Il Consiglio approva il bilancio

bilancio-comunale1Giovedì 24 luglio il Consiglio Comunale ha approvato il bilancio annuale 2014, il pluriennale 2014 – 2016 e la relazione previsionale programmatica, e tutti i documenti conseguenti (astenuti Movimento 5 Stelle, contrari Lista Insieme e Lega Nord). Documenti già condivisi con associazioni di categorie, sindacati, capigruppo e durante l’assemblea pubblica del 22 luglio scorso, ma che sono stati discussi approfonditamente anche durante la seduta. In un Comune come quello di Novellara, fortemente caratterizzato dalla molteplicità dei servizi alla persona, i tagli ai trasferimenti (550mila dovuti alla spending review, 100mila per il passaggio dell’IMU alla TASI ed altri 100mila da TARES alla TARI), comportano decisioni difficili e coraggiose, in un momento di incertezza normativa costante e del perdurare della crisi per famiglie ed imprese.

Le mancate entrate appena citate saranno coperte attraverso la riduzione del personale negli uffici comunali (75mila euro), i risparmi sul contributo all’Istituzione I Millefiori (per circa 170mila euro), i recuperi dell’evasione tributaria (150mila euro), da crediti fiscali (per 100mila euro) ed infine da rimborsi dell’ASBR, oltre a maggiore utili provenienti da SABAR.

Sul fronte tassazione si segnala innanzitutto che, per tutelare famiglie e utenti si è riusciti a evitare i tagli ai servizi scolastici e nell’area sociale e altrettanto importante il segnale sul fronte politiche abitative, prevedendo l’aliquota IMU base (7,6) per chi applica canoni concertati. Agevolazioni anche per le imprese e attività produttive che godranno dell’azzeramento della TASI. La nuova TASI si dovrà infatti applicare su tutti gli immobili, come stabilito dal Governo, ma il Comune ha deciso di azzerare l’aliquota base TASI su tutti quegli immobili già soggetti ad IMU (attività produttive, aree fabbricabili, seconde case ecc): si sta parlando di circa 500mila euro a cui il Comune rinuncia per non aggravare la pressione fiscale. Niente TASI neppure per gli inquilini. La pagheranno solo i proprietari delle abitazioni principali, con un aliquota del 3 per mille, accompagnata da detrazioni legate agli immobili con rendita catastale fino a 600 euro e con un ulteriore detrazione di 30 euro per i figli fino a 26 anni. Nel 2014 la Tari (tassa sui rifiuti) sostituisce la Tares (non si pagherà più lo 0,30/mq previsto l’anno scorso dalla Tares che si versava allo Stato).

Spese: in un bilancio da 20 milioni di euro, le spese correnti del Comune di Novellara sono pari a 14 milioni; una voce rilevante, che supera i 2/3 del bilancio comunale (acquisto beni, personale, prestazioni servizi e utenze ecc). Proprio per mantenere alta la qualità dei servizi agli anziani, si segnala che la gestione della Casa Protetta resterà completamente diretta e pubblica, il che imporrà a breve di procedere con nuove assunzioni di personale sociale

Nuovi investimenti: sarà utilizzato l’avanzo pari a 1,75 milioni di euro, che permetterà all’amministrazione di non dover ricorrere a nessun indebitamento e, grazie all’utilizzo del ristorno ambientale Sabar si aprirà una stagione di interventi per rendere il patrimonio pubblico più efficiente. Grazie al piano PAES, approvato negli anni scorsi, saranno stanziati nei prossimi tre anni 1.5 milioni di euro per l’efficientamento dell’illuminazione pubblica e prossimamente si inizierà a progettare le ciclopedonali delle frazioni (la prima collegherà Novellara a San Giovanni e la seconda percorrerà San Bernadino) per un importo di circa 650mila euro.

Oltre all’illuminazione e viabilità sostenibile, il piano triennale delle opere pubbliche fa ben evidenziare le priorità dell’amministrazione: edilizia scolastica (con la ristrutturazione del nido Aquilone per 200mila euro e la riqualificazione dell’area cortiliva della scuola elementare per 80mila e miglioramenti sismici della scuola media per 260mila euro) e ricostruzione post sisma, andando a sanare gli edifici colpiti dal terremoto del 2012 (varie riparazioni in Rocca e completa sistemazione dell’ex Macello per oltre 1 milione di euro, destinato a centro culturale) in primis.

