Gli appuntamenti di domenica 23 dicembre a Novellara

immagineaspAl mattino il Comune organizza il mercato straordinario, mentre nel pomeriggio gli zampognari, truccabimbi e animazioni con micro magie faranno compagnia ai più piccoli in diversi punti del centro storico. Tutto il pomeriggio “Un dolce per tutti”.
Al Teatro Franco Tagliavini prosegue la rassegna “Cinema in Rocca” con il film d’animazione “Ribelle” alle ore 15.00 con replica alle 17.00.

Mueso Gonzaga – Come tutte le domeniche il Museo Gonzaga è aperto alle visite dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.30. Il Museo, insignito dall’IBC del marchio di Museo di Qualità ospita affreschi del XIII e del XVI secolo, opere di Lelio Orsi, sale affrescate, quadri provenienti dalla chiesa dei cappuccini e una collezione di vasi da farmacia tra le piu’ importanti in Europa.

Fino al 6 gennaio presso la Spezieria dei Gesuiti in viale Roma gli scultori Avio De Lorenzo espongono le loro opere lignee nella mostra dal titolo “Dal legno: emozioni d’arte”. La mostra è aperta tutti i fine settimana e lunedì 24 e martedì 26 dicembre (ore 10,00 – 12,30 / 15,00 – 18,30), tutti i giovedì (10,00 – 12,30) e martedì 1 gennaio ore 15,00 – 18,30 – ingresso libero.

Prosegue fino al 7 gennaio la mostra collettiva d’arte a cura del Club delle arti reggiane e Pro Loco presso la sala Polivalente “I Nomadi” in Via Falcone.
La mostra, inaugurata alla presenza dell’assessore alla cultura Paolo Santachiara, è ormai giunta alla sesta edizione, raccogliendo le opere di una settantina di pittori, scultori, artisti del legno, ceramica e scalpello del reggiano. L’ingresso alla mostra è libero nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì ore 10.00 – 12.30 e 14.30 – 19.00, mentre nei festivi e prefestivi l’orario è continuato.

Appuntamenti a Novellara

Ecco tutti gli appuntamenti del fine settimana a Novellara:

Sabato 22 dicembre

Paolo Santachiara

Paolo Santachiara

Inaugura sabato 22 dicembre alla ore 11.30 alla presenza dell’assessore alla cultura Paolo Santachiara la mostra collettiva d’arte a cura del Club delle arti reggiane e Pro Loco presso la sala Polivalente “I Nomadi” in Via Falcone. La mostra, che resterà aperta fino al 7 gennaio, è ormai un appuntamento unico nel territorio e sempre più qualificato perché in grado di raccoglie le migliori opere di pittori, scultori, artisti del legno, ceramica e scalpello del reggiano. L’ingresso alla mostra è libero nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì ore 10.00 – 12.30 e 14.30 – 19.00, mentre nei festivi e prefestivi l’orario è continuato.

Chocolate02Nel pomeriggio, a partire dalle ore 16.00 in Sala Palatucci (Galleria di Piazza Unità d’Italia) animatrici leggono storie sul cioccolato e organizzano un laboratorio creativo per costruire cartoline natalizie “CioccoCrea”. Lungo i portici del centro si svolge il mercatino degli hobbisti.

Domenica 23 dicembre
Ribelle_The_Brave_chioma_rosso_riccia_fluenteAl mattino il Comune organizza il mercato straordinario, mentre nel pomeriggio gli zampognari, truccabimbi e animazioni con micro magie faranno compagnia ai più piccoli in diversi punti del centro storico. Tutto il pomeriggio “Un dolce per tutti”.
Al Teatro Franco Tagliavini prosegue la rassegna “Cinema in Rocca” con il film d’animazione “Ribelle” alle ore 15.00 con replica alle 17.00.

