Giornata internazionale contro la violenza sulle donne a Novellara

scarpe-contro-la-violenza-delle-donne

Il 25 novembre ricorre la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne e per l’occasione i commercianti aderenti all’associazione “Novellara Viva” esibiranno in vetrina delle scarpe rosse, simbolo della lotta contro il femminicidio ed in biblioteca verrà donata una sciarpa rossa. In Italia il femminicidio continua ad essere une piaga allarmante. I dati del secondo rapporto Eures sul femminicidio parlano chiaro: sono 179 i casi registrati nel 2013, l’anno nero che ha segnato la più elevata percentuale di donne tra le vittime di omicidio mai registrata in Italia. In pratica una ogni due giorni.
“Tutti noi dovremmo interrogarci su un tema tanto delicato e attuale, mantenendoci vigili e attenti perché troppo spesso” afferma il Sindaco Elena Carletti “queste morti avvengono in ambito famigliare, nei contesti di prossimità, di rapporti di vicinato, amicizia o lavoro, dove le donne dovrebbero trovare conforto, dignità e sicurezza”. Scarpe e sciarpe rosse diventano i simboli di una giornata che vuole essere di sensibilizzazione e di riflessione non solo per la cittadinanza, ma anche per tutte le istituzioni e associazioni che possono fare rete per garantire più sicurezza e tutela nei confronti di tutte le donne.

Testata www Novellara viva

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne a Novellara

spinelli barbara rapporto cedaw

3 pubblicitàDall’inizio del 2013 ad oggi si contano 65 casi di femminicidio in Italia, un dato in costante aumento e che, al di là dei fatti di cronaca, deve far riflettere, discutere e agire le piccole comunità locali.
Con questo obiettivo dal 23 al 25 novembre il Comune di Novellara, in collaborazione con Pro Loco ed i commercianti aderenti a “Novellara Viva” hanno deciso per la prima volta di aderire alla Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne (designata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 25 novembre) attraverso una serie di iniziative di riflessione, conoscenza e sensibilizzazione.
Innanzitutto per dire basta alle violenze sulle donne, i commercianti di Novellara esporranno dal 23 al 25 novembre delle scarpe rosse, simbolo contro il femminicidio nelle proprie vetrine. Sarà invece l’onorevole Vanna Iori ad aprire, domenica 24 novembre a partire dalle ore 10.30 presso la Sala del Consiglio la mattinata di sensibilizzazione ed informazione rispetto a questa tematica. In particolare la parlamentare reggiana illustrerà gli aspetti fondamentali del decreto 93/2013  sulle disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, che lei ha fortemente voluto (in particolare per tutelare le donne in gravidanza).
Discriminazioni di genere, violenza sulle donne e mobbing sono al centro delle letture che seguiranno, proposte dall’attrice Maria Antonietta Centoducati che, accompagnata dalla musica di Gianni Binelli e Ovidio Bigi, leggerà alcune vere testimonianze tratte da “I lividi sul cuore”.
“La condizione femminile in Italia, anche delle giovani migranti, è un tema caro e sentito da parte dell’amministrazione comunale novellarese ed in particolare delle donne che compongono il gruppo di maggioranza in Consiglio Comunale” afferma la Vice Sindaco Barbara Cantarelli e ricorda “da anni programmiamo Settimana Donna per celebrare l’8 marzo in modo mai banale, ma sempre facendo attenzione a riconoscere il valore ed il ruolo della donna nella società e nel mondo del lavoro, mentre in sede consiliare abbiamo presentato e approvato mozioni volte a sostenere e tutelare i diritti fondamentali dei minori e delle donne, contrastare la pratica delle dimissioni in bianco e abbiamo illustrato il rapporto Cedaw del 2011 in Consiglio Comunale. Ora ci sembrava doveroso aderire alla giornata internazionale per mantenere alta l’attenzione su questi temi”

Contrastare la violenza sulle donne in ottica interculturale: a Novellara un seminario di formazione

L’associazione Trame di Terre in collaborazione con il Comune di Novellara ed il contributo di ActionAid e Fondazione Vodafone Italia organizzano venerdì 21 settembre nel Teatro Franco Tagliavini della Rocca dei Gonzaga un seminario di formazione rivolto ad amministratori, assistenti sociali, insegnanti e forze dell’ordine dal titolo “Fra il tuo onore e la mia libertà”. Un’intera giornata di formazione per dare strumenti concreti, per prevenire la violenza sulle donne, riconoscerla e contrastarla in un’ottica interculturale.  A giugno 2012 solo in Italia si contava 73 donne uccise per la maggior parte per mano di mariti, padri, fidanzati violenti; di queste 20 erano migranti. Dati agghiaccianti che dimostrano, come affermato Rashida Manjoo, relatrice speciale ONU che il nostro Paese è “in ritardo” in quanto a prevenzione e protezione delle vittime di violenza e punizione dei colpevoli.
La giornata di formazione si sviluppa in una prima parte dedicata alle “Politiche e strumenti per prevenire la violenza di genere” e la seconda nel pomeriggio dove si potranno approfondire le problematiche specifiche vissute dalle ragazze di “seconda generazione”, alla prevenzione e contrasto dei matrimoni forzati e dei cosidetti “crimini d’onore” con “Reti e strumenti giuridici a supporto e tutela delle vittime”.
Durante la mattinata (ore 9.30 – 13.00) sono programmati gli interventi e le osservazioni di Cristian Quintili, referente territoriale area Bologna di ActionAid, il Sindaco di Novellara Raul Daoli, la vice dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo di Novellara Edie Pavarini e Tiziana del Pra, presidente dell’associazione Trama di Terre. Dalle ore 14.30 alle 17.00 interverranno il direttore di Left-Avventimenti Giomnaria Monti, la psicologa Maria Maffia Russo e Barbara Spinelli avvocata e autrice di “Femminicidio”. Coordina i lavori Patrizia Randini dell’associazione Trama di Terre che offrirà ampio spazio agli interventi del pubblico e alla discussione con i partecipanti.

La prenotazione al seminario è obbligatoria entro il 17 settembre compilando il form su  www.tramaditerre.org. Per info tel. 0542 28912 – 334 7311570.

Per gli assistenti sociali è stata fatta richiesta di accreditamento e sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

Scarica il: Programma_21 settembre 2012_definitivo