Domenica 16 giugno Bici Blues

HPIM3318_2764_6964

Domenica 16 giugno 2013 a Novellara torna la sesta edizione del Bici Blues, pedalata musicale nelle valli della bassa reggiana. aperta a tutti, alle famiglie con bambini, ai tanti appassionati di bici e di musica provenienti anche dai comuni limitrofi.
Il ritrovo è previsto alle ore 9.00 in Piazza Unità d’Italia per le iscrizioni ed eventuale prenotazione del pranzo (già attiva allo 0522-652491), per partire alle ore 9.15 vero la prima tappa che si fermerà presso l’Azienda agricola Novellara; seconda tappa con ristoro nella pista di Autocross ed infine si raggiungerà di nuovo il centro storico per pranzare insieme al Caffè La Rocca . Ogni tappa sarà allietata dai musicisti della Kayman Records. Il pranzo è aperto a tutti al costo di 18 euro.

Il Bici Blues, organizzato dall’associazione Nove PedAli, si pone l’obiettivo ambizioso di promuovere la relazione sociale tra le persone mediante nuove forme di aggregazione che tentano di coniugare tra loro la cultura musicale e il territorio, la mobilità sostenibile, l’ecologia e l’ambiente.
La musica Blues, che storicamente nasce dai canti degli schiavi neri che lavoravano per i padroni bianchi nelle grandi piantagioni di cotone americane, porta con se un profondo senso di radicamento alla terra e al territorio rurale che si sposa alla perfezione con quell’antica cultura contadina ben sviluppata e radicata nella cultura padana.
Nello stesso tempo la bicicletta rappresenta, per tutti coloro che vivono in queste terre pianeggianti e umide, un insostituibile mezzo di trasporto che consente di vivere, in completa pienezza, l’esuberante insieme di colori, sapori, profumi, tradizioni, ospitalità e relazioni sociali, che hanno fatto conoscere al mondo intero i valori, la forza e l’importanza dei nostri territori.

Per informazioni: 338 6591394

A Tavola Coi Beni Comuni

Novellara, domenica 25/11 ore 11:15

Il Comitato Novellarese #lottoperildiciotto e il Comitato Provinciale Acqua Bene Comune hanno organizzato per domenica 25 novembre un’iniziativa intitolata “A Tavola Coi Beni Comuni” con inizio alle ore 11:15.
Si parlerà di Acqua Bene Comune con Don Emanuele Benatti (direttore del Centro Missionario Diocesano di Reggio Emilia), di scuola con Roberta Roberti (Associazione “La scuola siamo noi” di Parma) e di lavoro con Khedidja Sayah (segreteria provinciale FIOM di Reggio Emilia).
Al termine del dibattito si pranzerà tutti insieme. Il menu prevede: insalatina di spinaci con champignon, scaglie di grana e aceto balsamico, crespelle ai 4 formaggi, vellutata di zucca con crostini, filetto all’aceto balsamico, patate alla maître d’hôtel, cipolline in agrodolce, crostata di amaretti e frutta di stagione.
Per il pranzo è necessaria la prenotazione, telefonando al 347-1641490 oppure inviando una mail a lottoperildiciotto@gmail.com. Sarà comunque possibile partecipare al dibattito anche senza fermarsi a pranzo.
Nel corso della giornata verranno raccolte firme per i due referendum sul lavoro e per la campagna di obbedienza civile sulla bolletta dell’acqua.

