ELOGIO DEI PIEDI

Sono lontani, conoscono il suolo, le spine, i serpenti, l’aspro e lo sdrucciolo, sono tutto l’equilibrio del corpo… Reggono l’intero peso, sanno correre sugli scogli…, sanno saltare e non è colpa loro se più in alto nello scheletro non ci sono ali… Gli antichi li amavano e per prima cura di ospitalità li lavavano al viandante. Sanno pregare dondolandosi davanti a un muro o ripiegati dietro un inginocchiatoio… Non sanno accusare e non impugnano armi e sono stati crocifissi.
Erri De Luca

Sono solo alcune battute di un suggestivo <<elogio dei piedi>> che lo scrittore De Luca ha lasciato in un testo minore che raccoglie un suo intervento. Sono necessarie queste estremità spesso bistrattate (ragionare coi piedi, si ironizza) e che invece sono un capolavoro di <<tecnica>>, dato che riescono a sostenere un peso così notevole com’è è quello del nostro corpo su una superficie così ridotta, per di più spesso in una situazione di movimento. Con l’Homo erectus l’umanità ha cominciato a dominare l’orizzonte, a perlustrarlo, a comprenderlo e ha iniziato a levare il capo verso il cielo, cioè l’infinito. E questo è stato possibile grazie ai piedi, realtà modesta che rivela la sua preziosità e la lezione da trarre è facile. Noi non badiamo alle mille persone o cose quotidiane che ci permettono di vivere, pur rimanendo nascoste e quasi inavvertite: come vivremmo, infatti, senza l’aria o l’acqua, realtà apparentemente così scontate e modeste?
Serena giornata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...