JUDO NOVELLARA: I MIGLIORI

gruppoaltin

Otto medaglie di cui 6 d’oro in due settimane
Igli Ramosacaj campione assoluto d’Albania e Mihaela Turcanu in nazionale moldava

Otto medaglie in due settimane. Questo il bottino di coach Andrea Aldini, titolare dell’Equipe Emilia Judo di Reggio Emilia presso l’UFC e del dojo Arti Marziali di Novellara in meno di 2 settimane. Ma andiamo con ordine. Domenica 15 aprile a Tirana si disputavano i campionati assoluti albanesi. Igli Ramosacaj era presente a difendere titolo e qualificazioni olimpiche. Igli è preparato, sale convinto e con tre incontri vinti per ippon (ko della boxe) chiude la pratica degli assoluti, tornando a casa con medaglia d’oro e 2 dan. Domenica 22 aprile a Camaiore al torneo nazionale Leonardi erano in gara i fratelli Mihu e Mihaela Turcanu. Il primo nella categoria junior 60 kg sale convinto delle sue possibilità e conscio di una buona preparazione vince la gara con determinazione. Dopodiché la sorella Mihaela categoria cadette 63 kg, parte convinta di portare a casa la medaglia d’oro. Il primo incontro lo chiude in circa 30 secondi per ippon pure lei come il fratello. Stessa cosa per il secondo, con la finale che dura una manciata di secondi. Veniamo all’ultima gara di domenica 29 marzo a Ferrara. Esordio nel team novellarese del giovane albanese Vataj Luigi nella categoria 60 kg esordienti marroni. 3 incontri del giovane di Lezha, per una durata complessiva di 15 secondi, lo catapultano sul gradino più alto del podio. Ancora Mihaela Turcanu che con 4 incontri vinti porta a casa due medaglie, nei 63 e nei 70 kg cadette cinture nere e si aggiudica la convocazione in nazionale under 18 moldava per la prossima coppa Europa. Ritorno alle gare per Sandro Camorani dopo 3 anni di stop, che dopo un ottima competizione si classifica terzo aggiudicandosi una bellissima medaglia di bronzo nella categoria 81 kg seniores fino a marrone. Bella prestazione anche dell’allenatore del settore giovanile, Mirko Nigro che nella categoria 60 kg seniores si aggiudica un ottimo bronzo. Soddisfazione per il team Novellarese da parte del coach Andrea Aldini, dal vice presidente Krenar Ramosacaj, padre di Igli e presente alla gara, del presidente Giorgio Aldini e del collaboratore della nazionale albanese Altin Pergjergi il quale ha fatto presente come la società si stia rivelando competitiva e vincente sia in campo nazionale e internazionale.

JUDO: due medaglie e 3 quinti posti al torneo internazionale di Giano

stagelignano

Argento per Aldini nei master e bronzo di Maglaperidze negli Junior, gara spettacolare di Pezzella

A Terni si è svolto il 16 torneo internazionale di Judo di Giano, valido per l’acquisizione della cintura nera. A rappresentare la città del tricolore gli atleti del Dojo arti marziali, sezione judo con una squadra di 5 atleti, tutti arrivati in zona medaglia. Apre la gara, il coach Andrea Aldini, nella categoria Master, nella quale piazza due ippon (ko della boxe) chiudendo prima del limite per accedere alla finale con il finanziere Lamberto Raffi. Incontro tiratissimo che vede quest’ultimo prevalere di poco sull’atleta reggiano. In gara anche Vazha Maglaperidze, juniores 73 kg che parte bene, vince 3 incontri prima del limite per perdere malamente ai 4 di finali dall’atleta che rappresentava la Puglia. Finito nel tunnel dei recuperi, l’atleta georgiano non deludeva le attese e con due ippon da manuale, chiudeva la gara sul gradino più basso del podio. In gara anche Salvatore Pezzella, cadetti 66 kg, che pratica judo da solo 6 mesi. L’atleta reggiano, incontra subito un osso molto duro, il napoletano Setaro della scuola del campione olimpico Maddaloni. Incontro durissimo che vede prevalere di poco quest’ultimo, che poi vincendo la gara, recupera l’atleta reggiano. Ai recuperi Salvatore, tira fuori una classe non indifferente: chiude il primo incontro in 8 secondi; l’incontro successivo dura una 15 di secondi, il terzo altrettanto per arrivare alla finale per il terzo posto, dove incontra l’atleta del nippon Napoli, altra palestra fortissima, e la generosità non basta per vincere contro l’esperienza, chiudendo cosi al 5 posto. Altra bella gara del senior Marco Rovali (73 kg fino a marrone), approdato da poco al judo dove piazza due ippon a terra di leva articolare, vincendo in modo spettacolare per poi cedere all’esperienza all’ultimo incontro e accontentarsi di 4 punti per la cintura nera e un quinto preziosissimo posto. Ultimo in gara Fajetti Simone (junior, 81 kg fino a marrone) che ritornato al judo da poco piazza due ippon da manuale per poi cedere anche lui come i suoi due compagni in finale e piazzarsi al quinto posto.
Bella prestazione dei reggiani con profonda soddisfazione di tutto lo staff, di questo giovane club, fondato da poco, che promette da subito molto bene!

