IL CONSUMISMO CHE CONSUMA

Caro direttore,
andiamo fieri del nostro consumismo definendolo progresso e benessere, proponendolo al resto del mondo. E se ci sbagliassimo, accorgendoci che la vera ricchezza è un’altra consumando di meno, scoprendo che vivere più semplicemente si recupera in qualità della vita? Un aspetto che non consideriamo è il tempo. Prima di tutto quello che passiamo al lavoro per guadagnare i soldi necessari per i nostri acquisti, esempio l’automobile che se uno prende mille euro al mese, impiega oltre un anno di fila per comprarla di medie dimensioni; e siamo solo all’inizio, (bollo, benzina, ecc.), si stima 0,50 euro al Km. Se aggiungiamo il il tempo passato nel traffico, per trovare un parcheggio, manutenzione, la macchina assorbe ogni anno un migliaio di ore della nostra vita. Facciamo lo steso calcolo per tutti gli altri beni e ci accorgeremmo di vivere per consumare considerando che ogni casa mediamente dispone di 10.000 oggetti, (gli indiani navajos 236) e che dobbiamo per ognuno di essi lavorare, pulirli, sistemarli, fare la coda al supermercato; calcolando tutto è un lavoro forzato questo superconsumo, che ci succhia la vita. Gran parte non serve a niente di ciò che produciamo, per questo nella nostra società si è sviluppato un grande apparato di pubblicità, televendite, promozioni, per convincere la gente a consumare. Gran parte dei nostri rifiuti finisce nelle discariche e nonostante tutti gli accorgimenti, filtra oggi, filtra domani, le falde possono inquinarsi; se si finisce nell’inceneritore la nostra spazzatura può ritornarci sotto forma di diossina. Si dice che è il prezzo da pagare per il progresso ma chiamiamo le cose con il loro nome: questo non è il prezzo del progresso bensì il boomerang dello spreco. Il ritmo delle nostre giornate è scandito dagli orari di lavoro e per soddisfare le esigenze familiari bisogna fare i salti mortali sacrificando gli anziani, i bambini, la vita di coppia, si diserta la vita sociale. Bisogna correre, arrangiarsi, il tempo non basta. Compaiono le insonnie, le nevrosi, le crisi di coppia, i disagi “tenuti a bada” dall’alcol e dalle sostanze, la microcriminalità dei giovani abbandonati a sé stessi; c’è un consumo spaventoso di tranquillanti e antidepressivi e molti di noi non riescono a dormire senza sonniferi. Decidendo di passare il sabato, o peggio la domenica, nei santuari della società consumistica, cioè gli ipermercati, se ci facessimo una domanda semplice, semplice, quando mettiamo mano al portafogli: “Il nuovo acquisto che sto per fare vale lo stress che ho procurato alla mia vita? Vale l’affetto che ho fatto mancare ai miei figli? Vale la litigata che ho fatto con il mio partner? Il mio nuovo acquisto contribuisce a rendere il mondo migliore, più sicuro, più sano?.

Cordialmente
                                                                                              Paolo Pagliani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...