Testata www Novellara viva

Intervento di Milena Saccani al bilancio 2012

Il bilancio di previsione 2012 non è stato sicuramente un bilancio facile da redigere e non poteva non risentire della situazione generale in cui si trova il paese, attraversato da grandi incertezze e insediato da una crisi economico-finanziaria che ha letteralmente modificato in peggio la qualità della vita di una larga maggioranza di popolazione ed ha rivoluzionato le priorità dell’agire politico. In una tale fase, i partiti politici che formano la maggioranza, hanno ancor di più il compito di sostenere e determinare (anche con senso di responsabilità) le linee di indirizzo che l’amministrazione deve seguire. E’ sempre più difficile, per chi amministra, dare risposte adeguate ai cittadini in termini di efficienza e di qualità dei servizi erogati. Le conseguenze della crisi economica si avvertono in tutta la nostra Provincia e lo si può anche vedere dai dati relativi ai cassaintegrati e disoccupati, soprattutto giovani. Le misure adottate dal Governo Monti per arginare la crisi e salvare il paese dal possibile rischio default incidono pesantemente sui cittadini e sulle famiglie, provocando malessere e paura per l’incertezza del futuro. Questa situazione è stata pesantemente aggravata dal verificarsi di una serie di importanti eventi sismici che hanno interessato le Province di Modena, Reggio e Ferrara, la cui gravità e le cui conseguenze sono ancora in corso di verifica da parte degli enti locali coinvolti. Ancora oggi ci sono molte persone sfollate in Provincia di Reggio Emilia, diverse sono le strutture scolastiche non più agibili, così come altre strutture pubbliche e beni storici. Anche Novellara ha registrato diversi danni e disagi, seppure in misura inferiore rispetto ad altre realtà a noi molto vicine.
Riteniamo (dopo tutte queste considerazioni) che l’approvazione del bilancio debba necessariamente tenere conto del grave contesto che crisi economica e eventi sismici hanno provocato sul nostro territorio e soprattutto nei territori limitrofi; che tale approvazione debba essere accompagnata dalla forte consapevolezza politica che, oggi più che mai, è indispensabile individuare ed investire in scelte prioritarie e strategiche per l’interesse della cittadinanza e del territorio. Mi sento di poter dire che il bilancio, che oggi ci viene presentato , è il frutto di un confronto e di discussioni costruttive all’interno della maggioranza.
I Consiglieri PD del Gruppo di Maggioranza: riconoscono e sostengono l’impegno della Giunta, che ha operato scelte e tagli INDISPENSABILI al fine di non aggravare eccessivamente il peso fiscale sui cittadini e sulle famiglie; auspicano, sostengono e ribadiscono (anche in una visione più futura) alcune linee guida importanti come:

  • Il mantenimento dei servizi ai cittadini sino ad ora offerti, anche ottimizzando la gestione del personale;

  • Il deciso contenimento delle spese non prettamente indispensabili;

  • Equità sociale e redistribuzione del reddito;

  • Un deciso impegno nel segno della sobrietà, del rigore, della lotta all’evasione fiscale e della solidarietà territoriale che deve caratterizzare l’operato dell’amministrazione;

  • Un maggiore sforzo di comunicazione ai cittadini, soprattutto con incontri pubblici in presenza, in particolare relativamente ai nuovi meccanismi di fiscalità e di strutturazione del bilancio stesso, gli investimenti previsti, le tematiche ambientali;

  • La conferma e la continuità degli impegni già presi in materia di politiche educative, che devono rappresentare impegni prioritari per garantire un futuro di qualità a tutta la popolazione;

  • L’impegno nell’affrontare il tema del WELFARE in una società in continua evoluzione tra crescenti e nuovi bisogni, disagi e povertà; garantire politiche ambientali attente ad uno sviluppo sostenibile del territorio; l’impegno a risolvere la questione della viabilità legata alla Tangenziale;

  • Continuare a sollecitare c/o l’ANCI affinchè venga fatta pressione sul Governo centrale al fine di modificare l’attuale Patto di Stabilità che limita in modo determinante e deleterio l’autonomia e l’azione politica delle amministrazioni locali.

In un’ottica di maggiore equità, va la rimodulazione del peso dell’Addizionale Com. Irpef (resa possibile dai tagli alla spesa corrente), introducendo criteri di progressività utilizzando scaglioni di reddito e mantenendo una soglia di esenzione fino a 10.000 € a tutela dei redditi più bassi. Discorso più complesso è quello dell’IMU, che in buona parte andrà allo Stato riducendo così ulteriormente l’autonomia dei Comuni. In tale scenario, sarebbe stato meglio incidere maggiormente sui grandi patrimoni immobiliari con una “patrimoniale”, come ha sempre sostenuto il PD. Si è comunque cercato di restare nella media delle aliquote dei paesi vicini, di non gravare eccessivamente sulle abitazioni principali, ma spingere maggiormente sulle seconde case (sfitte), introducendo anche detrazioni ed agevolazioni per la prima casa.
Dopo tutte queste considerazioni e riflessioni, il nostro voto al Bilancio di previsione 2012 sarà favorevole.

Milena Saccani Vezzani
Capogruppo “UNITI per NOVELLARA”

Giovedì 26 luglio il Consiglio Comunale si riunisce per approvare il bilancio

Questo slideshow richiede JavaScript.

Giovedì 26 luglio a partire dalle ore 18.30 il Consiglio Comunale si riunisce per approvare la proposta di bilancio di previsione 2012 varata dalla Giunta a seguito dell’iter di condivisione e discussione con le associazioni di categoria, sindacati e i gruppi consiliari.

Su  www.comune.novellara.re.it è consultabile l’ordine del giorno completo.