vasi_708Mueso Gonzaga – Come tutte le domeniche il Museo Gonzaga è aperto alle visite dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.30. Il Museo, insignito dall’IBC del marchio di Museo di Qualità ospita affreschi del XIII e del XVI secolo, opere di Lelio Orsi, sale affrescate, quadri provenienti dalla chiesa dei cappuccini e una collezione di vasi da farmacia tra le piu’ importanti in Europa.

avio04hFino al 6 gennaio presso la Spezieria dei Gesuiti in viale Roma gli scultori Avio De Lorenzo espongono le loro opere lignee nella mostra dal titolo “La legna emozioni d’arte”. La mostra è aperta tutti i fine settimana e lunedì 24 e martedì 26 dicembre (ore 10,00 – 12,30 / 15,00 – 18,30), tutti i giovedì (10,00 – 12,30) e martedì 1 gennaio ore 15,00 – 18,30 – ingresso libero.

Tonino ed Edda, due protagonisti della storia novellarese

Da sinistra: il figlio della coppia Daniele Mariani Cerati, il Sindaco di Novellara Raul Daoli, lo storico locale Dimmo Olivi e l’assessore alla cultura Paolo Santachiara

Sabato 27 ottobre nel Teatro Franco Tagliavini a partire dalle ore 9.30 si raccoglieranno i primi frutti dell’intenso lavoro del gruppo di ricerca su “Antonio Mariani Cerati e Edda Ferretti, due protagonisti della storia di Novellara” sostenuto e patrocinato dal Comune di Novellara e dalla Provincia di Reggio Emilia

A due anni di distanza dalla costituzione del un gruppo di ricerca sull’impegno politico, sociale e civile di Antonio Mariani Cerati e della moglie Edda Ferretti, sabato 27 ottobre alle ore 9.30 nel Teatro della Rocca verranno presentati i primi risultati del complesso studio che ha coinvolto storici locali, con il contributo e patrocinio del Comune di Novellara e della Provincia di Reggio Emilia.
Già confermata la partecipazione di Walter Veltroni, ma anche ex dirigenti di partito come Antonio Bernardi,  Alessandro Carri, dell’artista Mario Pavesi, del prof. Ferruccio Crotti, di Luigi Camellini, di Giannetto Gatti e di Jone Bartoli, ex assessore regionale. Il Sindaco Raul Daoli al momento della formazione gruppo di ricerca, ne aveva sottolineato l’importanza: “Ritengo questo il modo migliore per mantenere vivi i lungimiranti valori che hanno trasmesso Tonino e la moglie Edda. Ringrazio davvero tutti coloro che in questi mesi lavoreranno con passione, dedizione e interesse a questo progetto”.
Il convegno è solo un primo tassello di un grande progetto che vede coinvolto in prima persona il figlio della coppia di amministratori Daniele Mariani Cerati: “Vogliamo realizzare un libro sulla vita dei miei genitori e trasmettere il loro impegno politico e civile ai più giovani. Grazie al laureando Andrea Montanari, infatti, è in corso il laboratorio Novecento nelle scuole medie”.
Il perché di questo convegno e ricerca lo spiega lo storico locale Dimmo Olivi: “Tonino ed Edda sono state due figure fondamentali nella storia di Novellara. Il passaggio da una società rurale ad industriale è stato guidato proprio da loro, in un contesto come quello novellarese, con grandi debolezze e povertà. Agli inizi degli anni Cinquanta oltre il 70% dei cittadini era dedito all’agricoltura come braccianti o mezzadri e il mondo industriale locale era prossimo alla saturazione. Furono anni difficili dove oltre 400 persone decisero di emigrare all’estero”.
Una fase storica di trasformazioni che accomuna il nostro tempo come afferma l’assessore alla cultura Paolo Santachiara: “Oggi la memoria di Tonino ed Edda, è la memoria di chi ha saputo leggere il segno dei tempi e favorire la nascita di qualcosa di nuovo come la cooperazione espressa in campo agricolo, abitativo, edile”.

Per prenotazioni convegno.mariani@libero.it