“Chi si forma è perduto, Babiloteca”

“Chi si forma è perduto, Babiloteca” non è il motto di un irriverente politico disprezzante la classe media studentesca, ma il titolo di un ironico e disincantato romanzo di narrativa scritto dall’autore Simone Oliva.
Il testo è indispensabile per le matricole, è consigliato a coloro che hanno oziato all’Università, è suggerito a chi sta pensando di iscriversi, leggendolo potrebbero ripensarci e riderci su. Il libro è distribuito dalla casa editrice MNAMON, ed è disponibile solo on-line in formato E-book (PDF) al seguente Link:

Chi-si-forma-e-perduto

Tonino ed Edda, due protagonisti della storia novellarese

Da sinistra: il figlio della coppia Daniele Mariani Cerati, il Sindaco di Novellara Raul Daoli, lo storico locale Dimmo Olivi e l’assessore alla cultura Paolo Santachiara

Sabato 27 ottobre nel Teatro Franco Tagliavini a partire dalle ore 9.30 si raccoglieranno i primi frutti dell’intenso lavoro del gruppo di ricerca su “Antonio Mariani Cerati e Edda Ferretti, due protagonisti della storia di Novellara” sostenuto e patrocinato dal Comune di Novellara e dalla Provincia di Reggio Emilia

A due anni di distanza dalla costituzione del un gruppo di ricerca sull’impegno politico, sociale e civile di Antonio Mariani Cerati e della moglie Edda Ferretti, sabato 27 ottobre alle ore 9.30 nel Teatro della Rocca verranno presentati i primi risultati del complesso studio che ha coinvolto storici locali, con il contributo e patrocinio del Comune di Novellara e della Provincia di Reggio Emilia.
Già confermata la partecipazione di Walter Veltroni, ma anche ex dirigenti di partito come Antonio Bernardi,  Alessandro Carri, dell’artista Mario Pavesi, del prof. Ferruccio Crotti, di Luigi Camellini, di Giannetto Gatti e di Jone Bartoli, ex assessore regionale. Il Sindaco Raul Daoli al momento della formazione gruppo di ricerca, ne aveva sottolineato l’importanza: “Ritengo questo il modo migliore per mantenere vivi i lungimiranti valori che hanno trasmesso Tonino e la moglie Edda. Ringrazio davvero tutti coloro che in questi mesi lavoreranno con passione, dedizione e interesse a questo progetto”.
Il convegno è solo un primo tassello di un grande progetto che vede coinvolto in prima persona il figlio della coppia di amministratori Daniele Mariani Cerati: “Vogliamo realizzare un libro sulla vita dei miei genitori e trasmettere il loro impegno politico e civile ai più giovani. Grazie al laureando Andrea Montanari, infatti, è in corso il laboratorio Novecento nelle scuole medie”.
Il perché di questo convegno e ricerca lo spiega lo storico locale Dimmo Olivi: “Tonino ed Edda sono state due figure fondamentali nella storia di Novellara. Il passaggio da una società rurale ad industriale è stato guidato proprio da loro, in un contesto come quello novellarese, con grandi debolezze e povertà. Agli inizi degli anni Cinquanta oltre il 70% dei cittadini era dedito all’agricoltura come braccianti o mezzadri e il mondo industriale locale era prossimo alla saturazione. Furono anni difficili dove oltre 400 persone decisero di emigrare all’estero”.
Una fase storica di trasformazioni che accomuna il nostro tempo come afferma l’assessore alla cultura Paolo Santachiara: “Oggi la memoria di Tonino ed Edda, è la memoria di chi ha saputo leggere il segno dei tempi e favorire la nascita di qualcosa di nuovo come la cooperazione espressa in campo agricolo, abitativo, edile”.

Per prenotazioni convegno.mariani@libero.it

BiblioDays a Novellara

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Biblioteca G.Malagoli partecipa all’iniziativa provinciale BiblioDays programmando per il fine settimana alcuni appuntamenti interessanti dedicati a giovani autori ed ai più piccoli.
S’inizia sabato 6 ottobre presso la Sala del Fico alle ore 17.00 con “Nuovi autori nel cuore di Novellara” che si confronteranno sulle loro prime esperienze d’artisti della parola. Alcuni di loro sono novellaresi doc: Mario Pasqualotto con i suoi libri per ragazzi tratti dalle collane “La scuola dei pirati” e “Agatha Mistery” è riuscito a  fasi conoscere al grande pubblico e molti dei suoi libri sono tradotti in tantissime altre lingue; Simone Oliva ha recentemente pubblicato il suo primo e-book “Chi si forma è perduto” che attraverso diversi racconti, evidenzia il fatto che i bar di oggi sono spopolati perché i giovani popolano le università. I personaggi del Bar Sport di Stefano Benni ora vivono nelle biblioteche universitarie e, anche se i dibattiti sono culturalmente più elevati, l’idiozia resta la stessa di tanti anni fa.

Sarà presenta anche la giovane scrittrice Nicoletta Barbieri e Devis Bellucci, autore modenese che l’anno scorso ha pubblicato “La ruggine” romanzo  ambientato tra Emilia Romagna e Marche all’inizio del secondo conflitto mondiale.

Domenica 7 ottobre la giornata è interamente dedicata ai più piccoli con l’apertura straordinaria della Biblioteca e con possibilità di visite guidate in Archivio Storico dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.30. Durante la mattina (dalle ore 10.30) i bambini dai 6 anni in su potranno partecipare ad un laboratorio a cura della ludoteca “Costruiamo il nostro libro”, mentre al pomeriggio dalle ore 16.30 i lettori volontari Nati per Leggere racconteranno la storia de “La contessa Matilda alla corte di Novellara e la magia dell’aceto balsamico” in occasione delle concomitante festa Novellara Balsamica.