POVERTA’ IN AUMENTO

Gentile direttore, gli ultimi dati statistici evidenziano purtroppo che nella nostra provincia i senza lavoro alla fine del 2011 erano circa 27 mila; un dato allarmante.
Senza calcolare i “nuovi poveri” come informa l’Istat quando ribadisce che se una famiglia di due persone guadagna meno di 1.011,03 euro, è da considerarsi povera (8 milioni in Italia). Se poi si passa alla <<povertà assoluta>>, che è il limite di sopravvivenza, vi sono tre milioni e mezzo di persone; sono dati del 2011 ed è perfino ovvio ritenere che quest’anno siano decisamente peggiorati. Il quadro basta e avanza per capire quanto non sia solo indispensabile ma urgente, risanare i conti pubblici e mettere come priorità assoluta il miglioramento delle condizioni di vita di milioni di cittadini. La politica è chiamata non solo a risparmiare sulla spesa pubblica ma anche a rimettere in moto una economia che è stagnante da troppi anni. Non basterà l’attuale governo Monti, anche se ha adottato misure valide che hanno bisogno di tempo ma vanno accompagnate da altre. E’ un compito che spetta alla nuova legislatura dove vorremmo sentire le concrete, serie, proposte dei partiti, anziché continuare a registrare le reciproche stucchevoli polemiche tra singoli e schieramenti. Impegnarsi per il bene comune significa migliorare le condizioni di vita, non solo materiali, della comunità, a partire dagli ultimi. Altrimenti, è solo una presa in giro.

Cordialità
Paolo Pagliani

Da Pollica a Sonoma Valley (USA): gli amministratori delle Cittaslow riuniti in assemblea a Novellara

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Teatro Franco Tagliavini di Novellara ha accolto gli oltre 200 amministratori locali aderenti a Cittaslow per la quinta Assemblea internazionale, che ritorna in Italia dopo 5 anni.
Patto d’amicizia con Mirandola
L’Assemblea ha voluto stringere un legame di solidarietà con le zone terremotate dell’Emilia. Il Patto d’amicizia e di ricostruzione culturale è stato firmato dal Sindaco di Novellara Raul Daoli e dal Vice Sindaco di Mirandola Enrico Dotti con il seguente intento: “Mentre una crepa divide e separa, una prime pietra avvia una ricostruzione”. Il Patto segna l’avvio di un progetto di studio tra i due Comuni, per sviluppare nuove politiche culturali, sociali e turistiche. Per Mirandola sarà anche un modo per avvicinarsi alla rete delle Cittaslow ed intervenire, attraverso esperienze e relazioni di qualità, nella delicata fase di ricostruzione post-terremoto.
L’Assemblea Internazionale Cittaslow
200 delegati provenienti da 16 Nazioni di tutto il mondo per l’annuale assemblea plenaria. Un ordine del giorno fitto di discussioni per la rete delle città del buon vivere nata nel 1998 e che, crescendo, deve riuscire a svilupparsi in modo adeguato. Lo ha ribadito Gian Luca Marconi, Sindaco di Castelnovo ne’ Monti e Presidente internazionale: “Ci ritroviamo qui per ribadire l’appartenenza a questa rete di amministratori locali che si occupano quotidianamente della qualità della vita della propria comunità. Cittaslow ha 14 anni, un’età difficile come “l’adolescenza”, che deve far sentire tutti gli appartenenti a questa rete responsabili nel farla crescere e maturare con impegno”.
I delegati hanno poi condiviso i nuovi parametri per ottenere la certificazione alla rete, requisiti aggiornati dopo un intenso lavoro del Coordinamento scientifico. Lo ha ribadito anche il Sindaco di Pollica, Stefano Pisani che è intervenuto dicendo: “Cittaslow definisce un nuovo modello di sviluppo, ma dobbiamo crederci tutti, e con il Rapporto globale elaborato dal Censis, ora, abbiamo dati certi su cosa possiamo rappresentare”.
L’assemblea è stata inoltre l’occasione per decretare l’ingresso nella rete di 14 nuove piccole città del buon vivere (dal Belgio alla Sud Corea, dall’Italia all’Olanda) che si sono presentate a tutti i delegati.

Sara Germani
Ufficio comunicazione – Comune di Novellara

Mondopentola: conoscersi è più facile a tavola

Questo slideshow richiede JavaScript.

