Novellara, approvato il bilancio 2012

Rigore, equità e tenuta dei servizi le parole chiave

E’ stato approvato nella seduta di giovedì 26 luglio il bilancio di previsione 2012 e documenti collegati con voto favorevole del gruppo di maggioranza e di quello sfavorevole di tutti i gruppi consiliari d’opposizione. Il Sindaco Raul Daoli all’apertura del Consiglio ha sottolineato come questo bilancio sia stato soggetto ad un “iter complesso e continuamente viziato e modificato da Roma dove non c’è stata alcuna intenzione di distinguere tra territori e sacrifici. Novellara già da tempo si sta sforzando nel contenere la spesa riorganizzando il personale e proprio a loro vanno i miei ringraziamento. La Giunta ha voluto anche dare un segnale di sostegno ai contribuenti più in difficoltà, riducendo l’addizionale Irpef sulla prima fascia”.

Addizionale comunale all’Irpef
La novità sostanziale rispetto al 2011 sta nell’aver applicato aliquote in misura progressiva per scaglioni di reddito, in sostituzione all’aliquota unica pari al 0,60% per alleggerire di fatto i redditi più bassi. L’esenzione dal pagamento per i contribuenti è confermata a  10.000 euro attuando le seguenti aliquote:

Scaglioni di reddito (in euro) Nuove aliquote
Da 0 a 15.000 0.55%
Da 15.000,01 a 28.000 0.65%
Da 28.000,01 a 55.000 0.70%
Da 55.000,01 a 75.000 0.75%
Oltre 75.000 0.80%

Le stime fin’ora in possesso hanno determinato un gettito dell’addizionale pari a 1.041.000, sostanzialmente in linea con quanto ottenuto negli anni precedenti, ma che determinerà un esenzione dal pagamento dell’imposta di oltre 900 contribuenti.

IMU
La manovra Imu approvata dal Consiglio Comunale verte sulla tutela della prima casa applicando le seguenti aliquote:

  • 5.0 per mille per abitazione principale e relative pertinenze (una per ogni categoria) con detrazione di 200 euro più 50 euro per ogni figlio minore di 26 anni convivente;
  • 7.6 per mille immobili locati con canone concordato;
  • 2.0 per mille per fabbricati rurali strumentali,
  • 10.6 per mille per abitazione sfitta e relative pertinenze
  • 9.1 per mille per tutti gli altri immobili non inseriti nelle precedenti categorie.

Limitatamente per l’anno 2012 è stata approvata l’esenzione della sola quota comunale per quelle abitazioni, e relative pertinenze nel limite di una unità per tipologia catastale C/6 – C/7 – C/2, che vengono concesse gratuitamente agli sfollati del sisma 20/29 maggio 2012, corredati di idonea documentazione attestante la condizione dell’immobile danneggiato, resta dovuta la quota da versare allo Stato pari allo 0,38%.

Il gettito IMU previsto è di 3.618.800 Euro e differisce dalle stime Ministeriali di circa 1.200.000,00 euro (stime Ministeriali euro 4.883.000,00).

Meno risorse statali
I trasferimenti erariali sono passati da oltre 2.5 milioni di euro a poco più di 600.000,00 euro nel 2012 e si prevede che nell’arco del biennio una riduzione complessiva di € 1.997.000,00.
Per compensare questi continui tagli l’amministrazione comunale prosegue ormai da anni le azioni di riorganizzazione interna che hanno comportato notevoli riduzioni nel costo del personale (326mila euro in meno rispetto al 2011), un “consumo” degli oneri di urbanizzazione alla parte corrente per 215.000 euro (su un gettito complessivo di 959.000,00) e più in generale di contenimento della spesa corrente di un importo 680.000,00 euro.

Rispettato il Patto di stabilità
Significativo lo sforzo per rispettare il Patto di Stabilità interno, che richiede al Comune di Novellara una manovra aggiuntiva di oltre 1,3 mln di euro.
Auspicando di avere ancora al nostro fianco la Regione Emilia – Romagna, che già nel 2011 ha contributo in modo determinante al raggiungimento dell’obiettivo, l’Amministrazione comunale, per centrare questo traguardo mette in campo un’azione straordinaria che comprende il rimborso anticipato di prestiti contratti per mutui per 200mila euro. Questa operazione, che prevede l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione del 2011, è in linea con gli sforzi compiuti dal Governo italiano per ridurre il debito pubblico e porterà dei benefici, sulle rate dei prestiti dei prossimi 5 anni. Naturalmente, grandi sono i sacrifici richiesti in termini di contrazione della spesa e di incremento delle entrate, dovendo il Comune produrre un “utile” di così grande dimensione.

Servizi alla persona: incidono per il 46% sul totale delle spese
Aumentano i residenti, si diversificano le richieste, sempre più complesse da gestire da parte degli operatori (si pensi all’invecchiamento della popolazione con patologie degenerative, l’inserimento di bambini stranieri nei contesti educativi, alle nuove povertà) ma la Giunta ha voluto mantener alto il proprio presidio sui servizi alla persona dove i costi aumentano non per inefficienze ma per fattori sempre meno sotto controllo da parte del comune (iva, aumento carburante, nuovi contratti dei dipendenti pubblici).

Investimenti
Gli investimenti previsti per il 2012 sono pari a 3.388.550 euro, concentrati su opere di priorità assoluta per la comunità: il Campus scolastico, l’ampliamento della scuola d’infanzia il Girasole in via Falasca, ultimazione del sopralzo della Casa Protetta e la conclusione del Parco Augusto Daolio), oltre ai stanziamenti purtroppo assai più modesti per la manutenzione della viabilità e degli edifici.

