UNA GRANDE FUGA RISCHIOSA

Gentile direttore, il mondo ci offre grandi occasioni ed è giusto che i nostri figli le sfruttino; che vadano pure all’estero a cercar fortuna, a creare, produrre e innovare. E’ la natura umana: esplorare ed essere curiosi. Tra l’altro, i 100 mila li abbiamo sostituiti con 245 mila stranieri, a cui aggiungere 30 mila italiani rientrati. Il saldo è positivo. Eppure il dato dell’Istat ha suscitato clamore e avrà strascichi politici che, come al solito, si risolveranno in nessuna reazione concreta. Ci dovremmo invece preoccupare per due ragioni. La prima è che il numero di chi esce si è alzato mentre il numero di chi entra è andato progressivamente riducendosi. Il Paese è meno attrattivo. Così come non arrivano gli investitori, arrivano meno lavoratori stranieri. La seconda ragione è molto più preoccupante ed è strettamente connessa alla prima. Perché quelli che se ne vanno sembrano essere i cosiddetti Cervelli in Fuga, giovani molto qualificati che in Italia non vogliono più stare perché frustrati da un sistema che premia le relazioni familiari, corporative, invece di esaltare la competitività e l’intraprendenza, cioè il merito. Le istituzioni, così come molte Università e imprese del settore privato, non riconoscono le competenze dei nostri giovani favorendo la mediocrità. E così scappano dalla burocrazia e da quella cultura genuflessa sul passato che ha rinnegato qualsiasi visione sul futuro. E’ un atteggiamento che purtroppo sta attecchendo in molte parti d’Europa spingendo ragazzi verso gli USA e sempre più verso l’Asia dove, invece, si costruisce il domani. Ne consegue, altro problema, che quelli che corrono da noi, eccezioni a parte, sono individui poco qualificati che trovano nel nostro Paese una speranza ma non un’opportunità.
Il saldo quantitativo di questo processo migratorio è positivo ma quello qualitativo è purtroppo desolatamente negativo. Perdiamo valore, perdiamo energia, perdiamo il futuro. I “talenti” sono una risorsa soprattutto nel contesto socio economico attuale dove la competitività si guadagna con le conoscenze e la capacità di fare innovazione; sono il motore del cambiamento. Se ne sono accorti i Paesi asiatici, anglosassoni, americani in cui non si vuole solo attrarre ma si vuole seminare spedendo i loro figli intorno al globo a contribuire e imparare. Per noi questo saldo negativo ci deve allarmare perché ovunque si punta tutto sulle competenze globali e dell’evoluzione tecnologica. Basta proclami, servono le riforme, certo, ma serve soprattutto una visione, l’idea di futuro che da troppo tempo ci manca.
Cordialità
Paolo Pagliani

Advertisements

Informazioni su il Portico on-line

... è ora di comunicare on-line
Questa voce è stata pubblicata in Paolo Pagliani e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...