La casa dei sogni

TROFEO INTERNAZIONALE DI JUDO CITTA DI COMO

Sul podio – Glowacki – Ramosacaj – Masetti – Villani e Torreggiani

Sul podio – Glowacki – Ramosacaj – Masetti – Villani e Torreggiani

Domenica ad Appiano Gentile si è svolto il settimo torneo Internazionale città di Como con atleti provenienti dalla Grecia, Moldavia, Spagna e Svizzera. Il Dojo Arti Marziali schierava 6 atleti, già collaudati a questo tipo di manifestazioni. La gara non partiva bene per gli atleti di Novellara. I due cadetti 60 kg Gianmarco Torreggiani e Lorenzo Villani perdevano il primo combattimento. Relegati ai recuperi il coach Andrea Aldini cambiava tattica di gara e i risultati non si facevano attendere. Gara perfetta successivamente per i due cadetti del dojo che salivano prepotentemente sul gradino più basso del podio con tre incontri a testa vinti per ippon (ko della boxe) con la finale di Torreggiani che è durata poco più di 10 secondi. Raddrizzata la giornata era il turno del polacco Dorian Glowacki che combatteva in una categoria non sua gli 81 kg juniores. Parte bene e chiude il primo incontro in un minuto secco. Nella finale il cronometro si ferma dopo 10 secondi sotto l’occhio vigile dell’allenatore della nazionale polacca Janusz Pawlocki vincendo un preziosissimo oro per il Dojo Arti Marziali. Gara un po’sottotono per il nazionale albanese Igli Ramosacaj che vince il primo incontro dopo circa un minuto sempre per ippon per poi approdare alla semifinale che dura circa una decina di secondi con l’atleta albanese che sembra ripetere l’exploit di domenica scorsa. E qua qualcosa non funziona. In finale parte sottotono, non attacca e una tattica troppo attendista porta in vantaggio l’avversario. Nell’ultimo minuto Igli attacca, recupera parzialmente lo svantaggio ma non basta e si deve accontentare dell’argento. Stessa sorte per Riccardo Masetti nella categoria 90 kg. All’esordio gli tocca immediatamente un atleta della nazionale greca, contro il quale il coraggio e la determinazione di Riccardo nulla possono e costringono l’atleta in forza al Dojo arti marziali ad accontentarsi della medaglia d’argento. Alla fine della giornata il Dojo arti marziali si classifica 12 società su oltre 60 società provenienti da tutta Italia e dall’estero.

Dojo Arti marziali Novellara 1 oro e 1 bronzo e Ramosacaj è cintura nera anche in Italia

Continuano le medaglie del Dojo arti marziali, settore judo, al torneo Lame, valido per l’acquisizione della cintura nera 1 con 2 medaglie su due atleti con la categoria juniores che combatteva assieme ai seniores. Apre la gara Igli nella categoria 66 kg di ritorno dal torneo della bandiera con la nazionale albanese. Inizia bene, sicuro e determinato, ascolta i consigli del coach Andrea Aldini e piazza tre ippon (vittorie prima del limite) vincendo la finale in 5 secondi secchi. Igli che era cintura nera in Albania conquistata con lo splendido quinto posto agli assoluti albanesi di aprile, ha preferito non farsela riconoscere e conquistarsela anche in Italia. L’operazione è durata solo qualche mese. Le cinture nere del dojo ora sono sette di cui 4 fanno parte delle relative rappresentative nazionali. Il dojo arti marziali ha aperto solo da 3 anni a Novellara e a Reggio Emilia è presente al Paladelta solo da un anno. Gara d’esordio per il georgiano Vazha Maglaperidze nella categoria 73 kg che mantiene alti i colori della scuola di Novellara. Passa il turno e al primo incontro di eliminazione studia l’avversario e lo batte in 30 secondi secchi. Accede alla semifinale che conduce fin da subito. L’inesperienza però gioca al georgiano in forza al Dojo un brutto scherzo e lo relega ai recuperi. Vazha sale determinato e vince la finalina per il bronzo in 10 secondi secchi, rivelando uno smalto di stampo Europeo. Soddisfazione da parte dei tecnici Andrea Aldini e il nazionale moldavo Stanislav Calmati, ora in ritiro a Chisinau  che con grande determinazione hanno preparato i ragazzi, per questo momento così delicato come le gare di fine anno.

