GESTORI IMPIANTI SPORTIVI CERCASI

COMUNE DI NOVELLARA

Sul sito istituzionale, nella sezione bandi  e gare  è  possibile   scaricare  la modulistica, per  presentare le manifestazioni di interesse   per la gestione unificata dei servizi di custodia, pulizia e manutenzione  ordinaria  di palestre, campi calcio e gestione relativi spazi  pubblicitari   – impianti di Novellara –  entro il 4 ottobre p.v.
Successivamente, le ditte ammesse, potranno presentare  la propria  offerta  a ribasso d’asta, sulla base del Capitolato di gara di appalto per l’anno sportivo 2013/2014 – 2014/2015.  Mesi  21 la  partecipazione è riservata alle  associazioni   sportive dilettantistiche  (con e senza personalità giuridica) ed alle società  sportive dilettantistiche costituite nella  forma di società di capitali  e di cooperative  iscritte nei  registri  del CONI

Per info     appalti@bassareggiana.it

jessica

 

2014 Tangenziale – Novellara

La Taverna-Tamoil013Qualcosa si muove sul fronte della tangenziale di Novellara. E’ stato presentato all’approvazione del prossimo consiglio comunale il bando di concorso pubblico di selezione di due aree da iscrivere nel Poc (Piano operativo comunale) relativo all’ultimo stralcio della tangenziale nord di Novellara, per l’installazione di due impianti di distribuzione del carburante lungo il tracciato del nuovo percorso viario, da realizzare con intervento diretto. Il bando è stato indetto entro i tempi previsti, in considerazione del fatto che il tempo di realizzazione di un impianto del genere è normalmente più di un anno, mentre il completamento della tangenziale è indicativamente previsto entro la fine dell’anno 2014.
Sempre che tutto proceda come dovrebbe. I novellaresi, più volte scottati dai tanti incidenti di percorso, sono portati a crederci con qualche non ingiustificata riserva. Non si può infatti dire che la tangenziale nord sia nata sotto una buona stella. Avrebbe dovuto essere pronta da anni, ma, nonostante il forte impegno delle amministrazioni comunale che si sono succedute nel tempo e l’aspettativa della maggior parte dei novellaresi – che in questo nuovo snodo vedono la “porta” per spostare fuori dal centro abitato l’intenso traffico che attualmente transita sulla strada provinciale – dei tre stralci previsti è stato portato a termine solo il primo, dal confine con Campagnola a via Colombo. Il secondo deve ancora iniziare e i lavori per il terzo stralcio sono stati bloccati dal Prefetto in base alla normativa antimafia, che ha visto coinvolta la ditta vincitrice dell’appalto. Della tangenziale nord di Novellara si è cominciato a parlare nei documenti di programmazione territoriale risalenti addirittura agli anni Settanta. Approvata più volte dalla Provincia e dalla Regione, ma senza finanziamenti, le risorse sono state infine reperite a seguito dell’accordo sulla delocalizzazione della discarica di Rio Saliceto. Ma il finanziamento non è stato il solo problema che gli amministratori si sono trovati a dover affrontare. I proprietari di alcune case situate a poca distanza dalla nuova arteria, pochi ma agguerriti, si sono dati un gran daffare per imporre la variazione del tracciato previsto, con iniziative varie. Per questo, fra l’altro, si sono costituiti come sezione di Legambiente e, dopo alcuni infruttuosi ricorsi al Tar (Tribunale amministrativo regionale), per tentare di bloccare comunque il progetto, sono riusciti a coinvolgere, si dice, un sottosegretario del Governo allora in carica e a ottenere prescrizioni impossibili da rispettare per il tratto che passa nei pressi del Mulino di Sotto. Un intervento a gamba tesa che ha bloccato per anni il secondo stralcio del progetto. La Iniziative Ambientali srl (Sabar, Enia, Unieco), la società che cura la gestione del progetto, d’accordo con Comune e Provincia ha comunque deciso di procedere alla realizzazione del terzo stralcio, il più impegnativo, fra via Massimo D’Azeglio e il canale Cartoccio. Quando le cose sembravano procedere per il meglio, con la previsione del termine dei lavori anticipata di qualche mese, nell’aprile del 2011 ecco il nuovo fulmine a ciel sereno, la misura interdittiva antimafia. Dopo la risoluzione del contratto con la ditta colpita dal provvedimento della Prefettura, la Provincia ha arrogato a sé la prosecuzione dei lavori del terzo stralcio: l’attesa era per una riapertura del cantiere entro 2012, ma al momento è ancora tutto fermo. Per il secondo stralcio, risolti i problemi burocratici in sospeso con la Soprintendenza, il Comune dovrebbe procedere all’esproprio dei terreni interessati dal tracciato per consentire a Iniziative Ambientali di dare inizio ai lavori. Secondo le previsioni dei tecnici, tutto dovrebbe essere portato a compimento entro l’anno prossimo, sempre che non sorgano altre complicazioni impreviste.

Vittorio Ariosi

Fonte

Alert – Novellara 19 settembre 2012

I ragazzi di Novellara alla scoperta del “senso civico”

Gazzetta di Reggio

NOVELLARA. Fra giovedì e sabato scorsi i ragazzi del Centro Giovani di Novellara sono scesi in campo con alcune azioni orientate alla promozione del senso civico e alla prevenzione. Giovedì una quindicina di ragazzi e ragazze, con un’operatrice

Guarda tutti gli articoli su questo argomento »

Novellara, Melli (LN): “Appalto al massimo ribasso, facciamo

Bologna 2000

Controllando alcuni lavori che sono in corso a Novellara ho riscontrato che l’ampliamento della scuola materna “Il Girasole” è stato appaltato con un ribasso di quasi il 23%, ossia partendo da circa 182.000€ si è arrivati a 141.000€ con un risparmio di

Guarda tutti gli articoli su questo argomento »

Fantinati (PDL) sullo skate park di Novellara

Sassuolo 2000

Non c’è pace per lo skate park di Novellara che il Sindaco aveva promesso di realizzare entro il 2010: prima la raccolta di firme dei residenti della zona che non lo volevano, poi l’appalto ad una ditta che non aveva i requisiti, poi un secondo appalto

Guarda tutti gli articoli su questo argomento »

 

Sassuolo 2000

Novellara: un’ordinanza per mantenere pulita la sede ferroviaria da

Bologna 2000

Il Comune di Novellara ha emesso un’ordinanza contingibile ed urgente per obbligare i privati cittadini con abitazioni o fondi rustici confinanti con la sede ferroviaria al taglio dei rami ed alberi che possano, in caso di caduta, interferire con il

Guarda tutti gli articoli su questo argomento »