LOTTA ALLA POVERTÀ: UNA PRIORITÀ

Gentile direttore, gli italiani poveri sono sempre di più: centomila persone al mese. Sommando gli indigenti cioè concittadini che non possono più acquistare cibo a sufficienza, medicinali, pagare la rata del mutuo o di affitto e non vivono una vita decente, arriviamo a ben dieci milioni. Un record che neppure gli addetti ai lavori si aspettavano e che conferma la Caporetto del vecchio welfare italiano davanti a questa lunga crisi, soprattutto nel Mezzogiorno. A questo punto il vero nodo è uno solo: scegliere la lotta alla povertà come punto qualificante del programma di governo. Finché l’esecutivo, rimasto immobile per un ventennio, non ne prende seriamente atto, la situazione può solo peggiorare. E’ una crescita fortissima l’accelerazione di un fenomeno in atto da tempo, che ha travolto gli argini colpendo anche fasce finora al riparo. La situazione era già precaria prima della crisi, le nostre politiche di servizi erano già praticamente inesistenti e in questi anni si sono ulteriormente ridotte, in particolare con il taglio dei trasferimenti ai Comuni. La crisi ha dunque impattato su un tessuto già logoro, pieno di buchi, senza che nessuno ci mettesse neppure una toppa, se non gli interventi di cassa integrazione per i lavoratori. Senza un cambio di approccio con un nuovo welfare di tipo “generativo”, continueremo ad assistere ad una spesa pubblica inefficiente e incapace di aiutare i poveri a uscire dalla condizione di povertà. Occorre da subito l’introduzione di un piano nazionale contro la povertà <<strutturale, pluriennale e con risorse che ne permettano l’avvio nel 2015>>. Anche il Gruppo Abele e Libera che tra l’altro hanno promosso “Miseria Ladra”, s’impegna in una campagna nazionale contro tutte le forme di povertà; sono dieci punti concreti su cui muoversi. Non possiamo pensare di continuare a non far nulla; bisogna incidere realmente chiedendo a questo governo riformista di mettere la lotta alla povertà fra le sue priorità. O pensiamo pensare ancora di fronte a 6 milioni di persone e 1,5 milioni di bambini in miseria? Di fronte a queste cifre drammatiche, (fonte Istat), speriamo che ne prendano atto, non accantonando il tema della lotta dicendo semplicemente che non ci sono soldi e che hanno bisogno di costruire prima un’anagrafe dell’assistenza. <<E’ impossibile non agire!>>.

Viva cordialità
Paolo Pagliani

Schermata 2014-07-22 a 16.12.43

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...