Nuova sede per gruppo aiuto psiconcologico “Angolo Oasi”

immagineasp

Il gruppo di mutuo aiuto psiconcologico Angolo Oasi di Novellara, nell’augurare a tutti i lettori de “Il Portico” serene e gioiose festività e un buon 2013, coglie l’occasione per comunicare l’indirizzo della nuova sede: Via E. De Nicola n° 24.
Gli incontri, aperti a tutti, si svolgono come di consueto il primo e terzo lunedì di ogni mese.

UN CORSO FATTO DI VITA

La prima serata, coinvolgente e seguita con grande attenzione, si è svolta in modo molto professionale, ma già al secondo appuntamento l’atmosfera ha cominciato a scaldarsi ed una profonda intesa ha iniziato a diffondersi in quel gruppo eterogeneo composta da “malati” e “simpatizzanti”.
E allora eccoci lì, tutti insieme a scoprire le note fruttate ed i tannini, i sentori di frutti rossi ed esotici, la vaniglia, la frutta secca, il cacao……
Ognuno azzarda un sapore, un profumo e poi ecco le risa, quelle che nascono dal cuore, dalla svagata spensieratezza del donarsi l’un l’altro con semplicità…..
Al terzo appuntamento qualcuno porta del salume, dello gnocco, i dolci ed al termine dell’incontro nessuno accenna ad alzarsi, per non rompere l’incanto di un’atmosfera di amicizia che stimola gli abbracci.
La penultima sera scivola allegramente nella più totale confidenza….ammalati e non, in un clima di crescente intesa…un autentico idillio.
Ci sentiamo un gruppo, come così spesso accade tra noi “clienti” del Day Hospital, quando facciamo qualcosa insieme.
Si cresce così, tutti insieme, sempre di più ed in fondo, forse, poco importa se il vino che degustiamo è fruttato, se si avvertono sentori di rosa, di pepe o di frutti di bosco.
Quello che conta è che attraverso un corso di avvicinamento al vino abbiamo imparato a riconoscere insieme le sfumature ed i profumi inebrianti del calore umano, della speranza, dell’amicizia, del senso della vita insomma.
Ci piace questo ospedale che “un po’ ci appartiene” e ci permette di mettere in pratica e trasmettere agli altri ciò che questa malattia, per quanto orribile, ci ha fatto comprendere.

Nel Vento

C’è vento stanotte, un vento fresco che sa di novità e di terra bagnata. Dalla finestra socchiusa sento fremere le persiane ad ogni folata.
Mi rigiro nel mio letto diventato improvvisamente piccolo, vorrei essere nel vento, farmi portare dove vuole, senza remore, senza freni. Potrei così vedere cose e luoghi da un’altra angolazione. Forse anche le persone, viste in questo modo apparirebbero diverse da come di solito le percepiamo.
Potrei attraversare le nuvole, quelle bianche, morbide, dense come schiuma da barba, vaporose e …traditrici.  Attraversarle sarebbe come entrare in un bagno turco, vedrei giochi insoliti di ombre e luci, arabeschi iridescenti mi avvolgerebbero. Sarebbe magnifico poterlo fare.
Adoro le nuvole, tutte, siano esse grigie sfilacciate da veli bianchi come panni stesi ad asciugare, blu scuro o violacee come ematomi, cariche di pioggia e di cattivi presagi oppure libere di correre veloci nel cielo color indaco, oppure variegate dal giallo al rosso in un tramonto infuocato.
Le persiane hanno un altro fremito, sono di nuovo nel mio letto. La luce del lampione giù in strada rischiara a malapena la stanza, riesco ad intravvedere le cornici che racchiudono, come un inadeguato recinto, le fotografie scattate durante i nostri viaggi.  Sono quelli i luoghi che vorrei rivedere portato dal vento. Sarebbe bello rivederli una volta ancora, almeno solo una volta, magari di notte, lavati dalla pioggia o bruciati da una luce abbacinante che  fa socchiudere le palpebre per il riverbero.
Sono convinto che colori e profumi dei paesaggi visti in questo modo sarebbero ancora più densi, ancora più saturi di come li ricordi e di come gli abbia fotografati. Nel vento percepirei  meglio odori e profumi emanati della terra, trasformati in una nebbiolina inebriante.
Una folata di vento più forte delle altre fa fremere ancora una volta le persiane ….spero non sia l’ultima.
Pensato e scritto in una ex miniera di rame, 1500 mt. dentro una montagna il 15/07/2011 .

Ettore  Lusetti  1957