Bonus affitto e acqua a Novellara

BonusDal 21 settembre al 31 ottobre (entro ore 12.30) è possibile presentare presso l’Istituzione servizi sociali ed educativi “I Millefiori” (martedì – giovedì e sabato dalle ore 9.00 alle ore 12.30), i CAF convenzionati CISL (via Cantoni 25) o CGIL (Piazza Borgonuovo 7) la richiesta di contributo a sostengo dell’affitto della propria abitazione in locazione. Può fare richiesta ogni cittadino italiano residente a Novellara che vive in abitazione in affitto, con contratto regolarmente registrato ed anche i cittadini extracomunitari in regola con i documento di soggiorno. Restano esclusi dal contributo gli assegnatari di alloggi ERP – Abicoop. Per maggiori informazioni su cosa occorre presentare e quali tipi di contributi verranno erogati consultare il sito dell’amministrazione comunale http://www.comunedinovellara.gov.it

C’è tempo, invece, fino al 30 novembre per presentare al Millefiori la domanda di riduzione della tariffa del servizio idrico (acqua) relativa all’anno 2015. E’ necessario essere titolari di una utenza individuale o condominiale ed avere un ISEE del nucleo famigliare inferiore a 10mila euro. Al momento della presentazione della domanda sarà necessario consegnare: ISEE valido, almeno una fattura acqua dell’anno 2015 e il permesso di soggiorno se si è cittadini extracomunitari. Per maggiori informazioni contattare l’istituzione I Millefiori al 0522-654948-655481.

 Sara Germani

Schermata 2015-06-25 a 11.20.11

Proroga al bando sul bonus affitto

E’ prorogata al 29 novembre (entro ore 12.30) la scadenza per presentare, presso l’Istituzione Servizi Sociali ed Educativi “I Millefiori”, i CAF convenzionati CISL (via Cantoni 25) o CGIL (Piazza Borgonuovo 7), la richiesta di contributo a sostengo dell’affitto della propria abitazione in locazione. Può fare richiesta ogni cittadino italiano residente a Novellara che vive in abitazione in affitto, con contratto regolarmente registrato ed anche i cittadini extracomunitari in regola con i documento di soggiorno. Restano esclusi dal contributo glia assegnatari di alloggi ERP – Abicoop.
REQUISITI PER FARE DOMANDA
·        Abitare (residenza)nell’alloggio oggetto del contratto di locazione
·        Avere un’attestazione ISEE in corso di validità sui redditi relativi all’anno 2012 o 2013. Non saranno ammesse le attestazioni ISEE calcolate con redditi anno 2011.
·        Patrimonio mobiliare del nucleo non superiore a 10.000 euro
·        Valore ISE non superiore a 34.310 euro
·        Valore ISEE non superiore a 17.155 euro
COSA OCCORRE PRESENTARE AL MOMENTI DELLA DOMANDA:
·        Contratto di affitto regolarmente registrato
·        Copia dell’ultimo versamento della tassa annuale di registrazione (MOD. F23)
·        Tutte le ricevute dell’affitto pagate – da gennaio 2014
·        Documento d’identità
L’Istituzione erogherà due tipi di contributo in base alla documentazione presentata: in FASCIA A sarà erogato un contributo massimo di 465 euro (per incidenza canone/reddito ISE ridotta al 14%) in FASCIA B sarà erogato un contributo massimo di 350 euro (per incidenza canone/reddito ISE ridotta al 24%).
Per garantire maggiore equità e correttezza si conferma sin da ora che in caso di attestata morosità del richiedente, il contributo spettante sarà liquidato direttamente al locatore dell’immobile e che, in caso il richiedente avente diritto al contributi risulti essere debitore nei confronti del Comune (esempio rette scolastiche non pagate) la somma spettante verrà trattenuta dal Comune in diminuzione del debito.

Conchiglia web

BONUS AFFITTO, ACQUA, RIFIUTI: TUTTI GLI AIUTI IN CORSO DA PARTE DEL COMUNE DI NOVELLARA

primo-piano_contributo-a-sostegno-di-cittadini-affetti-da-sla-e-o-dipendenza-vitaleFino al 22 novembre è possibile presentare la richiesta di contributo a sostengo dell’affitto della propria abitazione in locazione presso l’Istituzione servizi sociali ed educativi “I Millefiori” (durante il regolare orario d’apertura: martedì – giovedì e sabato dalle ore 9.00 alle ore 12.30).
La domanda “bonus affitto” può essere anche consegnata presso i CAF convenzionati di Novellara CISL (via Cantoni 25) o CGIL (Piazza Borgonuovo 7).
Può fare richiesta ogni cittadino italiano residente a Novellara che vive in abitazione in affitto, con contratto regolarmente registrato ed i cittadini extracomunitari in regola con i documento di soggiorno. Restano esclusi dal contributo gli assegnatari di alloggi ERP – Abicoop.
Si ricorda inoltre, che sono ancora in corso le domande per ottenere la riduzione del tributo sui rifiuti (TARI) entro il 31 ottobre e della tariffa servizio idrico (entro il 30 novembre)