A Parigi in vista dei campionati d’Europa Juniore

Judo: Ramoascaj e Aldini a Parigi
al centro olimpico ad allenarsi
con gli olimpionici di Londra

 Arriviamo a Parigi l’8 luglio. È imminente la convocazione di Igli per i campionati d’europa juniores di judo che si terranno in Croazia il 21 Luglio. Decidiamo di non perdere tempo e di cominciare la preparazione di una gara che potrebbe risultare decisiva per il futuro sportivo del nostro atleta con la nazionale del suo paese: l’Albania. Arriviamo all’institute du Judo vero tempio del judo mondiale: 1600 mq di tatami, la più grossa palestra del mondo. Ci registriamo con le nostre Jumas Card necessarie per accedere all’attività internazionale (a Reggio Emilia siamo solo io e Igli a possederle) e ci avviamo verso il tatami per partecipare all’attività Judo d’été che vede coinvolti judoka provenienti da tutte le parti del mondo.  Ci accoglie subito Cristian Vauchon grande campione francese e allenatore del pluricampione del mondo francese Teddy Riner e ci mette subito a lavorare. A me vengono dati una serie di metodi di allenamento sia per la squadra che per gli europei di Igli il quale viene subito messo ad allenarsi con gli olimpionici e gli atleti ad alto livello. Come sono stati questi olimpionici provenienti da Arabia saudita, Egitto, Marocco, Algeria, Tunisia, Francia, Haiti, Venezuela e Cuba? Semplicemente persone meravigliose. Io ho avuto l’onore di condurre la prima parte dell’allenamento di questi campioni in un paio di occasioni, un’esperienza unica, con i complimenti di tutto lo staff della FFJDA (le federazione francese del judo). Umiltà, determinazione e consci tutti di volere un’unica cosa migliorare se stessi per potere essere campioni nello sport e nella vita. 12 allenamenti in 12 giorni con qualche pausa per vedere il Louvre, Notre dame e le Quai d’orsay e le feste per il 14 luglio e soprattutto tante amicizie nate non importa se neri bianchi o gialli, cristiani, musulmani o buddisti; il rispetto dell’altro prevaleva su qualsiasi diversità che non veniva vista non con sospetto ma come ricchezza. L’ultimo allenamento è stato venerdì 20 luglio con evidente commozione al momento dei saluti consci, di ritornare in Italia molto più ricchi sia dal punto di vista sportivo sia io e Igli e sia dal punto di vista umano!!!

Andrea Aldini

Nella foto la preparazione di Igli per i campionati d’europa juniores

15 sigillo per il judo del Dojo Arti Marziali Novellara

Bis di medaglie alla coppa Lombardia a Bergamo
Oro di Lorenzo Villani e del nazionale Juniores Igli Ramosacaj

