Cittadinanza onoraria ai minori figli di migranti nati in Italia

Con il solo voto favorevole di “Uniti di Novellara”, “Sinistra per Novellara” è stata approvata nella seduta di ieri sera, in occasione della Giornata Mondiale dell’Infanzia (istituita dall’ONU nel 1989), la proposta presentata dal gruppo di maggioranza di conferire la cittadinanza simbolica ai minori figli di migranti nati in Italia e residenti a Novellara.
Un percorso, come ricordato dal Sindaco Raul Daoli avviato non dal Comune di Novellara ma bensì dalla Regione ed ANCI Emilia Romagna, nonché da associazioni ed organizzazioni sindacali con la campagna “L’Italia sono anch’io”. Il primo cittadino, facendo proprie le parole del Presidente Napolitano e del Presidente dell’UNICEF, ha voluto sottolineare il potenziale simbolico nel conferire la cittadinanza a questi minori e l’importanza che il Consiglio Comunale ha nel lanciare questo messaggio concreto alla comunità novellarese.
Da tempo l’amministrazione comunale organizza iniziative di conoscenza e d’incontro tra le principali comunità presenti sul territorio con il “Progetto Nessuno Escluso”: un modo per far festa, ma anche ribadire i diritti delle donne e dei minori. Per rafforzare l’assunzione di questi valori e doveri il Consiglio Comunale il 29 luglio 2011 ha approvato la “Carta dei Valori della cittadinanza e dell’integrazione”. Il documento da quel momento viene consegnato a tutti i nuovi cittadini migranti residenti a Novellara ed a tutti i nuovi cittadini italiani durante il giuramento per la cittadinanza, insieme alla Costituzione ed alla bandiera italiana.
Nella stessa seduta è stata approvata la “Carta per le pari opportunità e l’uguaglianza sul lavoro” lanciata in Italia nel 2009.

 

Domani la consegna delle borse di studio ANCI a favore di giovani musicisti

Domani mattina alle 9.30 in Sala del Consiglio di Novellara l’assessore ai giovani Salmi Youssef e il direttore della Scuola di Musica locale consegnano gli attestati di partecipazione e le borse di studio ai sessanta giovani musicisti che durante l’anno si sono impegnati con passione, impegno e simpatia al nascente progetto della prima orchestra giovanile reggiana.
Questa innovativa orchestra, sviluppata secondo il modello venezuelano del maestro Josè Antonio Abreu per il coinvolgimento ed il sostegno educativo giovani ragazzi in difficoltà, ha ricevuto un contributo di 48 mila euro grazie a “Giovani Energie in Comune”, bando promosso dal Ministero della Gioventù e Anci, Domani quindi verranno consegnati i contributi economici per continuare a sostenere questa bella realtà che si è andata tra Novellara, Bagnolo in Piano, Gualtieri e San Polo d’Enza.
L’orchestra si è già esibita in numerose iniziative e recentemente è entrata a far parte del progetto italiano delle Orchestre e Cori giovanili guidato da Federculture, insieme al Teatro Valli, all’Istituto Peri e Reggio Children. Un’importante riconoscimento che garantirà alla scuola maggiori scambi e collaborazioni nazionali ed internazionali.