appartenenza non solo ad una nazione ma ad un unione delle nazioni. Ci impegneremo per rendere questa giornata un momento di studio sul tema Patria, sul suo significato e la sua importanza in un contesto fortemente multiculturale come il nostro”.