Lettera aperta a imprenditori e imprenditrici novellaresi

Youssef Salmi

Nel mese di maggio fu inviata una lettera al Portico, con la quale un giovane novellarese chiedeva aiuto per migliorare la qualità della sua vita, ricordando il suo non esaltante passato di bullo e scemo di turno. Diceva che nel suo specchio si vedeva migliorato anche se era convinto che gli altri lo vedessero ancora come una volta.
Oggi a distanza di alcuni mesi, sono io a scrivervi, in qualità di Assessore ai Giovani del Comune di Novellara invitandovi a prendere il nostro Centro Giovani come punto di riferimento per dare qualche possibilità ai nostri giovani disoccupati. Un Centro Giovani sul quale abbiamo investito e vorremmo investire ancora di più attraverso un bel “Progetto Giovani” che ha come primo obbiettivo di rafforzare il senso di comunità e di appartenenza, ma soprattutto stimolare nei nostri ragazzi quell’amore per il territorio che ti porta ad essere il tutor/custode di esso non il teppista annoiato il cui primo obbiettivo e “divertimento” è quello di danneggiare la cosa pubblica. Questo è un impegno e una sfida che mi sono posto, un obbiettivo da raggiungere. Qualche piccola risposta c’è stata, ci sono segnali molto positivi, c’è dialogo tra Amministrazione e giovani, un dialogo sincero e trasversale. Questo per me è qualcosa di importante, perché serve a dare fiducia, quello che necessita oggi per affrontare il domani.
Mi rivolgo a tutti voi nella convinzione che la nostra economia locale sta migliorando anche se più in generale non vi sono prospettive rosee.
Rivolgetevi al Centro Giovani, perché se potessimo dare qualche risposta attraverso il Centro, questo rafforzerebbe ancora il nostro lavoro, e darebbe ancora più credibilità ad un progetto che non vuole creare solo momenti di divertimento, ma anche responsabilizzare i nostri giovani, renderli protagonisti, ascoltarli e cogliere le loro idee, lavorare con loro. Dare alcune risposte occupazionali è come dare acqua ad una pianta che sta per seccarsi, i nostri giovani sono un patrimonio che va valorizzato, sono la base del nostro futuro. Vi chiedo quindi di ascoltarli e di aiutarci a concretizzare obbiettivi anche se a volte sembrano difficili. Se dovessimo riuscire a lavorare davvero in sinergia potremmo realizzare un vero laboratorio per lo sviluppo del senso di comunità che potrebbe un domani diffondersi anche ad altre realtà. Vi chiedo pertanto di dare questa chance ai nostri giovani, di metterli alla prova, sono ragazzi che conosciamo, tra di loro ci sono anche i vostri vicini di casa che magari avete visto crescere come i vostri figli o qualche ragazzo che almeno una volta avete visto girare per le vie del paese.
Aiutateci ad aiutare i nostri ragazzi, sono convinto che i frutti li raccoglieremo tutti insieme. Per la parte operativa, qualora ci fosse bisogno, possiamo anche coinvolgere agenzie, possiamo fare un incontro per creare una strategia territoriale di occupazione. Sono a vostra disposizione sin da ora, potete contattarmi quando volete. Da Amministratore desidero ringraziarvi anticipatamente per tutto quello che riuscirete a fare.

Youssef  Salmi
Assessore ai Giovani
Associazionismo e volontariato

Festa dello Sport a Novellara

Sabato 25 e domenica 26 giugno l’assessorato allo sport invita tutta la cittadinanza a partecipare alla prima edizione della Festa dello Sport, due intense giornate organizzate in collaborazione con le associazioni sportive locali e le comunità novellaresi per presentare al meglio le tantissime opportunità di svago e attività fisica presenti a Novellara.
Sono così tante le associazioni che hanno aderito alla manifestazione che questa iniziativa sarà la prima occasione per il Comune di Novellara d’aderire all’anno Europeo del Volontariato e valorizzare l’impegno e l’importante presenza sul territorio di queste associazioni di volontariato.

Sabato 25 giugno dopo una presentazione dell’iniziativa da parte dell’assessore allo sport Maria Ghizzi presso il campo sportivo di Via Indipendenza, saranno organizzate una serie di esibizioni da parte dei gruppi sportivi locali. Alle ore 16.00 al campo di via Indipendenza sarà organizzato un torneo di calcetto e di kriket, mentre alle ore 16.00 nella palestra con tribune vi sarà un’esibizione di tennis.

Domenica 26 giugno si prosegue al campo sportivo alle ore 10.00 con vere e proprie occasioni per sperimentare i vari sports: ginnastica artistica, calcetto, gatka (tradizionale arte marziale praticata dalla comunità sikh), mentre dalle ore 10.00 nelle palestre avranno inizio i tornei di basket e pallavolo.
Nel pomeriggio a partire dalle ore 16.00 sono in programma esercitazione di tiro con l’arco a cura degli Arcieri dell’Ortica, un torneo di volley ball (pallavolo pakistana), un’esibizione di chi gong, di judo, di aikido e di karate. Sarà inoltre presente un punto ristoro gestito da Jogging Team Paterlini e il Centro Giovani organizzerà tornei di ping pong, di biliardino e intrattenimento vari con dj per i più giovani.

L’assessore Maria Ghizzi commenta così questa prima edizione della Festa dello Sport: “Abbiamo deciso di organizzare queste due giornate per celebrare lo sport sia sotto l’aspetto del benessere che della socialità. La collaborazione tra i volontari delle società sportive, le comunità novella resi e il centro giovani, insieme alla formula della libera iscrizione ai numerosi stage e tornei presenti permetteranno a tutti di sperimentare e conoscere da vicino la vivacità della realtà sportiva novella rese e la ricchezza che lo stare insieme regala. Mi auguro due giornate sportive all’insegna del divertimento e della partecipazione”.

L’iniziativa oltre ad essere supportata dalla ben più conosciuta manifestazione Mondiali Anti razzisti è anche patrocinata dalla Regione Emilia Romagna – pace e diritti umani.
Si ringraziano gli sponsor che hanno reso possibile l’iniziativa: Poker – idee per l’ufficio, COOP consumatori nordest e CIR food.