 Terremoto
Per le prossime annualità 2013 2014 sono stati previsti dei fondi utili volti all’adeguamento dell’ala nord e ala est della Rocca, situazione che però potrà cambiare in seguito ad eventuali approfondimenti e nuove indicazioni dagli enti preposti per la gestione del post-terremoto.

Comune di Novellara
Piazzale Marconi, 1 – 42017 Novellara (RE)

Tel. 0522-655459 – Fax 0522-652057
e-mail:s.germani@comune.novellara.re.it
Internet:  www.comune.novellara.re.it

1 Comment

  1. Il bilancio di previsione 2012 non è stato sicuramente un bilancio facile da redigere e non poteva non risentire della situazione generale in cui si trova il paese, attraversato da grandi incertezze e insediato da una crisi economico-finanziaria che ha letteralmente modificato in peggio la qualità della vita di una larga maggioranza di popolazione ed ha rivoluzionato le priorità dell’agire politico. In una tale fase, i partiti politici che formano la maggioranza, hanno ancor di più il compito di sostenere e determinare (anche con senso di responsabilità) le linee di indirizzo che l’amministrazione deve seguire. E’ sempre più difficile, per chi amministra, dare risposte adeguate ai cittadini in termini di efficienza e di qualità dei servizi erogati. Le conseguenze della crisi economica si avvertono in tutta la nostra Provincia e lo si può anche vedere dai dati relativi ai cassaintegrati e disoccupati, soprattutto giovani. Le misure adottate dal Governo Monti per arginare la crisi e salvare il paese dal possibile rischio default incidono pesantemente sui cittadini e sulle famiglie, provocando malessere e paura per l’incertezza del futuro. Questa situazione è stata pesantemente aggravata dal verificarsi di una serie di importanti eventi sismici che hanno interessato le Province di Modena, Reggio e Ferrara, la cui gravità e le cui conseguenze sono ancora in corso di verifica da parte degli enti locali coinvolti. Ancora oggi ci sono molte persone sfollate in Provincia di Reggio Emilia, diverse sono le strutture scolastiche non più agibili, così come altre strutture pubbliche e beni storici. Anche Novellara ha registrato diversi danni e disagi, seppure in misura inferiore rispetto ad altre realtà a noi molto vicine.
    Riteniamo (dopo tutte queste considerazioni) che l’approvazione del bilancio debba necessariamente tenere conto del grave contesto che crisi economica e eventi sismici hanno provocato sul nostro territorio e soprattutto nei territori limitrofi; che tale approvazione debba essere accompagnata dalla forte consapevolezza politica che, oggi più che mai, è indispensabile individuare ed investire in scelte prioritarie e strategiche per l’interesse della cittadinanza e del territorio. Mi sento di poter dire che il bilancio, che oggi ci viene presentato , è il frutto di un confronto e di discussioni costruttive all’interno della maggioranza.
    I Consiglieri PD del Gruppo di Maggioranza : riconoscono e sostengono l’impegno della Giunta, che ha operato scelte e tagli INDISPENSABILI al fine di non aggravare eccessivamente il peso fiscale sui cittadini e sulle famiglie; auspicano, sostengono e ribadiscono (anche in una visione più futura) alcune linee guida importanti come:
    Il mantenimento dei servizi ai cittadini sino ad ora offerti, anche ottimizzando la gestione del personale;
    Il deciso contenimento delle spese non prettamente indispensabili;
    Equità sociale e redistribuzione del reddito;
    Un deciso impegno nel segno della sobrietà, del rigore, della lotta all’evasione fiscale e della solidarietà territoriale che deve caratterizzare l’operato dell’amministrazione;
    Un maggiore sforzo di comunicazione ai cittadini, soprattutto con incontri pubblici in presenza, in particolare relativamente ai nuovi meccanismi di fiscalità e di strutturazione del bilancio stesso, gli investimenti previsti, le tematiche ambientali;
    La conferma e la continuità degli impegni già presi in materia di politiche educative, che devono rappresentare impegni prioritari per garantire un futuro di qualità a tutta la popolazione;
    L’impegno nell’affrontare il tema del WELFARE in una società in continua evoluzione tra crescenti e nuovi bisogni, disagi e povertà; garantire politiche ambientali attente ad uno sviluppo sostenibile del territorio; l’impegno a risolvere la questione della viabilità legata alla Tangenziale;
    Continuare a sollecitare c/o l’ANCI affinchè venga fatta pressione sul Governo centrale al fine di modificare l’attuale Patto di Stabilità che limita in modo determinante e deleterio l’autonomia e l’azione politica delle amministrazioni locali.
    In un’ottica di maggiore equità, va la rimodulazione del peso dell’Addizionale Com. Irpef (resa possibile dai tagli alla spesa corrente), introducendo criteri di progressività utilizzando scaglioni di reddito e mantenendo una soglia di esenzione fino a 10.000 € a tutela dei redditi più bassi. Discorso più complesso è quello dell’IMU, che in buona parte andrà allo Stato riducendo così ulteriormente l’autonomia dei Comuni. In tale scenario, sarebbe stato meglio incidere maggiormente sui grandi patrimoni immobiliari con una “patrimoniale”, come ha sempre sostenuto il PD. Si è comunque cercato di restare nella media delle aliquote dei paesi vicini, di non gravare eccessivamente sulle abitazioni principali, ma spingere maggiormente sulle seconde case (sfitte), introducendo anche detrazioni ed agevolazioni per la prima casa.
    Dopo tutte queste considerazioni e riflessioni, il nostro voto al Bilancio di previsione 2012 sarà favorevole.

    Milena Saccani Vezzani
    Capogruppo “UNITI per NOVELLARA”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...