GRADUATORIA DI FELICITA’

timthumbGentile direttore, leggevo che una rivista autorevole misura un indice molto particolare – e molto importante – della vita di un Paese: la felicità. E lo fa analizzando sei aspetti particolari, alcuni consueti – come la salute, l’assenza di corruzione e le aspettative di vita – e altri più insoliti. Fra questi figurano la generosità dei cittadini, la libertà di scelta e la possibilità di avere al fianco qualcuno su cui contare. E’ la Svizzera a ottenere pieni voti seguita dai Paesi anglosassoni, noi siamo al 45° posto su 130 Nazioni (male ma non malissimo); quella più triste è il Togo preceduto da Siria e Burundi. Credo che felicità non significhi assenza di dolore, di problemi, di fragilità. Significa vita sensata, condivisa con altri, concentrati sul dinamismo del voler bene a qualcuno. Quando sentiamo che le nostre giornate sono sensate, che abbiamo cura dell’essenziale, che ci impegniamo per ciò che ha un valore alto e permanente, nonostante le frustrazioni, le sofferenze, i limiti che scontiamo, il filo conduttore dell’esistenza è quello di una felicità discreta, concreta, pronta alla condivisione.
Cordialità
Paolo Pagliani
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...