Say Something – Great Big World feat. Christina Aguilera (Headache Cover)

600 mi piaceQuesta è la cover che vi proponiamo del fantastico singolo di a Great Big World e Christina Aguilera.
Ringraziamo inoltre Davide Gattini per l’accompagnamento alla tastiera, Mauro Savazza per le riprese e Giulia Giglioli per la coreografia. Enjoy!

Lasciare un like e condividere!facebook

Musica, un linguaggio, una forma di comunicazione. Poche note riescono già a cambiarti l’umore.
Questo è quello che ci accomuna, quello che vogliamo dimostrare a chi ci ascolta e sostiene.
Matteo ed io ci consociamo da 3 anni e subito siamo stati complici l’uno per l’altra. Gli ideali e i valori in comune hanno fatto si, che la nostra musica girasse per l’Italia.
Grazie alla nostra passione siamo riusciti a raggiungere traguardi molto importanti, uno dei quali è stata l’apertura del concerto dei Nomadi il 15 Maggio 2014 a Novellara.
Suoniamo cover Pop/Rock e scriviamo anche pezzi inediti.
Siamo dell’idea che quando l’anima domanda, la musica risponde. E’ questo il motivo della nostra musica ed è questo il motivo per il quale suoniamo. Con la nostra musica desideriamo dare risposte a chi pone domande. Ci piace raccontare le persone, le emozioni e l’amore…
Non siamo musicisti, siamo semplici persone innamorate della vita.
Questi siamo noi, in breve… gli Headache in pohe righe.

HEADACHE cover

HEADACHE cover

link per scaricare il file audio

“HEADACHE” il suono delle idee

Carissimi, anche sta sera è andata. Ci siamo divertiti, ma cosa più importante siamo stati onorati di aver potuto suonare per voi! Voi che siete venuti in tantissimi! GRAZIE!!
Ci tenevamo a ringraziare particolarmente I NOMADI, per averci dato l’opportunità di aprire la serata e, GRAZIE A VOI PER SOSTENERCI, SIA PRESENTI CHE NON PRESENTI!!

Ricordiamo a tutti che QUESTA domenica suoneremo al SUEDA BAR di WENZ, alle 19! Quindi se volete vivacizzare la vostra domenica sera, e perché no, fare un aperitivo con sottofondo musicale, saremo lieti di aiutarvi nel vostro intento! 
Un grande abbraccio 

HEADACHE

sueda

Presentazione ufficiale di lista e squadra

Festa del pesce solidarietàCiao, dopo la cena di solidarietà (Festa del Pesce) vi aspettiamo nella piazzetta dell’ex ospedale vi chiediamo di divulgare il volantino tramite le vostre pagine facebook o mail.
Stefania
facebook.com/elenacarlettiofficial
334/9316533 (Stefania Artioli – informazioni)
oggi001
Novellara Bene Comune: è una nuova generazione di amministratori che si affaccia alla politica con lo spirito di chi vuole farsi portavoce di tutti i cittadini, tutelare e garantire un futuro alle giovani generazioni e dare rispetto e ascolto delle persone più anziane.

CONDIVISIONE, CONFRONTO, CORAGGIO E TRASPARENZA SONO LE NOSTRE PAROLE D’ORDINE.

HEADACHE – prove musicali

Mi piaceDalle ore 20 – Parco Tien An Men
MUSICA NEL PARCO
prove musicali ad ascolto libero

via Mattei 13, 41011 Campogalliano

Da Novellara a Fort Worth per un musical sulla libertà (il Film completo)

I giovani protagonisti dell’avventura teatrale americana si raccontano

Intervista ad alcuni componenti del gruppo teatrale Taldirò protagonisti di uno show “mondiale”. Ci raccontano come è andata la loro avventura teatrale oltreoceano. 

Quale è stato il momento più esaltante dell’esperienza?

Simone: “Non ci sono dubbi: Il primo show! È stata un’emozione fortissima, teatro pieno, dietro le Quinte tutti agitati x l’apertura, la direttrice finisce di parlare e si spengono tutte le luci, via! Il sogno è diventato realtá!”.

Come lavorano teatralmente oltreoceano?

Filippo: “all’interno del campo siamo stati accolti da un cast di professionisti che fanno del teatro il proprio lavoro e la propria vita; all’inizio la serietà e la professionalità che abbiamo trovato ci hanno un po’ spiazzati, lo devo ammettere, anche forse un po’ per colpa della lingua. Eravamo un gruppo di quasi 200 ragazzi di tutte le età in un’unica struttura, gestiti senza problemi grazie alla loro organizzazione.
Col passare del tempo ci siamo integrati con la regista, i vari leadership, i ragazzi e con i loro metodi di lavoro. Mettendoci d’impegno, lavorando sodo ne siamo usciti alla grande! Lo spettacolo finale lo può testimoniare: è stato un successione!!! Devo constatare quanto noi siamo “primitivi” nel saper coniugare l’aspetto artistico e quello organizzativo.”

Qualcuno ha allacciato contatti che ancora oggi coltiva?

Veronica: “Si! Si sono create nuove amicizie sia con i ragazzi americani che con gli altri “international students”. Grazie alla tecnologia riusciamo a tenerci in contatto, sentirci per messaggio o vederci con Skype! Speriamo di aver la possibilità anche tra qualche anno di poterci rincontrare!
Intanto manteniamo i rapporti, ci teniamo aggiornati l’un l’altro dalle varie parti del mondo!”

Come è nata questa possibilità?

Serena: Questa possibilità è nata grazie alla nostra insegnante di teatro Grazia Costa che conosce da molti anni la direttrice dei “kids who care”. Grazia ci comunicò che la direttrice le scrisse sollecitandola ad andare in America con tutto il gruppo di teatro.
Per noi sembrava una grossa opportunità perché in questo modo ci sarebbe stata la possibilità di vivere una nuova esperienza. Dopo alcune riunioni abbiamo preso la decisione di partire e tutti erano entusiasti., consapevoli che senza l’aiuto di Grazia non si sarebbe mai potuta affrontare questa magnifica esperienza.

Il piatto più buono che avete mangiato e quello peggiore…

Lisa: “il piatto di cui mi sono abbuffata è stato l’hot dog con il bacon, il peggior gusto l’ho sperimentato con la guacamole. È una salsa a base di avocado di origine messicana di cui loro vanno pazzi, soprattutto se abbinata ai tacos o alle fajitas!”.

C’è la possibilità di vedere lo spettacolo in Italia?

Grazia Costa: siamo in attesa di ricevere il video dagli Stati uniti. Mi hanno informato di averlo spedito la scorsa settimana, quindi spero entro una decina di giorni di averlo, dopo di che penso che chiederemo ospitalità al Circolo Aperto Novellarese per una serata di proiezioni alla quale speriamo parteciperanno tutti coloro che sono curiosi, interessati, coinvolti.

C’è la possibilità di ospitare qui i vostri compagni di teatro d’oltreoceano?

Kimmy: “sicuramente si, anzi noi speriamo che in un futuro non così lontano possano venire in Italia e continuare così l’esperienza iniziata insieme che ha creato un legame di amicizia molto profondo. Ci piacerebbe condividere questa straordinaria esperienza con la comunità!”.