Golosi appuntamenti in Sala Papa Giovanni Paolo II
tra ottobre e novembre

Nato da un’idea del gruppo Nessuno Escluso, Mondopentola torna a riaccendere i fornelli per un pubblico sempre più appassionato e fedele all’iniziativa. Cinque serate programmate da ottobre a novembre dove al centro di tutto c’è sempre la cucina e la preparazione di ricette in grado di raccontare i “menù delle feste tradizionali” di tutte le comunità presenti a Novellara.
L’iniziativa è resa possibile grazie alla collaborazione con CT9, il Gruppo Arginone, la Parrocchia di S. Stefano ed i mediatori culturali.
La cucina si conferma luogo per eccellenza d’incontro, di condivisione con gli amici, di memoria e di legame con la propria terra d’origine.
Il primo appuntamento è previsto per mercoledì 3 ottobre con la cucina dell’est, che racconterà i preparativi per celebrare il Capodanno, ma anche i piatti tradizionali per osservare la Quaresima.
Si prosegue poi il 17 ottobre con la cucina turca ed araba e poi un’edizione straordinaria sabato 20 ottobre per far partecipare i delegati delle cittaslow di tutto il mondo, per poi proseguire a novembre (il 7 e 28) con la cucina italiana e cinese. Iscrizione ai corsi obbligatoria con quota di partecipazione di 2,5 euro per ogni serata presso ufficio URP.
Si ringrazia per il contributo:

  • Melacompro
  • Macellaria araba Ramama Bouchaib
  • l’Azienda Agricola Novellara
  • Seriluce – Serigrafie e Ricami
  • l’Acetaia Comunale
  • Rossi per il Verde
  • Azienda Agricola Torelli Mauro
  • Chahal’s di Paramjit Singh
  • Tutto Casa 
  • Tipolito Lugli

139 Kg di Miss Anguria…ed è record mondiale

Azienda Agricola Bartoli

Per il settimo anno consecutivo il titolo è nelle mani dell’Azienda Agricola Bartoli

Gabriele e Sauro

Domenica sera sono sfilate per il centro di Novellara arrivando sino al cortile della Rocca dei Gonzaga le 12 angurie che si contendevano il titolo dell’edizione 2012 di Miss Anguria…l’Ardita.
Una sfida tutta novellarese e che non ha mancato di tenere con il fiato sospeso i centinaia di spettatori che attendevano con ansia la premiazione dell’anguria più pesante. A colpi di rilancio la sfida è stata vinta per il settimo anno consecutivo dall’azienda agricola di Bartoli Gabriele e Sauro con un’anguria da guinness di 139,60 Kg, superando di gran lunga la reginetta dell’anno scorso di “soli” 108 Kg e che ora punta a ottenere il record mondiale (pare che l’attuale record sia detenuto da un’anguria di 128 Kg circa).
Al secondo posto si è piazzata l’anguria da 109.10 Kg dell’azienda agricola di S.Vittoria di Lanzi Marco che in pochi anni è riuscito, grazie ai preziosi suggerimenti e consigli dell’amico e collega Bartoli, a salire sul podio di Miss Anguria. Il terzo posto se l’è aggiudicato l’anguria cresciuta tra le Valli novellaresi dell’azienda agricola Zarantonello di ben 106.60 Kg.
I volontari della Pro Loco e dell’acetaia comunale hanno premiato durante la festa anche il grado zuccherino delle angurie, i vini, aceti balsamici e liquori fatti in casa, dando così valore sia alla professionalità di una delle produzioni agricole d’eccellenza e più rinomate della bassa reggiana, sia alle tradizioni e agli antichi saperi tramandati di padre in figlio.

Novellara: az. agricola “La Crocetta”

Dal produttore direttamente al consumatore

dal 20/06 al 15/07
l’azienda chiuderà alle 13,00

inoltre dal 15/07 al 18/09
SAREMO CHIUSI