TANGENZIALE NOVELLARESE

tangenzialeGentile direttore, ho visto e letto che il nostro ex sindaco Del Rio ha partecipato al taglio di nastri di nuove strade e viadotti anche nella Sa-RC ; ovviamente un buon segno. Questo analogo giorno di festa a Novellara non si può fare in quanto un manipolo di “individui” si è opposto da decenni alla realizzazione dell’ultimo tratto, (il più significativo), della Bagnolo-Novellara. Si è costretti così a far deviare le numerosissime auto e mezzi pesanti vicino al centro, alle abitazioni di concittadini per riprendere dopo 4 Km. la suddetta tangenziale. Non siamo da Putin o Mugabe dove il problema espropri o visioni storiche non esisterebbe ma trenta anni ed oltre che esiste il progetto già finanziato, non sono sufficienti per accontentare il 98,5% della popolazione!! Questo sparuto gruppo di “individui”, furbescamente hanno approfittato dei sonni profondi delle precedenti Amministrazioni, (tutti compresi), per acquistare terreno probabilmente a buon prezzo, costruire vicino alla variante e poi riuscire purtroppo con cavilli, lacciuoli, malizie e facezie, ad ostacolare un’opera ritenuta dai novellaresi importantissima; pensi che in pochissimi giorni sono state raccolte più di tremila firme pro-tangenziale. Qualora si fermasse egregio direttore, non chieda del cosiddetto <<cono visivo>>, definizione data da presunti storici alla visione lontana di un vecchio mulino; la pacifica e accogliente nostra comunità non sarebbe più tale. I pessimisti prevedono tempi biblici per l’ultimazione del breve tratto stradale (poco più di 1 (uno) Km.!!!), per l’ostinazione pervicace dell’avversario. Questa opera non provocherebbe incidenti, code colossali, fermate al semaforo e una pessima qualità dell’aria dovute ai gas di scarico impressionanti, con rumori assordanti anche per i malati e gli ospiti della adiacente Casa della Carità. Ora con il prezioso lavoro del comitato pro-tangenziale che tiene viva la attenzione sul problema, confidando sul fatto che l’attuale amministrazione comunale voglia tracciare un solco netto sulle “dormite” del passato e si adoperi fattivamente presso gli organi preposti (es. Regione Emilia Romagna), mi auguro che si possa tagliare quanto prima il nastro tricolore (regalo di Natale 2017); festeggeremmo i 35 anni dall’emanazione del progetto! Ma…

Paolo Pagliani

Advertisements

Informazioni su il Portico on-line

... è ora di comunicare on-line
Questa voce è stata pubblicata in Paolo Pagliani. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...