Tutti i requisiti per poter presentare le domande, cosa occorre presentare e tipologie di contributo su  www.comunedinovellara.gov.it

Andria_ottobre2014

LE ECOTASSE

Caro direttore,
per incentivare le imprese a comportamenti più responsabili, un’ottima leva sembra essere la leva fiscale; in pratica tassando le pratiche dannose e sovvenzionando quelle corrette, si possono costringere le società a comportamenti più giusti. Sono state individuate da esperti quelle che dovrebbero risentirne di più e cioè chi emette anidride carbonica, chi produce rifiuti tossici, chi produce contenitori non riutilizzabili, chi usa mercurio, chi alimenta il mercato dell’usa e getta e chi impiega fitofarmaci. L’idea sarebbe quella di aumentare le tasse ecologiche e ridurre quelle sui redditi, salari in testa, come da tempo avviene in Svezia dove si attua questo programma prendendo di mira le emissioni di zolfo e carbonio. La leva fiscale deve essere utilizzata per spingere le imprese anche verso un altro tipo di mutamento; invece di vendere merci dovrebbero proporre servizi. Per esempio, anziché vendere lavatrici dovrebbero vendere lavaggi, frigoriferi refrigerazione, anziché automobili trasporti e così via, per tantissimi altri bisogni soddisfatti con beni durevoli. Le lavatrici, i frigoriferi, le automobili, le fotocopiatrici non vanno più venduti ma affittati. Nel rapporto di affitto, il bene rimane di proprietà dell’impresa che deve ripararlo quando si guasta e deve riprenderselo quando non funziona più. Oggi, che guadagnano sulle vendite, hanno interesse a produrre oggetti irriparabili e che durano poco; incassano il denaro e se si rompe finisce in discarica, con i costi di smaltimento appannaggio della collettività rendendo la situazione sempre peggiore. Ma se sapessero che i prodotti rimangono sempre di loro proprietà e che devono farsi carico anche del loro smaltimento, avrebbero l’interesse a produrre meno, a fabbricare oggetti durevoli, standardizzati e riparabili, a riutilizzarli fino all’ultima vite, a trasformare ogni rottame in nuovo materiale da costruzione.

Serena giornata
Paolo Pagliani
Novellara

Un affitto assicurato, garantito…e giusto!

Il Comune presenta l’Agenzia per l’affitto lunedì 6 giugno alle ore 20.30 presso la Sala Civica.
Quanti sono gli appartamenti che i proprietari preferiscono tenere vuoti per paura di non riuscire a riscuotere regolarmente l’affitto, di subire danneggiamenti o di dover affrontare lunghi iter per liberare l’alloggio in caso di necessità?
E quante sono le persone e le famiglie che, pur beneficiando di un reddito fisso, faticano a sostenere i prezzi di affitto del libero mercato?

L’Agenzia dell’Affitto nasce per dare una risposta concreta a questi bisogni: da un lato tutelare i proprietari dai rischi di morosità e di danneggiamento dei propri alloggi e dall’altro offrire agli inquilini alloggi privati a canoni d’affitto più vantaggiosi rispetto a quelli offerti dal mercato.

Questo servizio d’incontro tra la domanda e l’offerta, attivo da qualche anno sarà illustrato in modo dettagliato alla cittadinanza lunedì 6 giugno alle ore 20.30 presso la Sala Civica in Rocca dei Gonzaga, alla presenza dell’assessore al Welfare Maria Ghizzi, della referente del progetto per ACER Monica Caramaschi, Claudio Rossi dell’ufficio Casa e Ambiente di Novellara, Ivandro Catellani dell’ASSPI e Carlo Veneroni del SUNIA.

