SI DICEVA SANTO NATALE

Gentile direttore, ho avuto occasione di andare a Bologna in occasione delle Feste natalizie ed ho potuto constatare nei negozi, che dagli iniziali Buon Natale (talvolta Santo Natale) di anni orsono, si è passati a un più diffuso Happy o Merry Christmas, per poi passare a Merry Xmas dove l’X poteva configurarsi come tentativo di cancellare Cristo dal Natale.
L’eliminazione di qualsiasi riferimento al “Festeggiato”, probabilmente corrisponde al vero infatti, nella recente pubblicità inserita su un noto quotidiano, è comparsa pure l’espressione Merry Sexmas, con la foto di alcune donne vestite da Babbo Natale con abiti succinti e comportamenti ammiccanti e provocatori.
Il tentativo di eliminare qualsiasi riferimento a Gesù Cristo nella nostra società è in atto da tempo e sta raggiungendo successi significativi; è vista come festa per riposarsi, divertirsi assieme agli amici e familiari, o di un’occasione per fare regali e spese particolari.
Cioè il Natale visto non come festa religiosa ma come occasione per appagare una volontà consumistica e di evasione.
Si cerca di sostituire una fede con un’altra ma resto convinto, che tale tentativo, sarà destinato a fallire e non inciderà in modo profondo sul cuore e sullo spirito umano, se non farà riferimento all’incarnazione divina.

Cordialità
Paolo Pagliani

Per gli inserzionisti del PORTICO, il vantaggio di essere visibile on-line.

Per gli inserzionisti del PORTICO, il vantaggio di essere visibile on-line.

Buon Natale dagli Headache


Eccoci qua! Per augurare a tutti un buon Natale abbiamo pensato di farvi un piccolo regalino ecco a voi il primo nostro video su You Tube! La canzone è “silent night” che equivale ad “Astro del ciel” in Italia.
Speriamo vi piaccia!
Ecco il link Silent Night-Headache mi piace, iscrivetevi e condividete! …ci vediamo domenica!
natalizi.

natale-NOVELLARA

Si avvicina il Santo Natale

—- Giovanni Franzoni —-

Andrea Pedrazzoli

Siamo ormai a fine anno e non si sente ancora il clima natalizio. Mi riferisco al quel clima piacevole di pace, amore e fratellanza. Solo il freddo pungente del clima padano di questi giorni ce lo fa ricordare ma è troppo poco perché un maglione non risolve il problema.
Nella nostra cara Novellara sono già state appese le luminarie ma giustamente saranno accese in prossimità di tale festività. Sarà forse l’età ma della malinconia di un tempo passato, il ricordo di una stretta di mano o il saluto di un amico, se ne sente la mancanza. Non ho intenzione di commuovervi ma, se è ancora possibile vi auguro di seminare in tutti voi la gioia e di trasmettere a tutti i compaesani un Buon Natale. Nel momento in cui scrivo ci sono grossi problemi per la Nazione e ancora non definiti nel come e nel quanto. Solo a giorni verranno esposti e certamente saranno pesanti. Prepariamoci al peggio con la viva speranza che ogni famiglia riesca a superarli. Ricordo il profumo del muschio raccolto nelle nostre campagne e la vista di un bambinello appena nato in un presepio. Dimentichiamoci la televisione e certi programmi, forse tornerà la pace e l’amore.
In chiusura pubblico questa foto scattata a Novellara che ritrae un folto gruppo di amici nella ricorrenza di un “pranzo richiamo” organizzato dal sottoscritto anni or sono. Purtroppo alcuni di loro sono già passati a miglior vita ma i familiari li riconosceranno. Pochi mesi or sono è salito in cielo l’ufficiale pilota Andrea Pedrazzoli residente a Genova. Tobia, Fabio, Achille, Lello, Franco, sono certo che lo accoglierete in quei cieli che lui ha sempre solcato con gioia. Ai rimanenti del gruppo, per il momento, i portici di Novellara sono sempre una passeggiata gradita ma e solo questione di tempo! Chi sarà poi il fotografo? Bella domanda ma anche con i naturali acciacchi ci piace zoppicare su questa terra e la foto di gruppo in cielo rimandiamola il più  a lungo possibile. Arrivederci amici, sono convinto che mi capirete.

Buon Natale