A Ciserano di Bergamo, domenica si è disputata la 25 coppa di Lombardia di judo valido per l’acquisizione della cintura nera. Per il dojo arti marziali erano in gara, Lorenzo Villani e Igli Ramosacaj. Il primo gareggiava nella categoria cadetti 60 kg. Agli esordi con l’agonismo il giovane novellarese chiudeva per ippon (il ko della boxe) in modo rocambolesco il primo incontro immobilizzando al suolo il proprio avversario. Giunto in finale l’incontro si presentava in salita, ma nonostante la poca esperienza Lorenzo passava in vantaggio. L’avversario di Milano cercava in un qualche modo di recuperare ma con scarsi risultati. A quel punto l’atleta in forza al Dojo di Novellara cambiava tattica e con un formidabile seoi nage (tecnica di lancio) a destra, nonostante Lorenzo sia mancino chiudeva l’incontro per ippon.
Bella gara anche per Igli Ramosacaj della nazionale albanese nei 66 kg juniores che gareggiavano assieme ai seniores, essendo di fatto uno dei più giovani atleti in gara. Apriva la gara con un incontro vinto in quindici secondi secchi per ippon. Il secondo durava un po di più ma l’avversario bergamasco non riuscendo a sfruttare il fattore casa cedeva a Igli dopo circa un minuto con un altro ippon da manuale. Terzo incontro, terza vittoria, cercata ed ottenuta con fatica anche questa con un altro ippon da manuale. Semifinale con l’atleta anglo-italiano Eric Mason di Brescia. Igli passa subito in vantaggio con un’azione spettacolare amministrando saggiamente il risultato, tuttavia la stanchezza del giovane della nazionale albanese (giunto alla 4 convocazione) si fa sentire. Eric pareggia, poi una sanzione dubbia porta in vantaggio il bresciano sull’atleta del Dojo di Novellara, relegando Igli ai recuperi. Nella finalina, il nostro atleta incontrava un judoka allenato dall’olimpionico Diego Brambilla ex compagno di squadra dell’allenatore del Dojo Arti Marziali di Novellara Andrea Aldini. L’incontro parte abbastanza teso, con un confronto anche ai piedi del tatami. Ramosacaj segue le indicazioni del tecnico Andrea e dopo un minuto di gara circa, in contro tecnica pescava l’atleta di Cinisello e chiudeva l’incontro per ippon classificandosi al terzo posto su un lotto di oltre 20 concorrenti.
Grande soddisfazione a Novellara per i risultati ottenuti, confermando il dojo Arti Marziali come una delle realtà più dinamiche della provincia reggiana che nonostante i fenomeni sismici gli atleti di questa palestra hanno continuato fra mille difficoltà ad allenarsi e portare avanti la proprio passione con abnegazione e spirito di sacrificio..

Dott. Andrea Aldini

Diventare inserzionisti del “Portico on-line” è il modo più efficace ed economico per fare pubblicità alla propria Azienda.

Fai pubblicità sui nostri schermi

Fatti conoscere con un vero spot pubblicitario che sarà visto da migliaia di utenti. Garantiamo grande visibilità e grande ritorno di immagine.

Prezzi imbattibili a partire da 37€ al mese.

Scrivici sarai al più presto ricontattato
da un nostro responsabile commerciale.

Centro del settore giovanile del Dojo Arti Marziali

Al trofeo kodokan di Firenze 
Oro, argento e bronzo del settore giovanile del dojo

 Al palazzo dello sport di Signa si è disputato il torneo Kodokan prova interregionale pre-agonistica. In gara per la provincia di Reggio Emilia erano i soliti atleti del Dojo Arti Marziali che non perdono occasione ogni domenica di confrontarsi con altre realtà della regione e zone limitrofe con risultati più che lusinghieri. Infatti non solo il settore agonistico che opera a livello nazionale ed internazionale anche il settore under 13 si sta distinguendo.
I ragazzi in competizione erano 3 e tutti arrivati sul podio, seguendo le orme dei loro compagni più grandi che quest’anno hanno centrato tutte le competizioni. Oro per Manuel Benati alla terza gara della carriera, nella categoria ragazzi 42 kg. Due incontri vinti su due il giovane atleta ha dimostrato classe e talento chiudendo tutti gli incontri prima del limite. Successivamente gareggiava Alex Lonardi campione regionale uscente nella categoria ragazzi +55 kg che non riusciva a riconfermarsi fermandosi alla medaglia di bronzo, pur non mancando di dare prova di bravura e preparazione tecnica. Nella categoria ragazzi 43 kg argento per il compagno di squadra più esperto, Nicola Torreggiani, che nonostante l’esperienza maturata e 2 incontri vinti non riusciva ad arrivare sul gradino più alto del podio, battuto dal più esperto toscano Paoletti. I giovani del Dojo Arti Marziali gareggiano, convincono, facendo vedere veramente del bel judo e uno sport bello e puro segnale dell’ottimo lavoro svolto nei club gestiti da Andrea Aldini  A fine giornata il Dojo si classificava al 3 posto su un lotto di oltre 30 società. Ottimo piazzamento considerando anche l’esiguo numero di atleti presenti. I corsi dei giovani si tengono a Novellara al Dojo Arti Marziali il lunedì e il mercoledì e a San Bartolomeo, c/o l’oratorio e all’UTC di via Emilia all’ospizio il martedì e il giovedì per informazioni potete chiamare il 3299426701.