Il fondo dell’Agenzia di 250mila euro andrà a tutelare il proprietario da eventuali morosità e insolvenze del conduttore relative a spese condominiali e oneri accessori, e offrirà la parziale copertura di danni all’immobile, delle spese legali e procedurali, sia per il recupero della morosità che per lo sfratto e l’eventuale rilascio dell’alloggio (fino ad un importo massimo di 8.500 euro).
La quota di affitto sarà calcolata da Acer, in base agli Accordi territoriali dei Comuni della Provincia di Reggio Emilia ai sensi della legge n. 431/1998, che si farà carico anche della riscossione del canone d’affitto dell’inquilino. Il proprietario riceverà mensilmente il bonifico bancario direttamente sul conto indicato al momento della stipula del contratto.
Allo scopo di favorire i processi di integrazione e sostenibilità sociale, l’abbinamento tra proprietario ed inquilino viene effettuato da Acer, d’intesa con il proprietario, secondo i requisiti e le esigenze degli inquilini e secondo criteri di sostenibilità dell’affitto rispetto al reddito del richiedente.

Nel caso in cui poi il locatario avesse bisogno di rientrare in possesso del proprio appartamento –  perché ad esempio un figlio si sposa o cambiano le necessità del proprietario – l’Agenzia dell’Affitto si impegna ad offrire una soluzione alternativa agli affittuari per liberare l’alloggio nel minor tempo possibile.

Ai potenziali inquilini l’Agenzia per l’Affitto, oltre ad offrire alloggi privati a canone d’affitto concordato, quindi più vantaggioso, con durata diversa nel caso di contratti di natura transitoria o minima di tre anni, chiede di essere residenti o svolgere un’attività lavorativa nel Comune o comunque avere comprovate necessità di prossimità familiare.
Non dovranno essere proprietari di immobili o titolari di diritti di usufrutto, uso o abitazione (in forma totalitaria) su immobili ubicati nell’ambito comunale, assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica o di altri diritti reali su immobili. Inoltre dovranno essere disponibili a consentire l’addebito diretto del canone di locazione sullo stipendio mensile o la trattenuta sulla busta paga e non dovranno risultare con sfratto in corso per morosità. Per accedere al servizio non sono previsti limiti di reddito, ma un deposito cauzionale pari ad un massimo di tre mensilità, che sarà restituito all’inquilino a cessazione del contratto, dopo aver verificato che l’alloggio non abbia subito danni.

Per l’attività di intermediazione e consulenza per la positiva conclusione del contratto, Acer applica le seguenti tariffe: € 250+IVA a carico del proprietario, 50% di una mensilità + IVA a carico dell’inquilino. Inoltre viene trattenuto mensilmente il 3% sul canone mensile da corrispondere al proprietario.

Ad Acer, che ha in carico la gestione del servizio, spetterà la verifica della situazione economica del richiedente rapportata al suo nucleo familiare, al fine di proporre alloggi adeguati al reddito accertato. Quindi emetterà mensilmente un bollettino postale che potrà essere pagato anche con addebito diretto tramite Rid su conto corrente. In caso di accordo con il datore di lavoro è possibile trattenere direttamente l’importo dell’affitto dalla busta paga.

Lo scopo dell’Agenzia dell’Affitto è di attuare una politica della casa che sia davvero sostenibile in cui la proprietà diventa socialmente utile per prevenire e disincentivare ogni forma speculativa.

Per informazioni:
ACER Reggio Emilia
Infocasa – Ufficio per le Relazioni con il Pubblico
via della Costituzione, 6
42100 – Reggio Emilia
tel. 0522.236666
Fax. 0522.236699
urp@acer.re.it

Ufficio Casa e Ambiente
Claudio Rossi 0522-655448
 c.rossi@comune.novellara.re.it

Buoni affitto all’Istituzione “I Millefiori”

Novellara, 28 aprile 2011 – E’ possibile presentare fino alle ore a sabato 11 giugno alle ore 12.30 le domande per ottenere i buoni –  affitto all’Istituzione “I Millefiori” (in  via Costituzione, 10/B) nei giorni di martedì – giovedì – sabato, dalle ore 9.00 alle 12.30.
Le domande, compilate sul modulo in distribuzione presso l’ufficio, dovranno essere firmate dal richiedente davanti all’operatore incaricato previa esibizione del documento di identità valido.
I buoni-affitto sono contributi economici destinati ad aiutare i cittadini che si trovano in difficoltà nel pagamento del canone di locazione.
Per ulteriori informazioni: Istituzione “I Millefiori” (telefono 0522/654948) – URP (telefono 0522/655417) oppure consultare il sito www.comune.novellara.re.it

P.S. Se hai un minuto, fammi sapere se l’articolo ti è stato utile lasciandomi
un commento. Sarò più che felice di risponderti.